13.9 C
Belluno
sabato, Settembre 19, 2020
Home Cronaca/Politica 16 pecore uccise dai lupi in Alpago. de Rocco (Coldiretti): "Non abbandonateci...

16 pecore uccise dai lupi in Alpago. de Rocco (Coldiretti): “Non abbandonateci o a pagare sarà l’intero territorio bellunese”

E’ di oggi la notizia di un allevatore dell’Alpago di 16 pecore uccise quasi sicuramente dall’attacco dei lupi, 7 sopravvissute con gravi ferite e 8 ancora disperse.

Sulla questione interviene Alessandro de Rocco, presidente di Coldiretti Belluno: “Sfido qualsiasi cittadino a rimanere sereno dopo l’ennesimo furto in casa con i ladri impuniti ed anzi tutelati. Abbiamo messo gli antifurti, le reti elettrificate, fatto i contratti con la guardiania, i pastori maremmani, attivato le polizze contro il furto, risarcimento
del danno, paghiamo consulenti faunistici per formare gli allevatori sull’etologia del lupo e sui comportamenti da assumere. Ciononostante i “cattivi” siamo noi”.

Il presidente di di Coldiretti Belluno esprime tutta l’urgenza e frustrazione di un settore messo in crisi non tanto da un predatore, bensì dall’incapacità di gestire il problema da parte delle autorità competenti.

“Non vogliamo, né chiediamo, azioni drastiche, ma è necessaria un’attenzione che permetta agli allevatori di svolgere il proprio lavoro che è anche e soprattutto mantenimento e conservazione dei pascoli e dei paesaggi alpini – aggiunge De Rocco – Senza l’allevamento c’è l’abbandono della montagna e con tutto quello che ne consegue. E siamo sulla buona strada. Proponiamo che la provincia di Belluno divenga territorio pilota per un vero e proprio progetto sperimentale di un piano Lupo nazionale”.

Peraltro è di questi giorni la notizia che il TAR del Veneto ha sospeso il piano di abbattimento selettivo di cervi, che continuano ad imperversare sulle coltivazioni, non solo distruggendole, ma addirittura creando gravi rischi di zoonosi per gli stessi allevamenti. Oltre che mettere a rischio seriamente molte specie forestali: “Il mondo agricolo per sua storia e natura vuole vivere nel territorio dove lavora, senza sopraffazioni, ma anzi per una
convivenza con madre natura – conclude il presidente di Coldiretti Belluno – E su questo piano lavoriamo per migliorare le tecniche di allevamento e coltivazione sempre più sostenibili, anche perché ci crediamo profondamente. Stesso atteggiamento non troviamo in tante associazioni che si dichiarano ambientaliste, ma che in realtà sono fuori dalla realtà”.

Share
- Advertisment -



Popolari

Gli appuntamenti di settembre e ottobre all’Insolita storia

Proseguono gli appuntamenti culturali al bar Insolita Storia di Belluno. Dopo il successo di giovedì 17 settembre con la presentazione del libro "sette giorni...

Auto e moto d’epoca. Il più importante mercato europeo dal 22 al 25 ottobre alla Fiera di Padova

Torna la rassegna Auto e moto d'epoca alla Fiera di Padova dal 22 al 25 ottobre 2020 L'edizione di quest'anno inizia all’insegna dell’emozione con due...

L’Ugo nel pagliaio. Venerdì alla Libreria Tarantola la presentazione del libro di Rapezzi

Riprendono gli incontri alla Libreria Tarantola di Belluno. Venerdì 25 settembre con inizio alle 18.30 si terrà la presentazione dell’ultimo libro di Ugo Rapezzi....

Contributi regionali per 6 milioni e mezzo per la valorizzazione delle destinazioni turistiche i

Venezia, 18 settembre 2020   “Le conseguenze del lungo periodo di lockdown ci hanno imposto la necessità di un rilancio complessivo e immediato dell’economia veneta...
Share