13.9 C
Belluno
domenica, Maggio 16, 2021
Home Cronaca/Politica 16 pecore uccise dai lupi in Alpago. de Rocco (Coldiretti): "Non abbandonateci...

16 pecore uccise dai lupi in Alpago. de Rocco (Coldiretti): “Non abbandonateci o a pagare sarà l’intero territorio bellunese”

E’ di oggi la notizia di un allevatore dell’Alpago di 16 pecore uccise quasi sicuramente dall’attacco dei lupi, 7 sopravvissute con gravi ferite e 8 ancora disperse.

Sulla questione interviene Alessandro de Rocco, presidente di Coldiretti Belluno: “Sfido qualsiasi cittadino a rimanere sereno dopo l’ennesimo furto in casa con i ladri impuniti ed anzi tutelati. Abbiamo messo gli antifurti, le reti elettrificate, fatto i contratti con la guardiania, i pastori maremmani, attivato le polizze contro il furto, risarcimento
del danno, paghiamo consulenti faunistici per formare gli allevatori sull’etologia del lupo e sui comportamenti da assumere. Ciononostante i “cattivi” siamo noi”.

Il presidente di di Coldiretti Belluno esprime tutta l’urgenza e frustrazione di un settore messo in crisi non tanto da un predatore, bensì dall’incapacità di gestire il problema da parte delle autorità competenti.

“Non vogliamo, né chiediamo, azioni drastiche, ma è necessaria un’attenzione che permetta agli allevatori di svolgere il proprio lavoro che è anche e soprattutto mantenimento e conservazione dei pascoli e dei paesaggi alpini – aggiunge De Rocco – Senza l’allevamento c’è l’abbandono della montagna e con tutto quello che ne consegue. E siamo sulla buona strada. Proponiamo che la provincia di Belluno divenga territorio pilota per un vero e proprio progetto sperimentale di un piano Lupo nazionale”.

Peraltro è di questi giorni la notizia che il TAR del Veneto ha sospeso il piano di abbattimento selettivo di cervi, che continuano ad imperversare sulle coltivazioni, non solo distruggendole, ma addirittura creando gravi rischi di zoonosi per gli stessi allevamenti. Oltre che mettere a rischio seriamente molte specie forestali: “Il mondo agricolo per sua storia e natura vuole vivere nel territorio dove lavora, senza sopraffazioni, ma anzi per una
convivenza con madre natura – conclude il presidente di Coldiretti Belluno – E su questo piano lavoriamo per migliorare le tecniche di allevamento e coltivazione sempre più sostenibili, anche perché ci crediamo profondamente. Stesso atteggiamento non troviamo in tante associazioni che si dichiarano ambientaliste, ma che in realtà sono fuori dalla realtà”.

Share
- Advertisment -

Popolari

Incidenti in montagna

Val di Zoldo (BL), 15 - 05 - 21  Passate le 16 è scattato l'allarme per un'escursionista che, durante una camminata nei boschi in...

Avvicendamento al Gruppo alpini di Salce: Massimo De Vecchi subentra a Cesare Colbertaldo

Belluno, 15 maggio 2021 - Massimo De Vecchi è stato eletto al vertice del Gruppo alpini di Salce "Gen. P. Zaglio". Lo ha deciso...

Biennale di Venezia. Dolomiti Contemporanee è parte di Comunità Resilienti al Padiglione Italia della 17ma Mostra Internazionale di Architettura

Comunità Resilienti Padiglione Italia alla Biennale Architettura 2021 17. Mostra Internazionale di Architettura - La Biennale di Venezia. Arsenale – Tese delle Vergini 22 maggio/21 novembre 2021 Vernice: venerdì...

Gruppo FS italiane. Verificate le procedure di sicurezza nella galleria Fadalto sulla linea Conegliano-Ponte nelle Alpi

Belluno, 15 maggio 2021  -  Verificare in un caso di emergenza l'efficacia delle procedure, dei tempi di risposta, e del coordinamento delle strutture sul territorio,...
Share