13.9 C
Belluno
martedì, Ottobre 20, 2020
Home Prima Pagina Il polso del mercato. Affitti nelle località turistiche dell'arco alpino: Cortina al...

Il polso del mercato. Affitti nelle località turistiche dell’arco alpino: Cortina al top con 1900 euro a settimana per un bilocale

Cortinad'Ampezzo CinqueTorri foto BandionIniziata con il mezzo passo falso di un ponte dell’Immacolata rivelatosi poco o nulla innevato sul versante italiano dell’arco alpino, la stagione turistica invernale 2014-2015 corre a grandi passi verso il suo momento culminante collocato per tradizione tra le festività di fine anno e il mese di gennaio. In attesa di avere i primi riscontri sull’andamento della stagione, il portale immobiliare Casa.it mette a disposizione un report sugli affitti nelle località turistiche alpine che fornisce utili riferimenti a chi non ha potuto programmare in anticipo la settimana bianca e ora teme di pagare cifre sconsiderate per una sistemazione qualsiasi.

Analizzando gli annunci pubblicati sul portale, infatti, Casa.it ha estrapolato i canoni medi di affitto settimanale in bassa, alta e altissima stagione per un bilocale arredato (50/70 mq) nelle principali mete turistiche di Veneto, Friuli, Trentino, Lombardia, Piemonte e Valle d’Aosta.

Lo slalom dei prezzi da regione a regione

Veneto

In alta stagione i canoni medi di locazione settimanale per un bilocale variano da un minimo di 500 euro registrato ad Asiago al top di Cortina d’Ampezzo con 1.900 euro, seguita da San Vito di Cadore a quota 1.000 euro.

In altissima stagione nessuna località veneta di montagna scende al di sotto dei 1.100 euro settimanali, con Cortina che guarda tutti dall’alto con i suoi 2.300 euro. Solo con la bassa stagione gli amanti delle vette e degli sport invernali potranno beneficiare di prezzi attestati mediamente intorno ai500 euro la settimana.

Trentino

In alta stagione la località meno cara risulta essere Moena, dove l’affitto di un bilocale per una settimana sulla neve viene a costare in media 500 euro. Nelle restanti 10 mete turistiche prese in esame da Casa.it, invece, i canoni settimanali vanno da 750 a 1.100 euro. Moena si conferma “risparmiosa” anche in altissima stagione. Nella località della Val di Fassa, infatti, gli affitti arrivano a toccare i 900 euro mentre, all’opposto, spiccano i 2.000 euro settimanali richiesti a Selva di Val Gardena.

Friuli

Tarvisio offre quotazioni “abbordabili” in bassa stagione, con canoni di locazione per i bilocali arredati che stazionano interno a 350 euro la settimana. In alta e altissima stagione, però, i rincari si fanno sentire e gli affitti settimanali salgono, rispettivamente, a 700 e 1.000 euro.

Lombardia

Le nevi lombarde risultano tra le meno care dell’arco alpino. In 4 località turistiche montane su 7, infatti, prendere in affitto un bilocale per una settimana in alta stagione viene a costare in media meno di 500 euro, con il minimo a Ponte di Legno con 350 euro. Anche in altissima stagione i rincari restano al di sotto dei 1.000 euro, toccando il massimo a Madesimo, in Valle Spluga, con 900 euro la settimana.

Piemonte

Le mete del turismo invernale in Piemonte propongono prezzi medi di locazione più vincini a quelli della Valle d’Aosta che a quelli delle alpi e prealpi lombarde. In alta stagione, infatti, una settimana in affitto in un bilocale arredato viene a costare dai 400 euro di Cesana Torinese, In Val Susa, ai 750 euro della vicina Sauze d’Oulx e di Sestriere. In altissima stagione l’importo medio sale tra gli 800 e i 900 euro fino a toccare i 1.000 euro a Sestriere.

Valle d’Aosta

Trovare alloggio in alta stagione nelle località turistiche invernali della Val d’Aosta può essere complicato, ma non improponibile dal punto di vista finanziario. I canoni di locazione medi settimanali per un bilocale arredato in mete come Valtournanche, Brusson, La Thuile, Pila e Morgex, infatti, si aggirano tra 450 e 500 euro, ben lontani dai 1.100 euro richiesti a Courmayeur.

In altissima stagione, invece, per la stessa tipologia di abitazione si parte dai 750 euro di Brusson per ascendere ai 1.200 euro di Breuil Cervinia e ai 1.500 euro settimanali di Courmayeur.

“Il mercato degli affitti nelle località turistiche dell’arco alpino è sempre stato piuttosto vivace e, come alternativa meno costosa alle strutture alberghiere, è cresciuto di peso in coincidenza con la minore disponibilità di spesa delle famiglie italiane” – commenta Daniele Mancini, Amministratore Delegato di Casa.it. “In ogni caso, chi cerca alloggio per la settimana bianca continua a guardare alla qualità dell’esperienza fruibile più che al costo in sé o alla presenza di ulteriori attrazioni. Per fare un esempio, rispetto al 2013 la ricerca di case in affitto è cresciuta del 7,3% a Limone Piemonte e del 6% a Chiesa in Valmalenco, pressoché il doppio rispetto all’incremento di richieste per Cortina d’Ampezzo e Courmayeur.”

 

Share
- Advertisment -


Popolari

La Lega perde un consigliere in consiglio comunale di Belluno, Andrea Stella va con Fratelli d’Italia

Andrea Stella, figura di spicco della Lega di Belluno nella quale milita dal 2007 e all'interno della quale ha ricoperto vari ruoli, lascia il...

Le migliori mete da visitare in autunno

L’autunno è una stagione perfetta per chi vuole andare in vacanza. A differenza dell’estate, infatti, permette di accedere a soggiorni con prezzi più contenuti....

Spettacoli di mistero delle Pro loco Bellunesi. Venerdì appuntamento a Belluno con i Castelli perduti e draghi dimenticati

Ritorna la rassegna "Veneto, spettacoli di mistero", promossa dall'Unpli Belluno nell'ambito delle iniziative di Unpli Veneto e Regione. Le Pro loco bellunesi non mancheranno...

Due positività al Comune di San Vito di Cadore. Ordinanza di chiusura e sanificazione degli uffici

A seguito della positività riscontrata a due dipendenti, il sindaco Emanuele Caruzzo ha disposto la chiusura degli uffici comunali di San Vito di Cadore...
Share