13.9 C
Belluno
giovedì, Ottobre 22, 2020
Home Cronaca/Politica Legge sul Turismo. Bottacin: «Puntiamo ad una struttura associata, forte e condivisa»

Legge sul Turismo. Bottacin: «Puntiamo ad una struttura associata, forte e condivisa»

Il presidente della Provincia di Belluno, Gianpaolo Bottacin, si è recato oggi alla Conferenza Regione – -Autonomie locali, al cui ordine del giorno c’era la discussione del progetto di legge n° 170, in materia di “sviluppo e sostenibilità del turismo”.
«Per assicurare al nostro territorio bellunese il riconoscimento della sua peculiarità e di originalità, si è più volte ritenuto di dover dare vita ad un corpus normativo che di esse tenga conto, così da garantire l’omogeneità di sviluppo, puntando sulla sinergia dei soggetti interessati», ha spiegato Bottacin.
«Oggi ho voluto presentare, in Conferenza, alcune osservazioni tecniche al testo proposto, perché è bene creare un meccanismo limpido e chiaro per dare una svolta al turismo bellunese – ha detto il capo di Palazzo Piloni – . Per territori fragili come la montagna, occorre evitare la suddivisione degli attori e delle strutture, per favorire, invece, la creazione di organismi unitari. Infatti, un sistema formato da una sola struttura associata forte e condivisa (seppur articolata) è quello che permette più ampie ed utili ricadute su imprese e territorio. I previsti “Sistemi Turistici Tematici”, individuati dalla bozza al fine di una gestione delle risorse turistiche, suddividendole per ambiti territoriali orientati verso un medesimo tematismo turistico, prevedono ulteriori frammentazioni del tessuto organizzativo e programmatico del settore, e rischiano, in aggiunta, di essere solo un soggetto territoriale in più».
In particolare, Bottacin ha sottolineato alcuni aspetti su cui è bene porre mano per il bene delle realtà presenti sul territorio bellunese: «Nel progetto di legge è prevista la classificazione di tutte le strutture con stelle: nel caso dei rifugi l’attribuzione crea confusione al turista (attualmente non sono distinti in categorie) e la peculiarità della tipologia (ristoro, soccorso) mal si presta ad individuare dotazioni e servizi in base ai quali assegnare le stelle», ha detto ancora il presidente.
«Inoltre, l’articolo 33 prevede, al quinto comma, che i titolari di strutture che prima potevano svolgere la loro attività in forma non imprenditoriale dovranno comunicare i dati della partita IVA entro 6 mesi – ha continuato Bottacin – . Tale circostanza rischia di far chiudere molte strutture necessarie per la ricettività soprattutto in alcuni ambiti del nostro territorio».

Share
- Advertisment -


Popolari

Zaia presenta la giunta al consiglio regionale: 60mila posti di lavoro a rischio. Questa sarà una legislatura sociale

Venezia, 21 ottobre 2020  “Lavoro, economia, occupazione e servizi sociali saranno, oltre alla sanità, la vera sfida per questa giunta. Una sfida che si...

Ultimissime dai carabinieri

I carabinieri di Cencenighe hanno denunciato per detenzione di sostanza stupefacenti due fratelli agordini di 24 e 25 anni. La perquisizione fatta nella giornata...

Confermata l’Ex tempore di scultura in centro Belluno

All’insegna della prudenza, con qualche doverosa rinuncia, lo svolgimento dell’Ex Tempore di Scultura su Legno è confermato. Consorzio e Amministrazione Comunale hanno condiviso l’opportunità di...

Chiuse le elementari di Cortina. Trasferiti 10 ospiti dal Centro servizi di Ponte nelle Alpi. Nuove modalità di accesso ai drive-in

Quattro maestre della scuola primaria "Duca d'Aosta" di Cortina d'Ampezzo sono risultate positive al covid, pertanto il sindaco Gianpietro Ghedina ha pubblicato oggi l'ordinanza...
Share