13.9 C
Belluno
martedì, Gennaio 26, 2021
Home Cronaca/Politica Intervento sull'acquedotto che serve un migliaio di utenze a San Nicolò e...

Intervento sull’acquedotto che serve un migliaio di utenze a San Nicolò e Santo Stefano di Cadore

gsp-gestione-servizi-pubbliciRiparazioni urgenti, oggi, all’acquedotto comelicense del Melin. Due ingenti perdite, individuate lungo la tratta adduttrice che rifornisce i serbatoi di Costalta (in comune di San Pietro di Cadore) e di Casada e Costalissoio (in comune di Santo Stefano di Cadore) hanno reso necessario l’intervento urgente dei tecnici di Bim Gsp.

La prima falla, individuata tra sabato e domenica lungo la strada che dalla località di Tamai risale verso l’opera di presa del Melin (in comune di San Nicolò di Comelico), ha impegnato il personale di Gsp per tutta la mattinata odierna: la perdita, infatti, ben visibile a occhio nudo e causata dalla rottura di una vecchia saldatura, su buona parte della carreggiata ha subito generato una vasta pozza d’acqua che, gradualmente, è diventata lastra di ghiaccio: indispensabile, quindi, la chiusura al traffico, stabilita già da sabato in via preventiva per motivi di sicurezza.

Le operazioni di scavo e tamponamento della falla, iniziate stamattina intorno alle 8.00, si sono concluse verso le 12: durante tutta l’esecuzione dei lavori, naturalmente, è stato necessario sospendere la fornitura idrica all’utenza collegata (circa un migliaio).

E nel primo pomeriggio, quando ormai sembrava terminata l’attività in loco, durante un controllo di verifica dei livelli dei serbatoi, è stata riscontrata una nuova anomalia: un serbatoio aveva difficoltà a caricarsi d’acqua.

I tecnici di Gsp, ancora sul posto, hanno subito avviato una nuova ricerca perdite, operazione impegnativa data la vastità dell’acquedotto (oltre 23 km di rete): intorno alle 14.30 è stata individuata la falla, anch’essa fortunatamente visibile a vista, nel tratto di rete tra Costa (San Nicolò) e Costalissoio (Santo Stefano), dove era in atto un importante cedimento del manto stradale. Le operazioni di riparazione, tuttora in corso, termineranno in tarda serata, con conseguente ripristino della regolare erogazione all’utenza.

Share
- Advertisment -

Popolari

Cortina festeggia i 65 anni dalle Olimpiadi invernali del ’56, e guarda al futuro

Cortina d'Ampezzo festeggia sessantacinque anni dalla cerimonia di apertura dei suoi primi Giochi Olimpici Invernali. E celebrando il passato, la Regina delle Dolomiti si...

Ulss Dolomiti. Rinnovati gli incarichi ai medici USCA fino al 31 dicembre 2021 e assegnati ulteriori due incarichi

Belluno, 25 gennaio 2021 - Oggi sono stati rinnovati gli incarichi ai medici operativi nelle tre USCA (Unità Speciali Continuità Assistenziali) di Belluno, Cadore...

Giorno della Memoria: il Comune di Feltre propone un incontro online mercoledì con il professor Gabrio Forti

“La disumanità della distanza in una lettura cinematografica dei processi di Norimberga”. E' questo il titolo dell'incontro online con il professor Gabrio Forti che...

Ponte nelle Alpi, consolidato il versante franoso della strada della Val Medone. Vendramini: ora è a prova di sicurezza

"Più sicura e più fruibile. L'Unione Montana Bellunese ha rimesso a nuovo la strada vicinale della Val Medone. Ovvero, dell'unica via di accesso alle...
Share