13.9 C
Belluno
venerdì, Gennaio 22, 2021
Home Pausa Caffè Turismo in Germania. Norimberga: città da scoprire

Turismo in Germania. Norimberga: città da scoprire

Neues_Museum_UweNiklas_leggeraNorimberga è un mosaico molto complesso. Da una parte c’è la metropoli economica, cosmopolita con eccellenti infrastrutture, settori orientati al futuro e continua forza innovativa; la sede di studi con rinomate università e centri di ricerca; dall’altra c’è la città di cultura con una variegata gamma di musei e un carosello di manifestazioni interessanti; nonché la città sociale con progetti e istituzioni esemplari. Da una parte troviamo un’alta qualità della vita, confermata da numerosi sondaggi internazionali, di cui possono godere i circa 500.000 abitanti. Dall’altra osserviamo un vivacissimo convivere di diverse culture che caratterizzano l’immagine della città insieme all’armonioso accostamento di storia e modernità. Grazie alla ricchezza della sua storia e del suo panorama culturale la città lungo il Pegnitz è una delle mete più gradite ai turisti. La sempre maggiore importanza data a Norimberga come città di fiere e congressi è anche motivo di richiamo per molti ospiti. Ogni anno la metropoli della Franconia, famosa per la sua ospitalità, accoglie più di 2,6 milioni di visitatori, sia quelli in viaggio d’affari (circa 30%) che quelli per turismo (ca. 70%). Considerando il numero di pernottamenti in hotel, Norimberga si trova al nono posto nella classifica delle città tedesche. Tra gli ospiti, il gruppo più grande è costituito dagli Americani, seguiti da Italiani, Austriaci e Inglesi. Ultimamente è una destinazione sempre più amata da Cinesi e Giapponesi.breitgasse05_ChristineDierenbach leggera
Moderne tecniche, come audioguide interattive, accompagnino il turista lungo l’ “Albrecht-Dürer-Weg” alla scoperta, attraverso la città, di sempre nuovi eventi artistici, che confermano l’attualità della geniale produzione di questo pittore. Sia le opere di Dürer nel Museo nazionale germanico, il più grande museo tedesco di arte e cultura, sia quelle visibili in città, come “Il saluto dell’Angelo“ di Veit Stoß nella chiesa di San Lorenzo o la Via Crucis di Adam Kraft nel cimitero di San Giovanni, evidenziano il grande passato della città. I musei civici permettono di rivivere direttamente la storia grazie alle visite guidate in costume e alle rappresentazioni teatrali tematiche, in cui non solo si viene a contatto con la vita e il lavoro di Dürer ma anche con la quotidianità in una casa borghese medievale. La grande tradizione di Norimberga come città del giocattolo e importante sede di industrie è tangibile, non solo per l’omonimia, visitando il Museo del giocattolo e il Museo di storia e cultura industriale. Per gli amanti di arte moderna e design si raccomanda il “Neues Museum”, nonché la Kunsthalle galleria di arte contemporanea con periodiche mostre. Gli studiosi di mezzi di comunicazione e tutti gli appassionati della ferrovia non hanno che da sbizzarrirsi, visitando l’omonimo Museo. Tutte le istituzioni citate e molte altre ancora partecipano alla “Blauen Nacht”, la lunga notte dei musei e della cultura, che si svolge annualmente nel mese di maggio con gran successo di pubblico. Il “teatro statale” di Norimberga con la stagione di lirica, prosa, balletti e concerti caratterizza la vita teatrale della città, ulteriormente arricchita da diversi palcoscenici all’aperto, sfruttati soprattutto dai burattinai, che in occasione del Festival internazionale del teatro delle marionette arrivano a Norimberga da tutto il mondo. Un centro culturale per bambini con annesso museo e teatro, numerose sale per spettacoli insieme al coordinamento delle attività per i più piccoli, grazie ad un apposito forum, rendono Norimberga una roccaforte delle offerte culturali per bambini. A questo proposito è da sottolineare la qualità del lavoro, rilevante anche a livello nazionale, svolto dagli undici centri culturali, distribuiti in varie zone della città. La vita musicale di Norimberga appare estremamente variopinta. La gamma di manifestazioni che si tengono regolarmente in città va dalla Settimana internazionale dell’organo ION, il festival di musica sacra più grande e vecchio in Europa, a “Rock im Park”, rassegna di musica rock, passando per il “Bardentreffen, festival di musica folcloristica che ogni anno offre agli oltre 200.000 fan concerti gratis per un intero fineFeste e specialità (gastronomiche) godono una lunga tradizione in Franconia, specialmente a Norimberga. Non c’è da meravigliarsi, chi ha infatti gustato una volta le salsiccine arrostite e la birra tradizionale ne diventa immediatamente un appassionato fan e per tutta una vita! Ciò si può ben provare durante la “Altstadtfest”, festa del centro storico che si tiene ogni anno a fine estate.Altstadtfest_UweNiklas_leggera
Ben 2 milioni di visitatori vengono da tutto il mondo ad ammirare il famoso “Christkindlmarkt” ossia il Mercatino di Natale di Norimberga che molti considerano il più bello dei mercati natalizi. I più piccoli scoprono al Mercato di Natale dei bambini, giostre storiche, azionate a vapore e numerose attività cui partecipare. Inoltre alla “Sternhaus” viene loro offerto un programma d’intrattenimento appassionante. Quando Norimberga diventa la città del Natale per eccellenza, almeno in Germania, anche una delle sue più famose specialità viene particolarmente apprezzata: i Lebkuchen, tipici dolci speziati. Le salsiccine di Norimberga, invece, deliziano il palato tutto l’anno – sia nel panino “Drei im Weckla” che serviti in uno dei locali tradizionali del centro storico o in una tranquilla birreria all’aperto.

Share
- Advertisment -

Popolari

Rete elettrica. Incontro Provincia-Terna-ministro D’Incà. Padrin: «Chiediamo a Terna di conoscere i piani relativi all’intero Bellunese»

La Provincia di Belluno ha incontrato oggi i vertici di Terna, per continuare a ragionare dei miglioramenti infrastrutturali che riguardano le reti elettriche del...

Grandi opere. Padrin: «Belluno assente ma lavoriamo affinché le Olimpiadi risolvano i nostri gap». Bond: «Ennesima dimenticanza del Bellunese»

«Non posso dire di non essere sorpreso. Ma sicuramente le strategie relative alle Olimpiadi, pur non rientrando espressamente nella lista grandi opere per il...

Belluno, record di cassa integrazione. Paglini (Cisl): “A un passo dal baratro, serve un piano territoriale per l’occupazione e il rilancio”

"Eravamo preoccupati prima di leggere i dati, ma i numeri sono numeri e non lasciano spazio a interpretazioni: Belluno è la provincia veneta che...

Recovery Fund e Piano di Ripresa. 210 miliardi della UE da spendere e rendicontare entro il 2026. L’Italia sarà in grado? Probabilmente no

Il 2020 anno nefasto causa pandemia. Risalire si può, con le risorse UE (Recovery Fund e Piano di Ripresa e Resilienza Next Generation EU),...
Share