13.9 C
Belluno
mercoledì, Giugno 16, 2021
Home Cronaca/Politica Regolarizzazione amministrativa dei 100 profughi. Rilasciato il permesso di soggiorno valido 3...

Regolarizzazione amministrativa dei 100 profughi. Rilasciato il permesso di soggiorno valido 3 mesi

Questura di Belluno
Questura di Belluno

Sono un centinaio e vengono dal Mali, Gambia, Senegal, Somalia e Nigeria. L’Ufficio Immigrazione della Questura di Belluno prosegue nella sua attività connessa alla regolarizzazione amministrativa dei profughi giunti nella provincia di Belluno a seguito dei massicci sbarchi avvenuti sulle coste siciliane.

Per ognuno di loro si è resa necessaria l’identificazione attraverso il fotosegnalamento e l’acquisizione delle impronte con attribuzione di un codice identificativo che seguirà la vita del cittadino extracomunitario anche nel suo peregrinare lontano dal territorio nazionale. Si è procceduto altresì  ad un colloquio personale alla presenza di un interprete, al fine di ricostruire nei tratti salienti la storia personale e le tappe del viaggio della speranza.

Il verbale del colloquio confluisce nell’acquisizione della domanda di protezione internazionale che tramite procedura telematica è stata inviata alla Commissione Territoriale di Gorizia che si pronuncerà sul diritto allo status di rifugiato o sull’attribuzione della protezione sussidiaria, o in ultima analisi, qualora non sussistano i requisiti per nessuna delle protezioni sopra indicate (che prevedono il rilascio di permessi di soggiorno della durata di 5 anni rinnovabili qualora permangano le gravi ragioni che ne avevano giustificato il rilascio) ritrasmetterà la pratica al Questore il quale dovrà valutare se vi siano le condizioni per emettere un permesso di soggiorno per motivi umanitari di durata annuale.

Nelle more della decisione della Commissione Territoriale di Gorizia, ad ogni profugo è stato rilasciato dalla Questura di Belluno un permesso di soggiorno per richiesta asilo della durata di 3 mesi rinnovabili di altri 3 che consente al cittadino extracomunitario di iscriversi al servizio sanitario nazionale e circolare liberamente per il territorio nazionale.

L’attività grazie anche al contributo delle cooperative,  viene svolta  nella massima tranquillità e con grande collaborazione da parte dei cittadini stranieri, che si sono fin d’ora integrati bene nella nuova realtà italiana.

 

Share
- Advertisment -

Popolari

Storie di rondini, corvi e gazze. Uccisi in due mesi 275 corvi e 111 gazze su provvedimento amministrativo della Provincia

Bisogna avere fortuna, nel mondo degli umani, come in quello degli animali. Nascere nel posto giusto con la pigmentazione in auge e di tendenza...

Fusione società sportive: incontro con i sindaci

La fusione tra Belluno Calcio, Union Feltre e San Giorgio Sedico prosegue. Questa mattina le tre società si sono ritrovate a Palazzo Piloni, in...

Alvaro Dal Farra presenta la sua Kawasaki KX 450 2021 al Motor Bike Expo

"Ride to Party" è lo slogan perfetto per descrivere un personaggio poliedrico e spettacolare come Alvaro Dal Farra, che sarà fra i protagonisti dell'...

Sistemazione del sentiero sul lago di Santa Croce a Poiatte: la Provincia chiama Veneto Strade per rimuovere una frana

Si stanno concludendo in questi giorni i lavori di rimozione del materiale e messa in sicurezza della frana di Poiatte, che interessa il sentiero...
Share