13.9 C
Belluno
venerdì, Giugno 21, 2024
HomePrima PaginaTripAdvisor segnala l'eccellenza dell'ospitalità offerta ai visitatori in occasione del 50° Vajont

TripAdvisor segnala l’eccellenza dell’ospitalità offerta ai visitatori in occasione del 50° Vajont

 

vajontL’ampia partecipazione alle iniziative del 50° anniversario della catastrofe del Vajont, svoltesi lo scorso anno, e l’attenzione che i media locali e nazionali hanno riservato a questa importante ricorrenza hanno attratto in misura esponenziale i visitatori sui territori colpiti dalla tragedia del 1963.

Ennesima riprova del grande impegno promozionale svolto durante l’anno celebrativo del cinquantennale è stato, in questo caso, il Certificato d’Eccellenza inviato alla Fondazione Vajont dalla direzione del noto sito internet TripAdvisor, nel quale i visitatori di strutture, mete turistiche, alberghi e strutture varie esprimono, scrivendo delle recensioni, il loro parere in merito all’ospitalità ricevuta.

Si legge infatti sulla lettera di accompagnamento al certificato, che questo viene attribuito “… in base alla qualità delle opinioni e delle recensioni pubblicate su TripAdvisor nel corso dell’anno passato.” In questo caso il 2013. La divulgazione di quanto avvenuto in queste terre nel 1963 ha evidentemente raggiunto un vasto pubblico, e leggendo le recensioni pubblicate sul sito si nota come i visitatori abbiano saputo cogliere anzitutto la volontà di ricordare quei tragici avvenimenti, sicuramente più dell’aspetto turistico.

Il Presidente della Fondazione Vajont, Roberto Padrin, ha apprezzato l’originale attestazione e l’ha sottolineata esprimendo un ringraziamento a quanti si sono uniti alle istituzioni ed alla Fondazione nel realizzare una importante sinergia sotto l’egida del messaggio contenuto nel disastro del Vajont. In particolare, il Sindaco, rivolge il suo ringraziamento “a tutti i volontari e i cittadini che hanno aiutato nell’organizzazione degli eventi del 50° anniversario del Vajont, e a quanti, anche lontano dal clamore della ricorrenza, si spendono quotidianamente per tenere viva la memoria della tragedia”.

 

- Advertisment -

Popolari