13.9 C
Belluno
mercoledì, Febbraio 21, 2024
HomeLettere OpinioniAgricoltura. Reolon incontra il ministro Martina: tre iniziative concrete per la montagna

Agricoltura. Reolon incontra il ministro Martina: tre iniziative concrete per la montagna

 

Sergio Reolon, consigliere regionale Pd
Sergio Reolon, consigliere regionale Pd

Tre sostegni concreti all’agricoltura montana. Il consigliere regionale Sergio Reolon torna dalla missione a Roma con novità positive per gli imprenditori agricoli delle aree alpine. Martedì nella capitale, Reolon ha incontrato il ministro dell’agricoltura – Maurizio Martina – assieme al sottosegretario Gianclaudio Bressa, che ha la delega alla montagna.

«Il ministro e il sottosegretario», racconta il consigliere bellunese, «condividono la necessità di individuare i provvedimenti concreti per consentire lo sviluppo dell’agricoltura in montagna». «I primi provvedimenti saranno già pronti per la legge di stabilità, quindi attuabili dal 1 gennaio prossimo».

Le questioni più importanti sono tre:

1) cogliere l’opportunità della nuova programmazione comunitaria che prevede l’erogazione di 15 mila euro per l’avvio di ogni piccola azienda agricola. «E’ necessaria però una disciplina nazionale che definisca i criteri della piccola azienda», ricorda Reolon, «e dobbiamo affrettarci per non perdere l’occasione».

2) Il riordino fondiario è un altro grande tema a cui si può dare risposta con una norma specifica. «La dispersione dei fondi è uno dei principali fattori di abbandono dell’agricoltura nelle zone alpine. Con il ministro abbiamo discusso di come agire per facilitare l’accorpamento e il riordino fondiario».

3) Ci sono infine da ripristinare le agevolazioni fiscali per la compravendita di terreni montani, cancellate con l’ultima finanziaria. «Sono importanti», dice Reolon, «soprattutto nell’ottica di agevolare la ricomposizione dei fondi».

Ulteriori approfondimenti sulla materia saranno probabilmente affidati a un gruppo di lavoro di cui farà parte lo stesso Reolon, a stretto contatto con il ministro Martina.

 

- Advertisment -

Popolari