13.9 C
Belluno
lunedì, Aprile 19, 2021
Home Arte, Cultura, Spettacoli Appuntamenti Il poeta Boris Pahor lunedì 27 gennaio incontra gli studenti al...

Il poeta Boris Pahor lunedì 27 gennaio incontra gli studenti al Teatro Comunale nella Giornata della memoria

mirta e pahor leggeraBelluno accoglie il poeta Boris Pahor nel Giorno della memoria. Segnalato più volte all’Accademia di Svezia che assegna il Nobel per la Letteratura, è stato insignito nel 1992 del Premio Prešeren, il massimo riconoscimento sloveno. Già nominato in Francia, per la sua attività letteraria, Officier de l’Ordre des Arts e des Lettres, dal Ministero della Cultura, nel 2007 ha ricevuto la Legion d’Onore da parte del Presidente della Repubblica francese. In Italia è noto soprattutto per la sua esperienza nel campo di concentramento di Natzweiler-Struthof sui Vosgi, raccontata in Necropoli. Lunedì 27 gennaio la giornata in memoria dell’Olocausto inizierà alle 11 al Teatro Comunale, dove lo scrittore Boris Pahor con Mirta Amanda Barbonetti dell’Isbrec (nella foto), organizzatrice della manifestazione in collaborazione con il Comune e altri enti e associazioni, incontreranno gli studenti delle scuole superiori di Belluno. Lo scrittore ultracentenario racconterà la sua esperienza durante la seconda guerra mondiale nel campo di concentramento di Natzweiler-Struthof sui Vosgi, come internato politico, per la sua adesione alla lotta partigiana. La storia è raccontata nel suo romanzo “Necropoli” (scritto nel 1967 e tradotto per la prima volta in italiano nel 1997. Con “Necropoli” Pahor vince il Premio Viareggio 2008 e l’opera diventa anche il libro dell’anno nella trasmissione radiofonica Fahrenheit di Radio 3. “Mi sembrava giusto e doveroso privilegiare gli adolescenti, nell’opportunità di sentire dalla sua viva voce l’incredibile esperienza vissuta. Sono i ragazzi il nostro futuro e sono loro che hanno maggiormente bisogno di conoscere la nostra storia e il nostro passato, noi piu vecchi, quell’opportunità l’abbiamo gia avuta”, ha spiegato la curatrice dell’incontro. Agli studenti partecipanti sarà donata, come omaggio della Camera dei Deputati, una copia della Costituzione. La giornata proseguirà poi alle 18 all’Archivio di Stato con il concerto gratuito di musiche Klezmer proposte dal gruppo musicale veneziano Xenia Trio (fisarmonica Xenia Giordani; violoncello Stefania Visentin; violino Mauro Bonicelli) e l’inaugurazione della mostra storico-documentaria “Vite sospese”, promossa dall’Anpi – comitato provinciale di Belluno e dall’Istituto storico bellunese della Resistenza e dell’Età contemporanea e dalla Regione Veneto, e realizzata da Agostino Amantia ed Enrico Bacchetti in un’alternarsi di musica e storia. Attraverso i 25 pannelli che compongono la mostra sarà possibile ripercorrere le tappe che portarono lo Stato italiano a realizzare una complessa macchina volta a garantire l’internamento di migliaia di ebrei stranieri; per quel che riguarda il Bellunese la mostra mette in risalto le vicende di alcuni di questi ebrei che subirono il regime di internamento libero in alcuni Comuni della nostra provincia. “La scelta di organizzare sotto diversi profili artistici la giornata della memoria ha il senso di renderla fruibile ed interessante a diverse fasce di età e interessi”, aggiunge Mirta Barbonetti. Hanno partecipato alla realizzazione dell’iniziativa: Provincia di Belluno e Ufficio della Consigliera di Parità della Provincia, Archivio di Stato, Isbrec, Anpi-comitato provinciale di Belluno, Fondazione Società Bellunese, con la collaborazione delle Officine e Pic nic della Cultura e il sostegno di Libreria Mondolibri e Majadress. Gli ingressi alla Giornata della memoria sono gratuiti.

Share
- Advertisment -

Popolari

Campagna vaccinale Ulss Dolomiti: vaccinati il 92% degli ultraottantenni in Provincia

Belluno, 19 aprile 2021 - Si è conclusa nel pomeriggio l'ultima giornata di accesso libero per gli over 80 a Tai di Cadore, con...

Sopralluogo alla frana di Valle di Cadore. Bortoluzzi: «Studiamo la situazione geologica per ipotizzare gli interventi più funzionali»

I tecnici incaricati dalla Provincia di Belluno hanno effettuato una serie di sopralluoghi a Valle di Cadore, lungo il versante sotto l'abitato di Costa...

Karrycar, il primo servizio on line per il trasporto auto in tutta Italia realizzato dalla startup bellunese Droop srl.

Belluno, 19 aprile 2021 - Spedire o ritirare un’auto da un punto all’altro dell’Italia non è mai stato così facile, veloce e conveniente. E’...

Superbonus 110%. Veneto in testa per numero di pratiche

Secondo i dati ENEA, nel Nordest, i crediti ceduti sono pari a 128 milioni di euro e il Veneto con 853 interventi asseverati è...
Share