13.9 C
Belluno
domenica, Settembre 26, 2021
Home Cronaca/Politica No ogm. Graziano Azzalin: "Perfettamente d'accordo con Zaia su Calalzo, ma a...

No ogm. Graziano Azzalin: “Perfettamente d’accordo con Zaia su Calalzo, ma a lui chiedo un ulteriore salto di qualità”

ogm“Forse gli alimenti Ogm sono più diffusi di quanto si immagini ed i loro effetti andrebbero studiati bene, perché è strano quello che mi accade oggi: non solo apprezzo, ma addirittura condivido pienamente le parole del presidente Zaia nel salutare con favore la delibera comunale di Calalzo di Cadore che si fregerà del titolo di Comune libero da produzioni agricole transgeniche”.

Lo afferma in una nota Graziano Azzalin, vicepresidente IV commissione Consiglio regionale del Veneto.

 

“Quello che chiedo al presidente – prosegue Azzalin – , in qualità di vicepresidente della commissione Agricoltura, è un ulteriore salto di qualità e di assumere delle opportune iniziative politico amministrative di contrasto alla diffusione degli Ogm a livello non solo veneto, ma anche transregionale.

La strategia competitiva della nostra agricoltura, infatti, deve essere necessariamente connessa al patto siglato con i consumatori per portare a tavola alimenti di qualità, ottenuti nel rispetto dell’ambiente e della biodiversità, ma, purtroppo, quanto sta accadendo in alcuni comuni del Friuli, non è accettabile, in quanto, aldilà delle palesi e volontarie infrazioni risultano del tutto evidenti fenomeni di inquinamento genetico e di compromissione delle colture realizzate nei campi circostanti a quelli messi a coltura con la varietà di mais Mon810.

Data la contiguità geografica con il Friuli, il presidente Zaia dovrebbe agire con decisione nei confronti della collega Debora Serracchiani, molto attiva su molti fronti, ma decisamente abulica nell’assumere provvedimenti concreti volti a rimuovere quelle colture illegittime sulla base di quanto ha stabilito un decreto interministeriale che per diciotto mesi proroga il divieto di coltivazione di Ogm nel nostro Paese.

La questione delle colture in atto in Friuli è veramente grave, anche per gli effetti che potranno prodursi sul territorio regionale del Veneto: non basta, quindi, plaudire ad iniziative frammentate, pur meritorie e da imitare, ma è necessario assumere la responsabilità di un’azione strutturata a livello del Governo regionale. Su questo terreno il presidente saprà di poter contare anche su di noi.

Fra l’altro – conclude l’esponente veneto del Pd –  c’è anche l’occasione di costituirsi nel giudizio pendente sulla sospensione del decreto interministeriale di proroga, in vista dell’udienza pendente presso il Tar del Lazio e che sarà decisa il 9 aprile prossimo”.

 

 

 

Share
- Advertisment -




Popolari

Interventi di soccorso di sabato

Belluno, 25 settembre 2021 - Attorno a mezzogiorno e mezzo la Centrale del Suem è stata allertata per un infortunio lungo la Via Dallago...

No green pass 8 Belluno: l’onda della protesta non si ferma

Belluno, 25 settembre 2021 - Quello di questa sera è stato l'ottavo appuntamento in centro Belluno con il popolo della protesta, del dissenso, contro...

“Per non dimenticare”. Una serata in ricordo delle vittime del Vajont. Sabato 9 ottobre ore 20.30 – Chiesa di San Cipriano, Roncade

“Per non dimenticare”: è questo il titolo dell’evento, promosso dai Comuni di Roncade, Longarone e San Biagio di Callalta, che si terrà sabato 9 ottobre...

Sospesi altri 6 operatori sanitari non vaccinati

L’Ulss 1 Dolomiti informa che sono stati sospesi altri 6 operatori sanitari dipendenti non vaccinati, in base agli atti pervenuti dall’apposita Commissione del Dipartimento...
Share