13.9 C
Belluno
mercoledì, Novembre 25, 2020
Home Cronaca/Politica Sanificazione strade. Una cinquantina di mezzi delle associazioni agricole a disposizione della...

Sanificazione strade. Una cinquantina di mezzi delle associazioni agricole a disposizione della Provincia

Adesione piena delle associazioni agricole. La sanificazione di strade e marciapiedi del territorio provinciale può contare su una cinquantina di mezzi messi a disposizione da subito dal gioco di squadra di Confagricoltura, Coldiretti e Cia. Nel caso dovesse essere necessario, ci sono altre aziende agricole che hanno già dato disponibilità per ulteriori mezzi. Si tratta di trattori, barre irroratici e atomizzatori; vale a dire tutti gli strumenti solitamente usati per irrorare i campi di mais e i vigneti, che in questo caso avranno il compito di distribuire in diverse zone di passaggio una combinazione di acqua e ipoclorito di sodio (la comune varechina), in forma nebulizzata; quindi, senza dilavamento e conseguenze per scarichi e falde acquifere.

«Abbiamo mandato alla Provincia un primo elenco, approssimativo, ancora nei giorni scorsi – fa sapere Michele Nenz (Coldiretti Belluno) -. Inizialmente è stata considerata solo la Valbelluna, dove è presente la maggior parte delle aziende agricole. L’adesione è stata pressoché corale e abbiamo già consegnato una lista con oltre una trentina di mezzi. Ma basta chiamare e le aziende rispondono, per cui siamo pronti, nel caso dovesse servire, anche con altri mezzi. Al momento riusciamo a coprire in maniera capillare tutta la parte bassa della provincia. Per Cadore e Agordino, dove non sono presenti mezzi per le colture a seminativo come le barre irroratrici, siamo in grado di mandarle in tempi rapidi, quindi non ci saranno problemi in questo senso».

Anche da Cia e Confagricoltura l’adesione è stata massiccia. Gli agricoltori mettono a disposizione botti per il diserbo e trattori. Più di una decina di mezzi. «In un momento difficile è giusto che ognuno debba contribuire, come può – commentano Luca Cosul Cuffaro (Cia Belluno) e Diego Donazzolo (Confagricoltura Belluno) -. La Provincia si è rivolta a noi e ci ha dato fiducia e quindi abbiamo ritenuto di contribuire in maniera attiva con i nostri associati».

L’operazione di sanificazione partirà a tutti gli effetti nei prossimi giorni. La Provincia ha effettuato un primo esperimento venerdì scorso, a Limana. Per domani è in programma una riunione operativa per mettere a punto il programma di interventi, concordati con le Unioni Montane e i Comuni. La sanificazione sarà effettuata prediligendo le zone di maggior afflusso come piazze e marciapiedi di accesso a supermercati, negozi di generi alimentari, uffici postali e simili. Per l’invio dei mezzi agricoli, sarà predisposta una “scorta” con auto della Polizia Locale e con squadre della Protezione Civile. Per le aree più piccole, in cui è più semplice l’invio di personale a piedi con botte a tracolla (come ad esempio le piazzole ecologiche e i portici), i singoli Comuni potranno inviare personale proprio o in alternativa comunicare l’intenzione di avvalersi delle squadre di antincendio boschivo, messe a disposizione dalla Protezione Civile provinciale.

«Le aziende si sono messe a disposizione gratuitamente, con grande senso civico in un momento difficilissimo per tutta l’Italia – afferma il presidente della Provincia, Roberto Padrin -. Cercheremo in qualche modo di istituire un bando per progettualità in campo agricolo, consapevoli che la tutela del territorio montano e la cura del paesaggio dipendono in larghissima misura dagli agricoltori e dalle loro attività».
Tutela del territorio che non verrà minimamente intaccata dalle operazioni di sanificazione.

«La Provincia non ha lasciato nulla al caso – conclude Michele Nenz (Coldiretti Belluno) -. I primi che hanno a cuore l’ambiente e la terra siamo noi agricoltori e proprio per questo dobbiamo ringraziare il presidente Padrin e il consigliere Massimo Bortoluzzi che stanno gestendo in maniera oculata questa operazione. Prima sono state eseguite delle prove tecniche, poi c’è stata una verifica di fattibilità. Il tema ambientale è stato rispettato e sono state fatte tutte le valutazioni del caso sull’impatto ecosistemico».

Share
- Advertisment -

Popolari

Incendio distrugge una abitazione ad Umin di Feltre

Feltre, 24 novembre 2020 Dalle ore 17, i vigili del fuoco sono impegnati per domare  l’incendio sviluppatosi in una casa in via Umin, 5...

Zaia presenta in diretta Facebook l’ordinanza breve valida dal 25 novembre al 4 dicembre

Sarà in vigore da domani, mercoledì 25 novembre, fino a venerdì 4 dicembre. Il 3 dicembre dovrebbe uscire il nuovo Dpcm valido per l'intero...

Flavia Monego: «Il ruolo della donna nel mondo del lavoro è sempre più difficile»

«Mi sono insediata un mese fa e ancora non mi capacito di quanto lavoro ci sia da fare per contrastare e prevenire la violenza...

Violenza donne. In Veneto 3.174 vittime accolte nei centri. Lanzarin: “Prosegue l’impegno finanziario per sostenerli”

Venezia, 24 novembre 2020  Sono 3.174 le donne seguite con percorso specifico dai Centri antiviolenza del Veneto in tutto l’anno scorso. Una flessione minima, 82...
Share