13.9 C
Belluno
giovedì, Aprile 15, 2021
Home Prima Pagina Emergenza covid, ecco i numeri del contagio sui rientri dall’estero

Emergenza covid, ecco i numeri del contagio sui rientri dall’estero

Situazione epidemiologica (Dati aggiornati alle ore 8.00 di martedì 21 luglio 2020)
• numero persone COVID positivie alle ore 8.00 del 21/07: 16
• persone attualmente ricoverate: 3
• persone in sorveglianza attiva: 219
o soggetti in quarantena rientrati da paesi extra Shengen (vedi specifica sotto riportata): 100

Suddivisione per Paese di provenienza delle persone attualmente in quarantena

Albania: 23
Argentina : 1
Australia : 2
Belgio: 1
Bosnia ed erzegovina:2
Brasile: 4
Cameroon : 2
Canada: 1
Cile: 1
Cina: 5
Costa d’avorio: 1
Egitto: 2
Etiopia: 2
Filippine: 1
Liberia:1
Macedonia: 6
Marocco: 6
Moldavia: 5
Mozambico: 4
Peru: 1
Repubblica domenicana: 2
Russia: 1
Senegal 1
Serbia: 6
Singapore: 1
Stati uniti: 4
Thailandia: 1
Tunisia: 1
Turchia: 2
Ucraina: 10

Totale : 100

Si ricorda il numero Ulss dedicato alla presa in carico dei rientri dall’estero e più in generale alle info sul COVID:
0437 514343
attivo tutti i giorni dalle 8 alle 20

• Per i Paesi Extra Shengen: è prevista la quarantena di 14 giorni. Il Dipartimento provvede ad organizzare 2 tamponi: uno al momento della presa in carico (denuncia obbligatoria da parte delle persone fisiche al SISP) e uno al termine della quarantena.

• Per i Paesi Europei e quelli inclusi nell’accordo di Shengen: non è prevista la quarantena, ma in caso di contatto volontario da parte del cittadino che rientra in Italia viene proposta l’effettuazione del tampone al momento del rientro e il successivo automonitoraggio. In caso di comparsa di sintomi è l’interessato che viene istruito sull’attivazione al MMG e/o al SISP.

• Attualmente per 13 Paesi + 3 (Armenia, Bahrein, Bangladesh, Brasile, Bosnia-Erzegovina, Cile, Kuwait, Macedonia del Nord, Moldova, Oman, Panama, Perù, Repubblica Dominicana; Montenegro, Kosovo, Serbia) è fatto divieto di ingresso nel territorio italiano, esclusi i cittadini italiani e i viaggiatori per motivi di lavoro. A queste categorie di persone vengono attivati i tamponi e la quarantena, se dovuta.

Per le badanti che rientrano in Italia viene organizzato il tampone e la quarantena se provengono dai Paesi extra Shengen.

Per i viaggiatori verso i Paesi extra Shengen il cui motivo del viaggio sia, in via esclusiva e per tutta la durata del viaggio, lavorativo viene organizzato un tampone al cui esito, se negativo, rientrano al lavoro con DPI. Dopo 5/7 giorni il tampone viene ripetuto.

 

Share
- Advertisment -

Popolari

Gara del gas. Indagine della Procura nei confronti del sindaco di Feltre Paolo Perenzin. Precisazioni delle opposizioni in consiglio comunale

Feltre, 15 aprile 2021 - In relazione alla incresciosa vicenda che vede coinvolto il sindaco di Feltre Paolo Perenzin per turbativa d’asta all’interno dell’inchiesta...

Premio Giorgio Lago, nuovi talenti del giornalismo 2021. Chiuso il bando. Studenti finalisti da tutto il Veneto

Sono 26 gli articoli selezionati e sottoposti ora al vaglio della giuria composta dalle firme più rappresentative del giornalismo veneto. I giovani delle ultime...

Calalzo, Tari ridotta alle imprese in difficoltà. De Carlo: “Piccolo, ma concreto segnale. Presentato un emendamento al DL Sostegni per estenderlo alle attività turistiche”

“Se ti chiude, non ti chiedo”: il senatore e sindaco di Calalzo di Cadore, Luca De Carlo, rimodula lo slogan delle manifestazioni organizzate da...

Incontro di saluto del sindaco Massaro con il prefetto Bracco

Belluno, 15 aprile 2021 - Breve incontro di saluto questa mattina a Palazzo Rosso tra il sindaco di Belluno Jacopo Massaro e il prefetto...
Share