13.9 C
Belluno
venerdì, Aprile 23, 2021
Home Arte, Cultura, Spettacoli Lago Film Fest. Viviana Carlet e Carlo Migotto lasciano la direzione artistica...

Lago Film Fest. Viviana Carlet e Carlo Migotto lasciano la direzione artistica e lanciano la Piattaforma Lago

Carlo Migotto, Viviana Carlet,
Morena Faverin

Revine Lago (Treviso), 7 agosto 2020 – Un’edizione (la sedicesima) memorabile e da record, se commisurata al momento storico che stiamo vivendo che si conclude con una grande novità che è stata annunciata solo dopo le premiazioni dei film vincitori.
Viviana Carlet (classe 1979) fondatrice del Lago Film Fest e Carlo Migotto (classe 1984) lasciano la direzione artistica del festival per dedicarsi allo sviluppo dell’ambizioso progetto di Piattaforma Lago.
Commenta Viviana Carlet: “Da 16 anni costruiamo con pazienza e passione uno spazio/tempo di incontro e di scambio, creando relazioni e portando il mondo a casa
nostra, perché crediamo sia il luogo più bello, che racconta la nostra storia e ha bisogno di ossigeno per vivere e crescere. Abbiamo iniziato sognando e ora non riusciamo più a smettere”.
Continua Carlo Migotto (co-direttore artistico di Lago Film Fest dal 2009): “Il festival non ha mai smesso di crescere grazie ai talenti delle persone che, negli anni, hanno portato a Lago esperienze, stimoli, competenze e urgenze. I tempi sono maturi per dare la possibilità ad un nuovo direttivo di far crescere e re-inventare questo piccolo grande sogno condiviso”.
Piena di emozioni e di novità questa speciale edizione di Lago Film Fest che dopo sedici anni si vede inserita in un panorama più ricco, strutturato e che sceglie di dare spazio ad un più ampio ventaglio di forme ed espressioni artistiche. Piattaforma Lago, così si è scelto di chiamare il collettivo (nato dall’esperienza di Lago Film Fest) di ricerca, produzione e divulgazione di progetti artistici focalizzati all’attivazione di comunità periferiche, in un’ottica di generazione di benessere culturale e sociale grazie a processi di ascolto, rilettura e valorizzazione delle micro comunità internazionali.
I nuovi direttori artistici di Lago Film Fest non saranno più quindi Viviana Carlet e Carlo Migotto, cui spetta l’incarico dello sviluppo e gestione di Piattaforma Lago – di cui il festival è uno dei progetti di punta; prenderanno il testimone Morena Faverin (classe 1988) che dall’anno scorso affiancava Migotto e Carlet alla direzione, Mirta Ursula Gariboldi (classe 1995) e Alessandro Del Re (classe 1992). A loro il compito di guidare lo sviluppo e la crescita del festival per i prossimi due anni.

