13.9 C
Belluno
sabato, Gennaio 23, 2021
Home Lavoro, Economia, Turismo Comparto alimentazione: nuove regole dal Ministero della Salute. Deon: “Siamo di fronte...

Comparto alimentazione: nuove regole dal Ministero della Salute. Deon: “Siamo di fronte a un nuovo caso di mala burocrazia”

Giacomo Deon
Giacomo Deon

Si dice semplificazione, ma in pratica è una “complicazione bella e buona”. “Siamo di fronte a un nuovo caso di mala burocrazia – spiega il presidente di Confartigianato Alimentazione, il bellunese Giacomo Deon – che questa volta tocca la categoria che presiedo a livello nazionale”.

La questione interessa la formazione del personale adibito alla produzione, somministrazione e commercializzazione di alimenti, per la quale il Ministero della Salute sta per emanare uno specifico provvedimento, che andrebbe ad azzerare la semplificazione, adottata solo due mesi fa dalla Regione Veneto, accogliendo le istanze della categoria.

Con la delibera del 28 dicembre scorso, infatti, il Veneto ha previsto che la formazione degli addetti alla produzione, somministrazione e commercializzazione di alimenti sia assolta seguendo un percorso formativo da completare attraverso una delle seguenti modalità: formazione frontale, seminari, autoformazione aziendale, formazione a distanza; mentre nel caso di avvio di impresa o di nuovo rapporto di lavoro le misure di formazione/informazione sono assolte con la presa visione di un decalogo contenente le “Norme di comportamento per una corretta preparazione/manipolazione sicura degli alimenti”. L’attestazione ha validità 3 anni dalla data di rilascio e deve essere rinnovata in una qualsiasi delle opzioni sopra indicate.

“Con tale provvedimento – precisa il presidente Deon – si sono, di fatto, semplificate le procedure precedentemente in vigore. Ebbene questo sforzo rischia di essere vanificato dal regola-mento ministeriale che imporrebbe una formazione di ben 8 ore per ciascun operatore anche se impiegato saltuariamente in azienda, da ripetersi ogni tre anni, con procedure complesse”.

Per le aziende del comparto alimentare esistono già molti adempimenti da assolvere a cominciare dai piani HACCP. “E’ per questo – conclude il presidente di Confartigianato Alimentazione, Giacomo Deon – che non possiamo leggere l’ultima decisione del Ministero della Salute se non come un ulteriore balzello. Nemmeno in occasione di una crisi profonda, come l’attuale, vuole esserci il riconoscimento di un’attenzione verso gli imprenditori già sotto sforzo per essere competitivi”. “Provvedimenti quale questo regolamento, insomma, non devono più esistere”, è il commento laconico di Deon.

 

Share
- Advertisment -

Popolari

Mondiali di sci a Cortina, una vetrina da 500 milioni di telespettatori. Berton: “Presentiamo al mondo le nostre eccellenze”

Belluno 23 gennaio 2021 - "Il 7 febbraio si avvicina e tutte le nostre migliori energie dovranno confluire su Cortina. I Mondiali 2021 sono...

Fuga di infermieri e operatori sanitari dalle Case di riposo verso la Uls. Il tema del’OSS specializzato

Contratti di assunzione vantaggiosi e questioni di contagio hanno determinato nei mesi scorsi la fuga degli infermieri e degli operatori sanitari dalle case di...

Strada chiusa tra Dobbiaco e Cortina, la Granfondo Dobbiaco-Cortina cambia programma

Aggiornamento del 23 gennaio  - Neve, tanta neve! Alla vigilia erano annunciate forti precipitazioni nevose sul percorso della Granfondo Dobbiaco-Cortina, che non hanno disatteso...

Concorso anestesisti. Interrogazioni in Consiglio regionale e in Parlamento. Il PD provinciale vuole fare luce sulle criticità della sanità bellunese

Belluno, 22 gennaio 2021  -  Il gruppo consiliare del Partito democratico presenterà a breve un'interrogazione per fare chiarezza sulla mancata richiesta di anestesisti da parte...
Share