13.9 C
Belluno
mercoledì, Aprile 21, 2021
Home Lavoro, Economia, Turismo Lockdown, caro mi costi!

Lockdown, caro mi costi!

Non c’è dubbio: il lockdown ha sicuramente inciso sul nostro modo di fare acquisti: ad esempio in Veneto, territorio tra i più dinamici e positivi verso la crisi, si è visto un deciso incremento di prodotti Hi tech, in particolare piccoli elettrodomestici, mentre restano in sofferenza il mercato dell’auto, dell’arredamento e grandi elettrodomestici. In particolare per ciò che riguarda questi ultimi, il trend potrebbe essere dettato dalla crisi ma anche da scelte più green nella vita dei veneti: riparare questi dispositivi non solo fa decisamente risparmiare ma limita la produzione di Co2 e materiali di scarto prodotti. Se sei nella situazione di non sapere se acquistare un nuovo elettrodomestico o riparare il vecchio, potrebbe aiutarti a decidere sapere che puoi trovare tecnici esperti in riparazione elettrodomestici a Treviso, l’importante è scegliere con cura professionisti del mestiere, meglio se certificati, che sapranno aggiustare ogni guasto in poche ore.

Continuando a parlare di lockdown e consumi, allargando lo sguardo si vede come gli acquisti di tutti gli italiani siano cambiati durante questo periodo. Innanzitutto si è visto il boom dell’e-commerce: le ricerche sui portali sono clamorosamente intensificate e sono tantissime le persone che per la prima volta hanno fatto un acquisto online. Cosa hanno acquistato i nostri connazionali? In particolare cose per la casa e giardino, ma anche elettronica, vestiti, ricambi auto e prodotti per collezionismo. Questo è quello che hanno rilevato i dati registrati da eBay, famoso mercato web. Non è cresciuta solo la domanda, ma anche l’offerta: a marzo 2020 le imprese presenti sul portale sono aumentate del 40%. Continuando a parlare di dati, i tassi di crescita dell’e-commerce si attestano tra il 23% e il 26% in più rispetto al primo quadrimestre dello scorso anno, rilevando che forse il futuro dello shopping è sempre più telematico.

Vediamo ora nello specifico ciò che gli italiani hanno acquistato per rendere più dolce questa fase 1 di lockdown. In aumento entertainment ed e-commerce Steam Games (+270%), Playstation (+188%) e Nintendo (+86%) hanno registrato tra i piú alti incrementi nel numero di transazioni, poiché lo stare a casa ha invogliato molte persone a giocare ai videogames e ad approfittare di diverse tipologie di servizi online.  Ad esempio, sono aumentate anche le transazioni relative ai servizi di streaming, da Netflix (+26%) a Spotify (+13%) passando per le piattaforme che ne facilitano la condivisione come Together Price (+16%). Anche i retailer come Aliexpress (+90%), Apple (+37%) e Amazon (+38%) hanno registrato un aumento significativo delle transazioni, probabilmente anche dovuto, in parte, al fatto che diverse persone si sono dovute organizzare per il lavoro da casa durante il lockdown.

Le visite ai supermercati diminuiscono ma aumenta la spesa, anche grazie alle app che hanno consentito di fare la spesa quotidiana online per farsela consegnare a casa. Mentre i dati indicano che le persone hanno effettuato il 48% in meno di transazioni presso i principali supermercati, l’importo totale speso è del 21% più alto. Questa tendenza si riscontra in tutta l’Italia, senza particolari differenze tra piccoli e grandi centri urbani. Ciò indica che nonostante la popolazione stia acquistando meno spesso, acquista più prodotti del solito poiché rimanendo a casa non mangia fuori, in ufficio o a scuola. Ristoranti e trasporti Bar e ristoranti hanno subito una drastica riduzione delle transazioni, con un decremento del 90%, in parte controbilanciato dagli operatori di food delivery che hanno invece registrato un aumento, come Glovo (+26%) e Just Eat (+8%).  Anche viaggi e trasporti sono stati impattati dalle restrizioni: Flixbus -93%, Trenitalia -92%, Booking.com -85%, Trainline -76% e Uber -66%.

Share
- Advertisment -

Popolari

Variante Tai di Cadore, conclusa la conferenza dei servizi. Commissario Gemme: “In corso la redazione del progetto. Poi la gara per affidare i lavori”

Si è conclusa ieri la seduta finale della Conferenza di Servizi che ha autorizzato il progetto definitivo della Variante di Tai di Cadore, al...

Al via la IV edizione del Premio traduzione per studenti al 4° e 5° anno delle superiori

Al via le iscrizioni alla IV Edizione del Premio Traduzione SSML – Fusp sede di Belluno. La sfida che ogni anno il corso triennale...

Nuovo Commissario per la gestione post Vaia. Scarzanella: «Soragni figura di rilievo, ora un ragionamento condiviso con le imprese»

Ugo Soragni è il nuovo Commissario delegato per l'emergenza legata alla tempesta Vaia. Già direttore dei Musei del ministero dei Beni Culturali, raccoglie il...

Avvicendamento alla Lega giovani: Paolo Luciani lascia, entra Marco Donno

Belluno, 20.4.2021 - Cambio al vertice della Lega Giovani della Provincia di Belluno. Il coordinamento provinciale giovanile leghista si aggiorna dopo quattro anni per...
Share