Questa conclusione segna dunque un nuovo inizio per Lago Film Fest che in questo
particolare anno si è visto rinnovato nella sua forma ma che non ha mai abbandonato quella che è sempre stata la sua intenzione e che sempre resterà tale:
valorizzare il cinema indipendente, rendendolo accessibile ad un pubblico eterogeneo e non necessariamente legato al mondo del cinema e del cortometraggio. LFF continuerà dunque a incantare e affascinare chi ne fruisce con l’atmosfera magica che lo caratterizza e che trasporta in una realtà sospesa, al di fuori dal tempo e dallo spazio, sotto le stelle della meravigliosa location che da anni lo ospita e che per tutti quelli che hanno la fortuna di visitare resterà per sempre un po’ casa.
I vincitori di questa fantastica edizione, costellata da dieci giorni di inarrestabile tutto
esaurito e commenti estremamente positivi da parte di un pubblico coinvolto
direttamente: quest’anno ad assegnare i premi è stata la giuria popolare.
Vince nella categoria Internazionali November 1st di Charlie Manton, film inglese che narra di un viaggio rivelatore di una madre e una figlia che attraversano gli Stati Uniti per assistere all’esecuzione dell’omicidio del rispettivo figlio e fratello.
Il premio al miglior film della competizione Nuovi Segni è stato assegnato a Max Hattler, videoartista tedesco che torna a Lago Film Fest con Serial Parallels, animazione sperimentale che mette in scena la città di Hong Kong come una serie di strisce di pellicola fotografica.
Tra i Nazionali, il film vincitore è stato Auspicio, opera nata dal genio dei trentini Elena Goatelli e Angel Esteban che riflette sull’importanza del volo degli uccelli e racconta di come oggigiorno la nostra sopravvivenza dipenda dall’abilità di capire il loro messaggio. Molto acclamata dal pubblico, vince invece il premio a miglior film della categoria Regione del Veneto Rifugi, l’opera prima della veneta Elena Griggio, che si affaccia al mondo del cinema dopo anni di teatro e ritrae una coppia sull’isola di Pellestrina, lontana dal mondo, persa nel tempo e tra le loro effusioni.
Due cortometraggi francesi hanno ricevuto la Menzione Speciale, Rap Night di Salvatore Lista e Rose Minitel di Olivier Cheval. Entrambe sono storie d’amore ed entrambe si raccontano attraverso la musica: il film di Lista parla di una crisi di coppia, di violenza e brutalità poliziesca, mentre nel musical vaporwave di Olivier Cheval Brocatello, la protagonista, rimargina le ferite di un amore perduto attraverso il Minitel: primo esempio di messaggistica istantanea.
Si aggiudica il premio come miglior film della competizione Unicef Teens l’australiano Rebooted di Michael Shanks, una lettera d’amore alla magia del cinema vecchio stile attraverso il malinconico racconto di uno scheletro che cerca il suo posto in un mondo che cambia rapidamente sotto i suoi piedi di silicone e stop-motion. La Menzione speciale della competizione dedicata ai teeneger va invece alla cinica animazione francese in stop motion Tick di Fabienne Priess & Levin Tamoj.
Per la competizione Unicef kids il corto premiato è l’animazione Gunpowder di Romane Faure, Nathanael Perron, Léa Detrain, Benoît de Geyer d’Orth, Pei-Hsuan Lin, Anne-Lise Kubiak, che narra le tragicomiche avventure di un amante del tè disposto a volare in Cina pur di riempire le teiere vuote. Conquista infine la menzione speciale della categoria dedicata ai più piccoli la divertente storia d’amore canina Hot Dog di Flore Burban, Logan Cameron, Nicolas Diaz, Chloé Raimondo, Hugues Valin.

Share
- Advertisment -

Popolari

Eventi culturali a Borgo Valbelluna

Il Premio Letterario Nazionale “Trichiana Paese del Libro”, fiore all’occhiello delle iniziative in Sinistra Piave, vede confermata la presenza dello scrittore veneziano Tiziano Scarpa...

Apre Decathlon, nell’area riqualificata ex Comedil a Ponte nelle Alpi

Ponte nelle Alpi, 23 aprile 2021 - È il primo in provincia di Belluno. E da oggi ha aperto ufficialmente i battenti: il nuovo...

Lettera dei sindaci ai politici per la riapertura delle piscine coperte

Preg.mi Ministro Daniele Franco segreteria.ministro@mef.gov.it Ministro Federico D'Inca' rapportiparlamento.segrcapodip@governo.it Sen. Luca De Carlo luca.decarlo@senato.it Sen. Paolo Saviane paolo.saviane@senato.it On. Mirco Badole badole_m@camera.it On. Dario Bond bond_d@camera.it On. Roger De Menech roger@demenech.it Pres.te...

Coldiretti raccoglie firme contro il fotovoltaico a terra. Sabato a Belluno e Feltre, domenica a Quero

Sabato al mercato Campagna Amica di Belluno in Piazza Piloni, dalle ore 9.00 alle 12.00 Coldiretti Belluno raccoglie le firme per la petizione "No...
Share