13.9 C
Belluno
venerdì, Febbraio 26, 2021
Home Lavoro, Economia, Turismo No alla chiusura del Centro di controllo Enel di Polpet. Oggi il...

No alla chiusura del Centro di controllo Enel di Polpet. Oggi il presidio organizzato da Cisl e Cgil davanti alla Prefettura di Belluno

Rudy Roffarè, segretario generale aggiunto Cisl Belluno-Treviso

Mauro De Carli

Belluno –  Presidio di lavoratori e cittadini lunedì 7 ottobre dalle 15 davanti alla Prefettura di Belluno per dire no alla chiusura del centro di teleconduzione di Polpet. Prosegue l’impegno di Cisl e Cgil per contrastare il progetto di esternalizzazione del servizio di guardiania delle dighe insistenti nel territorio della provincia di Belluno e l’ipotesi di spostamento del centro di controllo Enel di Polpet.

Il segretario generale aggiunto della Cisl Belluno Treviso Rudy Roffarè e il segretario generale della Cgil di Belluno Mauro De Carli hanno scritto al Prefetto per illustrargli le proprie preoccupazioni e perplessità e chiedergli di ricevere una delegazione di cittadini in occasione del presidio di lunedì.

“Allo stesso tempo – spiegano Roffarè e De Carli – abbiamo interessato le istituzioni politiche della provincia, che condividono tutte la nostra presa di posizione, e sottoscritto un documento indirizzato ad Enel per chiedere una maggiore attenzione riguardo alla fragilità del nostro territorio, il mantenimento dei livelli di garanzia in tema di sicurezza e delle strutture indispensabili per la tenuta delle attività. La salvaguardia delle strutture e delle infrastrutture e l’attenta valutazione della delicatezza idrogeologica del territorio bellunese sono due elementi imprescindibili per la garanzia della sopravvivenza in sicurezza delle filiere produttive presenti”.

Secondo le organizzazioni sindacali, chiudere il centro di Polpet, che governa una sessantina di centrali elettriche medio-grandi, a favore di un controllo a distanza di migliaia di chilometri, è sbagliato e pericoloso, perché porterebbe a una mancanza di coordinamento, soprattutto nei casi di alluvioni eccezionali, come Vaia, e di monitoraggio fisico da parte di personale altamente qualificato, in grado di intervenire velocemente e con grandi competenze nei casi di emergenza.

Al Prefetto, Cgil e Cisl domanderanno “un interessamento presso la nuova compagine governativa, affinchè il Governo comprenda la determinazione con cui viene chiesta all’Enel e alle sue società collegate una inversione di piano strategico. Belluno ha già pagato troppo per lo sfruttamento idrico del territorio”.

Share
- Advertisment -

Popolari

Aumentano i contagi, da lunedì 6 regioni a rischio arancione

Da lunedì saranno sei le regioni italiane che rischiano di passare in fascia arancione con le relative restrizioni:  Piemonte, Lombardia, Lazio, Marche, Puglia e...

Auto e moto d’epoca. Fiera di Padova dal 21 al 24 ottobre 2021

Con il nuovo anno è ripartita anche la grande macchina organizzativa di Auto e Moto d’Epoca, che conferma le date annunciate. Dal 21 al 24...

Campagna di vaccinazioni Ulss Dolomiti

Prosegue la campagna vaccinale anticovid dell’Ulss Dolomiti. Ad oggi sono state somministrate circa 16.300 dosi di cui 9.800 prime dosi e 6.500 seconde dosi. Ecco...

Italia Polo Challenge. Arrivano all’Hotel de la Poste di Cortina i primi giocatori con sacche e stecche

  Con l’arrivo dei primi giocatori in vista dell’atteso test match tra U.S. Polo Assn./Lusben Polo Team e Battistoni/Mediolanum Polo Team di sabato 27 febbraio...
Share