13.9 C
Belluno
venerdì, Gennaio 22, 2021
Home Arte, Cultura, Spettacoli Appuntamenti Venerdì alla Mondolibri in via Mezzaterra presentazione de “L’ultimo pagano. Vita...

Venerdì alla Mondolibri in via Mezzaterra presentazione de “L’ultimo pagano. Vita dell’imperatore Giuliano” con l’autore Sante Rossetto

Venerdì pomeriggio (14 giugno) alle ore 18 alla libreria Mondolibri in via Mezzaterra a Belluno, si terrà la presentazione del romanzo storico “L’ultimo pagano. Vita dell’imperatore Giuliano” di Sante Rossetto (Edizioni Il Cerchio). Condurrà la serata Michela Fregona e sarà presente l’autore.

Giuliano di Sante RossettoLa figura del celebre imperatore filosofo, che ha regnato dal dicembre 361 al 26 giugno 363, è stata oggetto nel corso dei secoli di numerose trattazioni, spesso di parte. Da una quelli che hanno visto in lui il difensore della cultura greca contro l’intransigenza dei cristiani, dall’altra dei cristiani che hanno voluto demonizzare colui che ha rappresentato un grave pericolo per la loro sopravvivenza e presa di potere.

Rossetto vuole dare con questo romanzo storico di 168 pagine una lettura divulgativa di un’epoca che è stata determinante per i secoli futuri. E’ in questi decenni, dalla morte di Costantino alla scomparsa di Giuliano, che il cristianesimo impone la propria dottrina e soprattutto il suo potere sull’impero romano prima e sull’Europa poi. Un cristianesimo diventato da perseguitato persecutore, che aveva messo le mani sui beni della terra, incominciando a incamerare beni grazie ai legati concessi dagli imperatori, che era travagliato all’interno da decine di correnti (eresie) che si combattevano contro ogni tolleranza e pietà evangelica.

Giuliano aveva il sogno di ripristinare quella religione e quella cultura greca che erano state il fondamento dell’impero. Senza di queste l’impero sarebbe crollato. Ma Giuliano, avvolto nella sua cultura separata dal mondo reale, non si era accorto che qualche cosa era cambiato. Il popolo era indifferente agli antichi dei e voleva soltanto vivere bene. E aderiva all’una o all’altra religione a seconda della convenienza.

E non si era accorto inoltre che il cristianesimo era stato il solo che, con le beatitudini, aveva dato una speranza a milioni di disperati e diseredati. L’imperatore voleva mantenere una religione che ormai era ristretta alle classi colte, mentre il cristianesimo si rivolgeva a tutti.

 

 

Share
- Advertisment -

Popolari

Concorso anestesisti. Interrogazioni in Consiglio regionale e in Parlamento. Il PD provinciale vuole fare luce sulle criticità della sanità bellunese

Belluno, 22 gennaio 2021  -  Il gruppo consiliare del Partito democratico presenterà a breve un'interrogazione per fare chiarezza sulla mancata richiesta di anestesisti da parte...

Inaugurata la Scuola dell’infanzia statale a Chies d’Alpago

Si è tenuta oggi l'inaugurazione ufficiale della Scuola dell’Infanzia statale di Chies d'Alpago, con il taglio ufficiale del nastro da parte degli stessi bambini...

Arresti domiciliari e obbligo di dimora per due giustizieri

Questa mattina la Squadra Mobile di Belluno ha eseguito un’ordinanza cautelare, emessa nella giornata di ieri dall’Ufficio GIP presso il Tribunale di Belluno su...

Elettrodotto in Valbelluna. Vivaio: attenti a Terna, cerca un varco per imporre un progetto anacronistico

"Leggiamo oggi sulla stampa il nulla di fatto riguardo l'incontro avuto dalla Provincia con Terna. A differenza di Enel, Terna gioca a rimpallare la...
Share