13.9 C
Belluno
venerdì, Aprile 23, 2021
Home Cronaca/Politica La montagna dice NO al referendum. Alessandra Buzzo e Andrea Bona (Bard):...

La montagna dice NO al referendum. Alessandra Buzzo e Andrea Bona (Bard): “Pronti a collaborare con tutti i comitati”

Alessandra Buzzo
Alessandra Buzzo

“Le montagne per il sì? Forse quelle ancora più tutelate dalla riforma… La montagna vera, quella che ogni giorno si vede togliere servizi e vede partire i suoi figli perché non può garantire loro un futuro è una, unita e compatta, e farà sentire il suo “no” il 4 dicembre”.

Il movimento Belluno Autonoma Regione Dolomiti ribadisce la sua bocciatura alla riforma costituzionale e si lancia in avanti: “Sono tanti i comitati, civici e politici, nati o in procinto di nascere, a sostegno del no; noi siamo pronti a collaborare con tutti loro per far nascere un coordinamento provinciale, perché il messaggio deve essere il più chiaro e diffuso possibile: questa riforma non garantisce nulla al Bellunese, se non la sua fine”, annuncia la presidente Alessandra Buzzo.

Andrea Bona
Andrea Bona

Il vicepresidente Andrea Bona attacca la riforma e le sue conseguenze per il territorio bellunese: “Le province autonome di Trento e Bolzano non solo non sono state toccate, ma addirittura hanno ottenuto più protezione e competenze, segno che si poteva intervenire concretamente sull’autonomia dei territori montani. Invece, alla Provincia di Belluno non viene dato nulla: i trasferimenti statali sono passati da oltre 20 milioni di euro a poche decine di migliaia di euro, mentre il nostro residuo fiscale annuale ammonta a quasi 800 milioni di euro”.
“C’è poi la questione del Senato: – continua Bona – oggi abbiamo due senatori, con la riforma il rischio di non vedere tra i “nominati” nemmeno un bellunese è altissimo, mentre Trento e Bolzano avranno diritto a quattro senatori, due per ciascuna provincia. Infine, la centralizzazione del potere: altro che autonomia, vengono svuotate di competenze e poteri anche le regioni. Federalismo vuol dire vedere investiti sul proprio territorio i soldi versati in tasse, imposte e balzelli vari”:

“L’autonomia per Belluno è legata a sei parole, in questa riforma: “tenuto conto anche delle aree montane”; – continua Buzzo – una formula che può aprire alcune porte, ma allo stesso modo può chiuderle tutte, comprese quelle che ora sono spalancate. Quella frase non dà alcuna garanzia, e se veramente questo Governo fosse interessato a dare autonomia ai territori marginali avrebbe già approvato il ritorno all’elettività per la nostra Provincia, sottoscritto dai suoi stessi esponenti un anno e mezzo fa. Voi vi fidate di queste promesse? Noi diciamo di no”.

Share
- Advertisment -

Popolari

Eventi culturali a Borgo Valbelluna

Il Premio Letterario Nazionale “Trichiana Paese del Libro”, fiore all’occhiello delle iniziative in Sinistra Piave, vede confermata la presenza dello scrittore veneziano Tiziano Scarpa...

Apre Decathlon, nell’area riqualificata ex Comedil a Ponte nelle Alpi

Ponte nelle Alpi, 23 aprile 2021 - È il primo in provincia di Belluno. E da oggi ha aperto ufficialmente i battenti: il nuovo...

Lettera dei sindaci ai politici per la riapertura delle piscine coperte

Preg.mi Ministro Daniele Franco segreteria.ministro@mef.gov.it Ministro Federico D'Inca' rapportiparlamento.segrcapodip@governo.it Sen. Luca De Carlo luca.decarlo@senato.it Sen. Paolo Saviane paolo.saviane@senato.it On. Mirco Badole badole_m@camera.it On. Dario Bond bond_d@camera.it On. Roger De Menech roger@demenech.it Pres.te...

Coldiretti raccoglie firme contro il fotovoltaico a terra. Sabato a Belluno e Feltre, domenica a Quero

Sabato al mercato Campagna Amica di Belluno in Piazza Piloni, dalle ore 9.00 alle 12.00 Coldiretti Belluno raccoglie le firme per la petizione "No...
Share