13.9 C
Belluno
martedì, Aprile 20, 2021
Home Arte, Cultura, Spettacoli Appuntamenti All'Abbazia di Sant'Eustachio la proiezione di "Fucilateli"

All’Abbazia di Sant’Eustachio la proiezione di “Fucilateli”

Il documentario sulla Commissione d’inchiesta su Caporetto 1918-19 che scoperchia le tombe senza nome dei condannati della Grande Guerra.

La Grande Guerra torna protagonista di alcune serate all’insegna della storia presso l’Abbazia di Sant’Eustachio, a Nervesa della Battaglia (Treviso). Venerdì 6 e sabato 7 dicembre, avrà luogo la proiezione del documentario “Fucilateli – Commissione d’Inchiesta su Caporetto 1918-19”, un importante riconoscimento del valore della storia come strumento profondo di consapevolezza civile, scritto e diretto da Manuel Zarpellon e Giorgia Lorenzato, e prodotto da Sole e Luna Production.

L’opera affronta la vicenda, piena di ombre e di incertezze, delle centinaia di fucilazioni avvenute fra il 1915 e il 1919, chiudendo idealmente i lavori della Commissione d’inchiesta presieduta dal Generale Carlo Caneva e promossa dall’allora Presidente del Consiglio Vittorio Emanuele Orlando, tra il 1918 e il 1919. È impossibile determinare con certezza quanti furono i giustiziati, ma tra questi, oltre a responsabili reali di omicidi e crimini efferati contro i civili, c’erano anche vittime di giudizi arbitrari, uomini che disertarono o si mutilarono. Per loro, non ci fu alcuna sepoltura, né commemorazione. Il documentario gode del patrocinio del Ministero della Difesa e della certificazione storico-scientifica dell’Università degli Studi di Padova.

Non è casuale la scelta di proiettare il documentario all’interno dell’Abbazia di Sant’Eustachio, uno dei centri che sono stati protagonisti di quelle vicende: trovandosi in una posizione strategica, quale punto di osservazione sul Piave, l’Abbazia fu distrutta proprio nel 1918 dalle artiglierie sia tedesche che italiane.
Tutto il territorio di Nervesa della Battaglia è coinvolto nella narrazione del documentario: essa, infatti, fu travolta nella ritirata da Caporetto e teatro della fucilazione di alcuni soldati accusati di saccheggio. Insieme a Sernaglia della Battaglia, Vidor e Ponte della Priula e altre località del territorio, diventò prima linea nel novembre 1917.
Oggi l’Abbazia, presidio storico e naturalistico della Marca trevigiana e del Montello, è stata recentemente restaurata da Ermenegildo Giusti, proprietario dell’azienda vitivinicola Giusti Wine, che l’ha trasformata in un polo di incontro e di cultura della zona.

La proiezione del 6 dicembre avrà luogo alle ore 20.30, mentre il 7 dicembre è previsto un doppio appuntamento: alle 16.30 e alle 18.30. Presenti in sala i registi Manuel Zarpellon e Giorgia Lorenzato.

Prenotazioni obbligatorie, posti limitati (60): tel. 320/2696169 – info@abbaziasanteustachio.com Costo biglietto d’ingresso 5 €.

“A un tratto il nemico tira sull’Abbazia. Le batterie inglesi rispondono alla modesta provocazione con tale violenza che tutto il Montello trema”.

Un ragazzo del ’99

Share
- Advertisment -

Popolari

Da lunedì tutti a scuola, didattica in presenza al 100%. Cna Bus Fita Veneto: i bus ci sono. Scopel: didattica al 75% con capienza...

Marghera, 20 aprile 2021. Sono 350 in Veneto le imprese che si occupano di trasporto di persone su gomma, iscritte nell'Albo Regionale, per un...

Lavoratori artigiani: se la cassa integrazione è pagata dal Fondo FSBA tramite Ebav, va scaricato il CU per fare la dichiarazione dei redditi

Cassa integrazione pagata dal Fondo FSBA tramite Ebav, i lavoratori e le lavoratrici si attrezzino per scaricare la Certificazione Unica necessaria per presentare la...

Dubbi sulle Olimpiadi invernali Milano-Cortina 2026

Dopo le fanfare bipartisan che a Milano e Cortina hanno salutato la vittoria, per abbandono delle città concorrenti, per le Olimpiadi invernali del 2026,...

A marzo i consumi elettrici ritornano ai livelli pre-covid. Terna: Fabbisogno mensile in crescita: +2,5% sul 2019 e +15% rispetto al 2020

Roma, 20 aprile 2021 – A marzo, secondo i dati di Terna, la società che gestisce la rete elettrica nazionale ad alta e altissima...
Share