13.9 C
Belluno
mercoledì, Ottobre 28, 2020
Home Cronaca/Politica La Lega aderisce all'invito del Bard per la manifestazione a difesa della...

La Lega aderisce all’invito del Bard per la manifestazione a difesa della Provincia

Diego Vello

“Parteciperò volentieri come segretario provinciale del movimento della Lega Nord alla riunione indetta dal Bard per parlare della difesa della provincia e in vista della manifestazione”.

Lo dichiara Diego Vello, anche a nome  della Lega Nord, ” il mio partito – precisa il segretario provinciale –  che in questi mesi, quanto a livello locale come a Roma, ha già espresso la sua posizione e convinzione nel difendere la provincia di Belluno. L a politica bellunese – prosegue il segretario – non può rinunciare ad una battaglia di difesa territoriale, è giusto quindi unirci come popolo a sostegno di casa nostra, della nostra autonomia e quindi tutelare il nostro futuro. La Lega Nord è stata l’unica forza politica che ha contestato la scelta del Governo Monti di rivedere il riassetto delle province, una scelta incomprensibile e degna di un Governo nemico degli enti locali.

Reputo che un professore debba valutare i propri alunni dai risultati scolastici e dal merito e non tanto dall’altezza e dal peso, qui invece il Professor Monti ha preferito obbligare le regioni a rivedere le province su parametri assurdi di superficie e popolazione senza tener conto delle reali necessità territoriali. Un governo che preferisce abolire la Provincia di Belluno, considerandola province inutile ma che continua a foraggiare il meridione.

Di questa settimana la notizia dei 900 milioni assegnati alla Regione Sicilia per ripianare i propri debiti e ancora la riforma del titolo V della costituzione per togliere poteri alla regioni e riportarli sotto il centralismo dello Stato togliendo alle stesse ulteriori trasferimenti economici.

Di fronte a queste e tante altre notizie non possiamo che indignarci, come autonomisti, contro uno Stato nemico dei territori e delle popolazioni, che qui come in tutto il Nord, pagano le tasse a fronte di minori servizi e continui tagli.

Per la stessa ragione, chi in questi giorni si scaglia contro la Regione Veneto e non contro il centralismo statale, dimostra di non capire ancora che le leggi si fanno a Roma e non a Venezia.

Sono in troppi i soggetti che usano impropriamente il termine autonomia solo per rendiconto politico – conclude Vello –  e la difesa del bellunese non deve più essere solo uno slogan da usare tra i confini della nostra terra per poi dimenticarsene in sede di partito quando si è a Roma, così come fatto ultimamente dal PD e dal PDL rimarcando posizioni di autonomismo a Belluno e sostenendo le scelte del governo centrale a Roma”!

Share
- Advertisment -


Popolari

Tre furti in appartamento. Due a Borgo Valbelluna e uno a Pedavena

Sono tre i furti in appartamento denunciati tra ieri e oggi: due sono avvenuti nel Comune di Borgo Valbelluna nel quartiere Salvo d'Acquisto dove...

Concorso per geometra e per vigile al Comune di Pedavena

È indetto un concorso pubblico per l'assunzione a tempo indeterminato e pieno di un istruttore tecnico categoria C1 presso l’Area Tecnica del Comune di...

In corso di attivazione l’ospedale di Comunità di Agordo

Al via l’attivazione di un “Ospedale di Comunità” all’interno del presidio di Agordo. L’Ulss Dolomiti sta predisponendo in questi giorni il nuovo piano di emergenza...

Annullata l’ex tempore di scultura su legno

Annullata l'Ex Tempore di scultura su legno. Il Consorzio Belluno Centro Storico, preso atto dei cambiamenti dell'ultima settimana relativi all'emergenza sanitaria, fa sapere di...
Share