13.9 C
Belluno
domenica, Gennaio 17, 2021
Home Cronaca/Politica Vincoli Comelico. Approvato l'ordine del giorno della provincia. Padrin: "Doveroso tutelare le...

Vincoli Comelico. Approvato l’ordine del giorno della provincia. Padrin: “Doveroso tutelare le comunità contro provvedimenti che fanno morire la montagna”

Il consiglio provinciale di Belluno ha deliberato oggi da Santo Stefano di Cadore l’ordine del giorno che prende posizione contro il decreto di “Dichiarazione di notevole interesse pubblico dell’area alpina compresa tra il Comelico e la Val d’Ansiei”. Il documento, approvato all’unanimità, alla presenza di numerosi cittadini e dei sindaci dei Comuni implicati nei vincoli paesaggistici, definisce il provvedimento del Mibact «ingiustificato e inopportuno, destinato a complicare in futuro la vita e le iniziative locali»; e dà mandato al presidente della Provincia di intraprendere tutte le strade percorribili per contrastare l’imposizione vincolistica.

«Faremo senza dubbio ricorso al Tar, in accordo con la Regione Veneto e con i Comuni coinvolti – afferma il presidente Roberto Padrin -. La montagna va tutelata, ma anche valorizzata, con interventi infrastrutturali che devono essere compatibili con l’ambiente, ma che al tempo stesso non possono non essere funzionali al territorio. Il fenomeno dello spopolamento è preoccupante; una montagna non vissuta significa una montagna morta. Ecco perché abbiamo presentato un documento al ministro Boccia con proposte concrete. I vincoli invece contribuiscono a far morire la montagna. Da parte nostra quindi il massimo sostegno possibile in qualsiasi ambito, quando qualcuno distante da noi cerca di metterci il bavaglio. Il segnale che vogliamo dare, con questo consiglio che per la prima volta esce da Palazzo Piloni per incontrare il territorio, è proprio questo: da una parte la concretezza del ricorso al Tar, dall’altra la vicinanza alle comunità di Auronzo e del Comelico».

I consiglieri provinciali Massimo Bortoluzzi e Ivan Minella sono entrati nel dettaglio di cosa comportano i nuovi vincoli imposti sui Comuni di Auronzo, Danta, Santo Stefano, San Pietro, San Nicolò e Comelico Superiore. Dal consigliere Pier Luigi Svaluto Ferro, invece, una provocazione: «La Provincia abbia il coraggio di uscire dalla Fondazione Dolomiti Unesco, per rendere più evidente la differenza tra la montagna in cui “nevica firmato” e la montagna come il Comelico che soffre e ha bisogno di un’occhio di riguardo. Questo aiuto doveva essere uno dei compiti della Fondazione Dolomiti Unesco, far crescere anche dal punto di vista economico il territorio».

Share
- Advertisment -

Popolari

Sopralluogo nelle ski aree. Bortoluzzi e De Toni: «Il sistema è in sofferenza. Per questo abbiamo varato la manovra da 500mila euro per gli...

Il turismo invernale è in netta difficoltà. E la Provincia ha voluto verificare la situazione. Nei giorni scorsi, i consiglieri provinciali Danilo De Toni...

Nevicate eccezionali. Vitturi (Lav): “Si sospenda immediatamente la caccia”

“Chiediamo al presidente Zaia un rapido intervento per mettere in sicurezza gli animali sospendendo immediatamente la caccia nelle province interessate dall’emergenza ambientale – dichiara...

Feltre, cestini e cassonetti rifiuti. Forlin: “Insufficienti nel numero e per celerità di svuotamento”

"E’ datata 02/04/2018 l'interpellanza presentata dalla sottoscritta alla attuale amministrazione con la richiesta di implementazione dei cestini presenti in città di Feltre, sia per...

Accordo Enel-Provincia. Vivaio: “Dieci anni di incontri e manifestazioni stanno iniziando a dare qualche risultato”

Dopo anni di battaglie sembra si stia prendendo la direzione giusta. L'accordo Enel-Provincia si sta indirizzando nel verso giusto, con un piano di manutenzione...
Share