13.9 C
Belluno
sabato, Novembre 28, 2020
Home Cronaca/Politica Bond esulta: "Approvata la specificità di Belluno nello Statuto veneto. Possiamo finalmente...

Bond esulta: “Approvata la specificità di Belluno nello Statuto veneto. Possiamo finalmente brindare”

Dario Bond

“E’ una giornata storica, a Belluno possiamo stappare lo spumante delle grandi occasioni. E’ stata una strada tutta in salita ma alla fine ce l’abbiamo fatta a portare a casa questa benedetta specificità. Ora non ci dovrebbero più essere intoppi”.

A dirlo è il capogruppo del Pdl in Consiglio regionale Dario Bond dopo che l’assemblea di palazzo Ferro-Fini ha approvato in prima discussione l’articolo 14 dello Statuto, in particolare il comma V, che introduce la “specificità” del Bellunese.

“Parliamo di una forma particolare di autonomia amministrativa, regolamentare e finanziaria, che va dalla gestione delle risorse idriche all’agricoltura e al turismo”, spiega Bond carte in mano.

La storia della specificità bellunese è fortemente legata alle alterne vicissitudini dello Statuto regionale: “E’ stato uno dei temi maggiormente dibattuti da tutte le forze politiche in questi anni. Non è stato facile spiegare ai colleghi della pianura la valenza di un simile riconoscimento per chi la montagna la vive quotidianamente. In certi momenti non nascondo di aver temuto il peggio anche perchè, ricordo, i rappresentanti bellunesi sono tre su sessanta”.

“Sono felice che pian piano il fronte bellunese in Regione sia stato in grado di far passare il messaggio – tutt’altro che scontato – che vivere in montagna è più difficile che altrove e che, proprio per questo, serve un modello di gestione del territorio più vicino a Belluno e alle sue vallate”.

Per Bond va anche sottolineato il ruolo degli enti locali in generale, non solo dell’ente Provincia: “La Provincia può infatti conferire, a sua volta, ai comuni o alle loro forme associative le funzioni che non richiedono l’esercizio unitario a livello provinciale. E’ un segnale di vicinanza ai territori”.

Dopo l’approvazione del singolo articolo, l’iter proseguirà (probabilmente martedì prossimo) con il voto dell’intera bozza di Statuto, che poi dovrà ritornare in aula per una seconda votazione. Solo allora la specificità diventerà legge.

“Siamo a un punto di non ritorno. Ora si va avanti”, conclude Bond.

Il via libera alla specificità è arrivato dopo il raggiungimento di un accordo sul numero dei consiglieri, querelle che ha tenuto banco in questi mesi. “L’accordo riguarda il numero futuro dei consiglieri regionali”, spiega Bond, “che saranno uno ogni centomila abitanti e con un limite massimo di 60. Con questa regola se si andasse a votare oggi sarebbero 49 più il candidato presidente eletto e il primo candidato a presidente non eletto. E’ un segnale importante sul fronte dei costi della politica”.

Ecco il testo dell’articolo approvato

Art. 14 – Specificità delle singole comunità, dei territori montani e della Provincia di Belluno.

1.      La Regione riconosce le specificità delle singole comunità che compongono il Veneto.

2.      Ferma la salvaguardia delle esigenze di carattere unitario della Regione, la legge regionale può conferire, previe apposite intese, particolari competenze amministrative a province o ad enti locali associati, trasferendo contestualmente le risorse necessarie per l’esercizio di tali funzioni.

3.      La Regione, per incentivare uno sviluppo armonioso, impronta la propria azione a realizzare il rafforzamento della coesione economica, sociale e territoriale, rivolgendo un’attenzione particolare alle zone rurali, alle isole lagunari, alle aree deltizie, alle zone interessate da transizione industriale e a quelle che presentano gravi e permanenti svantaggi naturali o demografici.

4.      Per promuovere lo sviluppo economico, la coesione e la solidarietà sociale, per rimuovere gli squilibri economici e sociali, per favorire l’effettivo esercizio dei diritti della persona o per provvedere a scopi diversi dal normale esercizio delle loro funzioni, la Regione conferisce, con legge, forme e condizioni particolari di autonomia amministrativa e finanziaria agli enti locali, singoli o associati, che ne facciano richiesta, il cui territorio sia in tutto o in parte montano.

5.      La Regione, ferma la salvaguardia delle esigenze di carattere unitario, conferisce con legge alla Provincia di Belluno, in considerazione della specificità del suo territorio transfrontaliero e interamente montano nonché abitato da significative minoranze linguistiche, forme e condizioni particolari di autonomia amministrativa, regolamentare e finanziaria in particolare in materia di politiche transfrontaliere, minoranze linguistiche, governo del territorio, risorse idriche ed energetiche, viabilità e trasporti, sostegno e promozione delle attività economiche, agricoltura e turismo. La Provincia di Belluno, d’intesa con le autonomie locali, in attuazione dei principi di sussidiarietà, differenziazione e adeguatezza e sulla base di appositi accordi, provvede a sua volta a conferire ai comuni o alle loro forme associative quelle funzioni amministrative che non richiedono l’esercizio unitario a livello provinciale.

 

Share
- Advertisment -

Popolari

Pallavolo Belluno. Diego Poletto: «Non abbiamo mai staccato, ora alziamo la qualità»

La Pallavolo Belluno non si ferma. Anche se non esiste ancora una data precisa per l'esordio nella B maschile, la Da Rold Logistics non...

Webinar per genitori e insegnanti: primo appuntamento il 30 novembre

Tre incontri per genitori e insegnanti sull’impatto emotivo da covid su bambini e ragazzi organizzati dalla Psicologia Ospedaliera dell’Ulss Dolomiti. La pandemia, soprattutto in questa...

Situazione contagi nelle scuole: 39 classi in isolamento fiduciario

Belluno, 27 novembre 2020 -  Sono attualmente in carico al “Team scuola” del Dipartimento di Prevenzione della Ulss Dolomiti 91 classi della provincia così...

Scarica di sassi nella notte a Canal, attivata la richiesta di intervento di somma urgenza alla Provincia di Belluno

Feltre, 27 novembre 2020 - Nella notte si è verificato dal versante a nord dell'abitato di Canal (Feletre) il distacco di alcuni massi rocciosi che...
Share