13.9 C
Belluno
venerdì, Agosto 12, 2022
Home Cronaca/Politica Il Gazzettino riduce gli stipendi dei collaboratori. De Carlo: «Una decisione inammissibile,...

Il Gazzettino riduce gli stipendi dei collaboratori. De Carlo: «Una decisione inammissibile, che lede la dignità umana e professionale e mette a rischio la qualità dell’informazione»

Roma, 15 aprile 2018 – «Compensi inammissibili, da cui deriva un vero e proprio sfruttamento del lavoro giornalistico, oltre che uno svilimento della professione. Chi vorrebbe lavorare a queste condizioni?».
È chiara e forte la presa di posizione di Luca De Carlo, deputato di Fratelli d’Italia, in merito alla decisione assunta unilateralmente dall’editore del Gazzettino di tagliare i compensi dei collaboratori. «Una decisione inaccettabile», commenta De Carlo, «che va a ledere non solo i diritti e la dignità umana e professionale dei diritti dei lavoratori, che si troveranno a vivere con compensi da fame, ma anche quella dei cittadini, che rischieranno di vedere abbassarsi il livello delle informazioni fornite dalla stampa. Questo è molto pericoloso».
La scelta è stata comunicata venerdì 13 aprile dall’azienda, con una lettera nella quale viene spiegato che dal 1° maggio sarà alzato il rigaggio dei pezzi, lasciando inalterato il compenso, già in precedenza esiguo. La griglia di riferimento, imposta senza alcuna contrattazione, va da un minimo di 4 euro a un massimo di 19 euro lordi, senza alcun rimborso delle spese sostenute. Per 19 euro lordi sono richiesti i servizi superiori alle 68 righe.

«Nella lettera inviata dall’editore ai collaboratori si legge testualmente che “il nuovo Gazzettino presenta una sostanziale e significativa variazione dei volumi interni, determinatasi principalmente come conseguenza dell’ampliamento del format e delle modifiche intervenute sulla grafica”», continua De Carlo. «Con una giustificazione di poche righe l’azienda va a colpire una categoria, quella dei collaboratori – ossia i giornalisti non assunti dalla testata – che già si trovano a lavorare in condizioni di sfruttamento, specie chi ha nell’attività giornalistica, svolta in modo professionale, l’unica fonte di reddito. E tutto ciò accade in un contesto in cui si punta l’attenzione sulla necessità di fornire un’informazione di qualità, combattendo il dilagare delle “fake news”. È assurdo pensare che nel 2018 ci siano ancora lavoratori pagati “a cottimo”».

«Esprimo la mia piena solidarietà ai professionisti dell’informazione che si trovano a vivere questa triste condizione lavorativa ed economica, profondamente umiliante», aggiunge il deputato di Fratelli d’Italia. «Mi auguro che l’editore del Gazzettino ritorni sulla propria decisione. Nello stesso tempo sostengo Sindacato e Ordine dei giornalisti, che hanno annunciato di voler attivarsi in tutte le sedi per tutelare gli interessi dei colleghi. Mi impegnerò personalmente affinché si trovi una soluzione a quest’ingiustizia. Tanto più che lo sfruttamento dei collaboratori è una problematica purtroppo conosciuta da tempo, che riguarda in generale tutti i gruppi editoriali».

Share
- Advertisment -

Popolari

Eventi calamitosi del 2020: il Governo riconosce 1 milione di euro al Comune di Ponte nelle Alpi

Il Governo riconosce 1 milione di euro al Comune di Ponte nelle Alpi per gli eventi calamitosi del 29 agosto 2020. Quel giorno, una...

Interventi di soccorso in montagna

Belluno, 11 - 08 - 22 Verso le 15.20 l'elicottero di Dolomiti Emergency, alla centesima missione, è volato lungo il sentiero 215 che scende...

Carceri. Capece (Sindacato autonomo polizia penitenziaria) replica al capo delle carceri Renoldi: “L’iniziativa Ferragosto in carcere è sinonimo di ipocrisia istituzionale”

"Leggo con sgomento le dichiarazioni odierne del Capo del DAP dipartimento amministrazione penitenziaria Carlo Renoldi che dispone il Ferragosto in carcere per lui e...

Alberi monumentali. Anche il liriodendro di Buzzati nell’elenco delle piante del Comune di Belluno

“Dietro la vecchia casa di campagna, era già immenso e antico, quando io comparvi piccolo bambino”: così Dino Buzzati, nell’ultimo elzeviro da lui scritto...
Share