13.9 C
Belluno
venerdì, Maggio 7, 2021
Home Prima Pagina Conclusa l’evacuazione degli ospiti della Casa di riposo di Puos d’Alpago. Grande...

Conclusa l’evacuazione degli ospiti della Casa di riposo di Puos d’Alpago. Grande collaborazione tra Protezione Civile, Ulss Dolomiti e CREU

Si è conclusa, alle 16.30 l’evacuazione degli ospiti della Casa di riposo di Puos d’Alpago, dopo l’allagamento che ha interessato la struttura nella notte.
Tutti i 76 ospiti, covid negativi, sono stati accolti in strutture del territorio (40 nella RSA Marmarole di Pieve di Cadore dove è stato inviato anche il personale della casa di riposo di Puos, 14 in ospedale a Feltre, 12 nella RSA di Ponte nelle Alpi, 4 nella RSA di Santa Croce, 2 in ospedale a Pieve i Cadore e 4 persone sono state accolte a domicilio dai familiari). Da segnalare anche la disponibilità data dalla casa di riposo di Pedavena, non utilizzata.

I mezzi inviati dal CREU e coordinati dalla Centrale Suem 118 dell’Ulss Dolomiti sono stati 32. Oltre agli equipaggi dell’Ulss Dolomiti hanno collaborato ai trasferimenti le associazioni: Vola, Croce Rossa Italiana Belluno, Eva Alpago, Croce Verde Marca, Protezione Civile Mareno, ESAM, Croce Azzurra, Croce Bianca Montebelluna, Croce Verde Marcon, Prealpi soccorso, Protezione Civile Casale, Croce Rossa Mestre, Treviso, Mareno, Venezia, Noale.

«Ringrazio tutti per il grande impegno e il risultato ottenuto in breve tempo in condizioni di difficoltà elevatissime – ha detto il direttore generale Adriano Rasi Caldogno – ancora una volta il coordinamento dell’emergenza e la grande disponibilità di operatori e volontari hanno permesso di gestire la situazione con tempestività e attenzione alle persone».

Le operazioni sono iniziate all’alba con la regia della Protezione Civile per il trasferimento degli ospiti del Centro servizi. Per massima sicurezza e per assicurare la miglior assistenza, la Direzione dell’Ulss Dolomiti ha attivato un coordinamento coinvolgendo il CREU della Regione del Veneto, la Centrale SUEM 118, i distretti, le direzioni mediche e le strutture territoriali per raccogliere le disponibilità e organizzare i trasferimenti, riscontrando grande collaborazione a tutti i livelli.

Il direttore sanitario dell’Ulss Dolomiti, Giovanni Maria Pittoni, raggiunto poi dal direttore dei servizi sociali Gian Antonio Dei Tos, in accordo col la direzione della struttura e con il supporto di un coordinatore inviato dal CREU ha eseguito un triage, hanno individuato per ciascun ospite la miglior sede di accoglienza in base alle condizioni cliniche e avendo cura di ridurre al minimo i disagi.
Le direzioni mediche e distrettuali hanno organizzato l’accoglienza negli ospedali e nelle strutture territoriali. Da segnalare infine la grande disponibilità degli altri centri di servizio nell’accogliere gli ospiti.

Share
- Advertisment -

Popolari

Efficientamento energetico, dissesto idrogeologico e sicurezza stradale. Belluno, Zoppè e Limana assegnatari di 384.640 euro

Belluno, Zoppè di Cadore e Limana sono i tre comuni del Bellunese tra i primi assegnatari dei fondi del Bando per l'efficientamento energetico. Secondo...

Fondo per i comprensori sciistici. De Carlo: “Soddisfatti, ma il provvedimento è troppo sbilanciato verso il Trentino Alto Adige”

“Abbiamo cercato di migliorare il Fondo per la montagna previsto dal Decreto Sostegni, provando a riequilibrare la ripartizione delle risorse su tutte le regioni,...

Fitoche, un progetto per salvare la montagna veneta, gli allevamenti e le produzioni

Il presidente Floriano De Franceschi: "un'iniziativa trasversale, con partner i cinque caseifici veneti di montagna, gli allevamenti ed il mondo della ricerca universitaria" Vicenza, 7...

Nuovo punto vaccinale a Sedico con Luxottica

Belluno, 7 maggio 2021 – L’Ulss Dolomiti, Comune di Sedico e Luxottica hanno definito congiuntamente un percorso collaborativo per attivare un nuovo Centro vaccinale...
Share