13.9 C
Belluno
venerdì, Febbraio 26, 2021
Home Lavoro, Economia, Turismo Fine della schiavitù? La Camera approva la legge sull'equo compenso per i...

Fine della schiavitù? La Camera approva la legge sull’equo compenso per i giornalisti

La Camera ha approvato ieri, martedì 4 dicembre, la legge sull’equo compenso per i giornalisti. Stiamo parlando di “un numero consistente di precari costretti a lavorare per meno di 5 euro lordi ad articolo, spese comprese” come ha sottolineato il presidente dell’Ordine dei giornalisti del Veneto, Gianluca Amadori. Il mondo del giornalismo, infatti, è molto vario, vi sono professionisti di punta e direttori di grandi testate che sono ben pagati e freelance, precari e collaboratori autonomi fermi alla “rivoluzione industriale” dei primi del ‘900, sotto il profilo dei contratti di lavoro. Non fanno eccezione i quotidiani locali dove le collaborazioni sono pagate poco o nulla. Esemplificativo l’aneddoto di Giampiero Mughini, scrittore, opinionista, giornalista, che raccontava d’aver incontrato un giorno tre persone che gli chiesero di scrivere qualcosa per loro. Gratis, naturalmente. Ebbene – dice Mughini – nessuno si sognerebbe mai di chiedere un intervento gratuito ad un idraulico o a un elettricista. Al giornalista sì, perché evidentemente scrivere un articolo non è percepito come un lavoro, una professione. Lo stesso sono abituati a fare gli editori, che oltre a ricevere contributi dallo stato, erogano compensi da fame a chi non ha un regolare contratto a tempo indeterminato.

Ora, con la nuova legge, le cose dovrebbero cambiare. L’articolo1 definisce compenso equo la corresponsione di una remunerazione proporzionata alla quantità e alla qualità del lavoro svolto. Con l’articolo 2, entro 30 giorni dalla data di entrata in vigore della legge, viene istituita una Commissione presso il Dipartimento per l’informazione e l’editoria della Presidenza del Consiglio dei ministri in carica 3 anni per la valutazione dell’equo compenso. La Commissione deve redigere un elenco dei quotidiani, dei periodici, anche telematici, delle agenzie di stampa e delle emittenti radiotelevisive che garantiscono il rispetto di un equo compenso. L’articolo 3, stabilisce che dal 1 gennaio 2013, la mancata iscrizione in tale elenco per un periodo superiore a sei mesi comporta la «decadenza dall’accesso» ai contributi statali in favore dell’editoria.

Share
- Advertisment -

Popolari

Aumentano i contagi, da lunedì 6 regioni a rischio arancione

Da lunedì saranno sei le regioni italiane che rischiano di passare in fascia arancione con le relative restrizioni:  Piemonte, Lombardia, Lazio, Marche, Puglia e...

Auto e moto d’epoca. Fiera di Padova dal 21 al 24 ottobre 2021

Con il nuovo anno è ripartita anche la grande macchina organizzativa di Auto e Moto d’Epoca, che conferma le date annunciate. Dal 21 al 24...

Campagna di vaccinazioni Ulss Dolomiti

Prosegue la campagna vaccinale anticovid dell’Ulss Dolomiti. Ad oggi sono state somministrate circa 16.300 dosi di cui 9.800 prime dosi e 6.500 seconde dosi. Ecco...

Pay or not pay, questo è il dilemma dello streaming

La tecnologia IPTV si sta diffondendo a macchia d'olio anche nel nostro Paese perché permette di vedere i contenuti accessibili in pay per view...
Share