13.9 C
Belluno
venerdì, Agosto 12, 2022
Home Prima Pagina Comitato per il Si a Taibon Agordino in Trentino. Sabato 13 aprile...

Comitato per il Si a Taibon Agordino in Trentino. Sabato 13 aprile a Taibon Agordino l’ultimo incomtro

Comitato per il sì Taibon Agordino
Comitato per il sì Taibon Agordino

Sabato 6 aprile alle ore 17 presso le ex scuole elementari di Listolade a Taibon Agordino, si è tenuto il penultimo di una serie di incontri rivolti alla popolazione per spiegare le motivazioni del Referendum del 21-22 aprile 2013.

Marinella Piazza e Stefano del Favero, referenti Bard del Cadore, hanno portato la loro testimonianza riguardante la trasformazione da zona industriale a zona depressa del Cadorino. Nell’Agordino invece, la crisi non è arrivata in maniera così forte, vista la presenza della Luxottica, che mantiene una certa ricchezza sul territorio. I due rappresentanti del Movimento Bard hanno inoltre sollevato la questione riguardante le centraline idroelettriche. Ci sono infatti circa 120 concessioni in attesa di autorizzazione che andrebbero a sfruttare quel 10% di acqua rimasta. Strutture di privati con introiti minimi per i comuni in cui viene costruita la derivazione.

“Il Referendum è l’unico strumento democratico e pacifico di cui il Comune dispone, per esprimere il proprio parere sul distacco dalla Regione Veneto e l’accorpamento alla Regione Trentino Alto Adige. Lo stabilisce l’art. 132 della Costituzione Italiana”  come ha detto Daniele Trabucco, docente di giurisprudenza dell’Università di Padova, che sarà presente anche all’incontro del 13 aprile all’ex municipio di Taibon Agordino.

E’ stata ribadita l’importanza di raggiungere il quorum, considerato che numerosi cittadini sono iscritti all’AIRE (Anagrafe italiani residenti all’estero), in quanto residenti all’estero.

Uno degli scopi del Referendum è quello di far arrivare la voce dei cittadini direttamente in Regione e a Roma, come un chiaro e forte segnale di disagio di chi vive in luoghi in cui non vengono attuate politiche per la montagna.

Nello Statuto Veneto l’articolo 15 afferma che la Regione Veneto conferisce alla Provincia autonomia amministrativa, regolamentare e finanziaria, ma di fatto queste autonomie non sono ancora state trasferite pur essendo nei poteri della Regione. Recentemente dalla Regione è stato detto che la specificità non può essere applicata perché non si sa a chi affidarla, visto che manca l’Ente Provincia. E dunque sarebbe un azzardo trasferire le competenze ad un ente il cui futuro è incerto. Considerato anche che da un anno e mezzo circa la Provincia è commissariata.

Inoltre questo Referendum permette di portare avanti un percorso di collaborazione con una Regione la cui gestione del territorio si è rivelata molte volte vincente.  Si prospetta la possibilità di inserimento nel progetto di costituzione di una nuova area alpina, la Regione Dolomiti prevista nella Convenzione delle Alpi. Questa è stata approvata dall’Unione Europea nel 1992 e poi ratificata dall’Italia e stabilisce che i territori montani siano suddivisi in macro aree secondo analogie di caratteristiche, costumi, tradizioni, lingue minoritarie.

L’ultimo incontro aperto alla popolazione si terrà sabato 13 marzo alle 17 presso l’Ex municipio di Taibon con la partecipazione di Daniele Trabucco.

 

Share
- Advertisment -

Popolari

Eventi calamitosi del 2020: il Governo riconosce 1 milione di euro al Comune di Ponte nelle Alpi

Il Governo riconosce 1 milione di euro al Comune di Ponte nelle Alpi per gli eventi calamitosi del 29 agosto 2020. Quel giorno, una...

Interventi di soccorso in montagna

Belluno, 11 - 08 - 22 Verso le 15.20 l'elicottero di Dolomiti Emergency, alla centesima missione, è volato lungo il sentiero 215 che scende...

Carceri. Capece (Sindacato autonomo polizia penitenziaria) replica al capo delle carceri Renoldi: “L’iniziativa Ferragosto in carcere è sinonimo di ipocrisia istituzionale”

"Leggo con sgomento le dichiarazioni odierne del Capo del DAP dipartimento amministrazione penitenziaria Carlo Renoldi che dispone il Ferragosto in carcere per lui e...

Alberi monumentali. Anche il liriodendro di Buzzati nell’elenco delle piante del Comune di Belluno

“Dietro la vecchia casa di campagna, era già immenso e antico, quando io comparvi piccolo bambino”: così Dino Buzzati, nell’ultimo elzeviro da lui scritto...
Share