13.9 C
Belluno
giovedì, Gennaio 21, 2021
Home Cronaca/Politica Assemblea Bim Gsp a porte chiuse: fuori i giornalisti

Assemblea Bim Gsp a porte chiuse: fuori i giornalisti

porta-chiusaE’ un pessimo segnale quando la stampa viene invitata a starsene fuori da un’assemblea che ha rilevanza pubblica, e la riunione si svolge a porte chiuse. Trattandosi di una società per azioni, è tutto perfettamente lecito, intendiamoci, ma non è certamente un buon esempio di trasparenza né giova al criterio di democrazia.

E’ successo oggi pomeriggio all’assemblea dei soci di Bim Gsp, la società per azioni a capitale pubblico formata da 67 Comuni della Provincia di Belluno (esclusi Arsié e Lamon) che dal 2004 ha in gestione il servizio idrico integrato (acquedotto – fognatura e depurazione) e la distribuzione del gas metano (allacciamenti).

Se a ciò si aggiunge che la società, come è noto, ha un bilancio in drammatica sofferenza, la questione diventa ancora più rilevante.

Facciamo un passo indietro.

Quando l’acquedotto era gestito direttamente da ogni comune attraverso personale proprio questi problemi non c’erano. L’acqua era pubblica e la politica si limitava al suo ruolo.

Con la nascita delle società pubbliche o partecipate, la politica è entrata a pieno titolo nella gestione del bene pubblico..

In ambito nazionale sono sorti stipendifici al servizio dei politici.

Con le società pubbliche anche i controlli si sono allentati.

Facciamo un esempio. Per essere assunti in un Comune bisogna bandire un concorso pubblico. Nella spa pubblica, invece, il concorso non è necessario. Tutto è più discrezionale.

Anche sotto il profilo della trasparenza la questione è profondamente diversa. Nella pubblica amministrazione c’è la possibilità di accedere agli atti (la famosa legge sulla trasparenza n.241/90 e successive modifiche) e il cittadino può verificare se è stata rispettata la legge. Si possono chiedere e ottenere dati. La società per azioni, invece, sia pur a capitale pubblico sfugge a questi obblighi.

E infatti in Bim Gsp qualcosa deve essere sfuggito, se è vero come è vero che le passività accumulate sono schizzate in pochi anni sull’ordine delle decine di milioni di euro.

E non ne escono molto bene, dinanzi all’opinione pubblica, quei sindaci (e sono la maggioranza) che oggi hanno impedito l’accesso della stampa all’assemblea.

E dunque hanno impedito ai cittadini di essere informati.

 

Share
- Advertisment -

Popolari

La Polizia postale ha una nuova sede nello storico palazzo delle Poste centrali di Belluno

La Polizia Postale e delle Comunicazioni ha la sua nuova sede al secondo piano del palazzo delle Poste centrali di Belluno in piazza Castello...

Ulss Dolomiti: bando per l’assunzione di anestesisti e rianimatori

Per sopperire alla carenza di medici anestesisti e rianimatori in Ulss Dolomiti, il 9 dicembre 2020 sono state avviate le procedure per l’assunzione di...

Convenzioni per interventi sul territorio tra Comune di Belluno, Cai e Usi civici

Convenzione tra il Comune di Belluno, il Club Alpino Italiano e il comitato per l’Amministrazione separata dei Beni di Uso Civico delle Frazioni di...

De Cassan (Federalberghi Belluno): «Appoggio a tutte le iniziative responsabili e civili perché la montagna riceva la giusta attenzione»

«Tutte le iniziative organizzate nel solco della legittimità e di un dialogo civile vanno nella direzione di supportare quanto l'Associazione sta svolgendo in via...
Share