13.9 C
Belluno
mercoledì, Febbraio 28, 2024
HomeCronaca/Politica“Punto 45, Renzi rinnova il mio contratto” : gli esiti della mobilitazione...

“Punto 45, Renzi rinnova il mio contratto” : gli esiti della mobilitazione nazionale promossa unitariamente dalle categorie della funzione pubblica Cgil Cisl e Uil

Fabio Zuglian, Segretario Generale Cisl FP Belluno Treviso: “Ottima partecipazione dei dipendenti pubblici alle assemblee indette oggi. Inizia così la nostra rivoluzione”. Numerose assemblee pubbliche sono state organizzate nella giornata di ieri, aderendo alla mobilitazione nazionale indetta dalle categorie della funzione pubblica di Cgil, Cisl e Uil, contro la lettera inviata dal Premier Matteo Renzi e dal Ministro per la P.A.  Marianna Madia, ai dipendenti di tutti gli enti pubblici d?Italia.  “Le assemblee sono state molto partecipate e i nostri delegati riferiscono di un grande interesse da parte dei lavoratori pubblici sui contenuti della paventata riforma della pubblica amministrazione e sulla piattaforma che da anni il Sindacato propone”, afferma Zuglian, “inizia oggi la nostra rivoluzione, che sarà incentrata sul coinvolgimento attivo dei lavoratori per raccogliere le loro istanze e suggerimenti, renderli partecipi della riforma del nostro settore e lavorare fianco a fianco per migliorare la pubblica amministrazione”. In provincia di Belluno i dipendenti degli enti pubblici (esclusa la scuola di cui si occupa un’altra categoria) sono  circa 6.000, dei quali 1846 solo nei Comuni del bellunese e circa 3.700 nelle tre aziende sanitarie. “Oggi a Belluno si sono svolte assemblee presso gli uffici dell’INPS, all’ex Provveditorato agli Studi con un?adesione massiccia,  presso molti Comuni e in quasi tutti i settori della Sanità Pubblica dove  sono presenti i nostri delegati”,  prosegue Zuglian, ” Noi saremo costantemente a fianco dei lavoratori per rendere più efficienti i servizi ai cittadini e migliorare le prestazioni offerte,  evitando ogni forma di strumentalizzazione da parte di chi, in primis la politica, non ha mai voluto avviare una vera riorganizzazione del settore pubblico”. “Valore al merito, più semplificazione e meno burocrazia, valorizzazione delle professionalità, questi solo alcuni dei temi contenuti nella piattaforma che da anni proponiamo, senza riscontri, alla politica italiana e ai governi che si sono succeduti”, conclude Zuglian, “nel documento che alleghiamo, abbiamo commentato con i nostri obiettivi i 44 punti della proposta Renzi-Madia inviata ai dipendenti pubblici, aggiungendo il 45° punto, dimenticato, ovvero il rinnovo del contratto. Crediamo che una proposta seria debba partire proprio da qui, da una riforma della P.A. che ritorni ad investire sul lavoro e sul sistema dei servizi ai cittadini e la riapertura di una stagione contrattuale e per il rinnovo dei CCNL scaduti da 5 anni”.
Cisl Belluno Treviso
per l’Ufficio Stampa

 

- Advertisment -

Popolari