13.9 C
Belluno
lunedì, Marzo 8, 2021
Home Arte, Cultura, Spettacoli Appuntamenti Rinviato a causa del maltempo lo spettacolo di giovedì a Feltre "Mato...

Rinviato a causa del maltempo lo spettacolo di giovedì a Feltre “Mato de Guera”

I guerra mondiale-Spettacolo rinviato a causa del maltempo –

In occasione del Centenario della Grande Guerra, viene proposto nel cortile del Campus “Tina Merlin”, ex sede dell’Ospedale Psichiatrico di Feltre, “Mato de Guera”, spettacolo teatrale di Gian Domenico Mazzocato, con Gigi Mardegan per la regia di Roberto Cuppone. L’appuntamento è giovedì 20 agosto alle ore 21.00 nel cortile del Campus “Tina Merlin”, in Borgo Ruga. L’ingresso è libero.

La Grande Guerra diviene spunto per un’analisi della guerra tout court e sulla sua inutilità. Il fante Ugo Vardanega, originario di Possagno, è uscito dal primo conflitto mondiale con la mente sconvolta dall’orrore del conflitto (ma anche, come si dirà, con un peso terribile e inconfessabile sull’anima) e la sua vita di reduce folle/saggio si divide tra una miserabile attività commerciale e i ricoveri forzati al manicomio di Sant’Artemio di Treviso. Negli anni
Trenta si rende conto che sulla pelle di tutti i suoi compagni morti sul Grappa e sul Piave si sta consumando l’ultima, ignobile speculazione. Vedendo passare i camion pieni di ossa e le pietre destinate a costruire gli ossari, non per pietà e riconoscenza verso tanti ragazzi morti, ma per sostenere la retorica della nuova guerra che si sta preparando, non regge e scoppia. Ugo Vardanega si fa consapevole di essere affetto da una malattia incurabile: la memoria.
E allora decide di ricordare tutto, senza infingimenti, senza fughe nella follia, in una lucida disperazione che sarà il suo fardello per tutta l’esistenza. Proprio un medico del Sant’Artemio lo invita a “ricordare”, perché, così sostiene, i ricordi possono curare la pazzia. Ma se sono proprio quelli che hanno fatto impazzire Ugo? Il problema di come curare la pazzia di un uomo diventa quello di curare la pazzia dell’Uomo.

Il regista, Roberto Cuppone, sottolinea come il teatro può essere il luogo di una terapia individuale e collettiva, aiutandoci a non dimenticare le cause ed effetti di un evento storico, gli eroi e gli eroismi e, soprattutto, “a non dimenticare che il vero eroismo non è mai stato quello che consegna la Vittoria a una delle due parti in
lotta, ma all’Umanità, e basta.” Lo spettacolo, scritto in un veneto ruspio ed essenziale, scabro e potente, con consonanze antiche e desuete, interpretato magistralmente da Gigi Mardegan, ha collezionato lusinghiere critiche e 27 premi in concorsi e festival
nazionali.

In caso di maltempo lo spettacolo sarà recuperato in altra data ancora da definirsi. Nel sito della cultura
(http://cultura.comune.feltre.bl.it) verranno inserite indicazioni aggiornate per informare dell’eventuale rinvio.

Share
- Advertisment -

Popolari

Gli interventi di soccorso di domenica

Belluno, 07 - 03 - 21  Le squadre del Soccorso alpino di Belluno sono state impegnate dal pomeriggio in due interventi. Alle 15.20 è...

L’equipaggio Fontanella-Covelli su Lancia Aprilia del 1939 vince l’8va WinteRace a Cortina. Tre vittorie in otto edizioni

Cortina d’Ampezzo, 7 marzo 2021: Gianmario Fontanella con la moglie Annamaria Covelli, della scuderia Classic Team ASD si sono aggiudicati per la terza volta...

8 marzo, Unicef a fianco alle donne. Zoleo: “In Italia c’è un femminicidio ogni 3 giorni e quasi quotidianamente un tentativo di violenza”

L’Unicef in occasione dell’8 marzo, festa della Donna, ha promosso la campagna contro “la violenza di genere” cioè la violenza contro le donne, le...

8 marzo. Berton: “Ancora tanta strada da fare. La pandemia non ci deve travolgere”

“C’è ancora tanta strada da fare per arrivare a una uguaglianza effettiva e sostanziale per le donne di questo Paese, quella “delle parole” c’è...
Share