13.9 C
Belluno
sabato, Ottobre 31, 2020
Home Arte, Cultura, Spettacoli Appuntamenti A Serravalle di Vittorio Veneto domenica 19 giugno c’è il Palio delle...

A Serravalle di Vittorio Veneto domenica 19 giugno c’è il Palio delle Botti. In gara undici “Città del Vino” da otto province

Vittorio Veneto “capitale” delle Città del Vino per un weekend. Si svolgerà domenica 19 giugno (ma alcune squadre sono attese in città già sabato 18) la sesta edizione del Palio delle Botti a Vittorio Veneto, inserita nel calendario nazionale della manifestazione omonima. Undici, compresa quella locale, le formazioni attese nel centro storico di Serravalle, che si confermerà degna cornice di un evento cultural – enologico che sa appassionare un pubblico molto variegato. Così come variegata è la provenienza delle squadre, ognuna delle quali sarà composta da quattro maschi e due femmine, tutti obbligatoriamente maggiorenni, che si sfideranno nelle quattro prove tradizionali. Ben tre i “sestetti” in arrivo dalla provincia di Treviso: oltre all’ospitante Vittorio Veneto saranno di scena a Serravalle anche Refrontolo e San Pietro di Feletto. Due le compagini che muoveranno dalla provincia di Udine: Buttrio (sede del Palio dove Vittorio Veneto si è imposta il 4 giugno scorso) e Premariacco. Dal nordest d’Italia arriveranno anche Avio (Trento) e Fonzaso (Belluno). Ma saranno protagoniste a Vittorio pure le Città del Vino di Corropoli (Teramo), Ghemme (Novara), Suvereto (Livorno) e Ziano Piacentino (Piacenza).

Molto ricco il programma della manifestazione, che si svolgerà nel centro storico di Serravalle e avrà un prologo conviviale e gastronomico sabato 18 giugno alle 15.00 con l’apertura della Loggia di Palazzo Minucci per le degustazioni. Alle 20.00 cena con le squadre presenti: è consigliata la prenotazione. Si potranno gustare in piazza lo spiedo e altre specialità. Domenica 19 giugno il Palio si dipanerà lungo tutta la giornata: si inizia alle 10.30 al Museo del Cenedese di Serravalle con la presentazione delle squadre partecipanti; alle 11 riapre la Loggia per le degustazioni, alle 11.30 passeggiata e visita storico – artistica a Sant’Augusta (su prenotazione: quota 5 euro). Alle 12.00 apre lo stand gastronomico, alle 15.30 iniziano le sfide del Palio Nazionale delle botti “Città del Vino”. Quattro, per l’esattezza, sono le prove che attendono i 66 concorrenti in gara. La prima è la corsa delle donne: lungo un percorso di circa 200 metri sarà effettuata una corsa con le botti da 250 litri riservata alle due concorrenti di ogni squadra. La seconda prova è il trasporto della botte: due coppie di maschi e una di femmine dovranno trasferire da un punto prestabilito a un altro una botte da 250 litri con il sistema della staffetta a manche cronometrate. La terza prova consiste nella spinta della botte lungo un percorso da parte di due componenti di ogni squadra, con partenza da piazza Tiziano Vecellio. A metà salita di via Roma (il percorso sarà pianeggiante, in salita e in discesa) potrà essere effettuato il cambio dei concorrenti. Un secondo cambio sarà consentito al termine della discesa. Questa prova determinerà la squadra che si qualificherà alla finale nazionale del Palio 2011, in calendario domenica 2 ottobre a Corropoli. Chiuderà il programma il gioco del riempimento della botte, che vedrà impegnati tutti e sei i concorrenti di ogni squadra. A una decina di metri da una vasca approvvigionata grazie a una cisterna messa a disposizione dal Gruppo antincendi boschivi sarà posizionata, in orizzontale, una botte da 225 litri. Due maschi dovranno tenere in equilibrio la botte, una donna l’imbuto. Gli altri tre concorrenti dovranno effettuare il tragitto fontana – botte con il secchio facendo una staffetta e mantenendo l’ordine uomo – donna – uomo. Scopo del gioco è riempire il prima possibile la botte di acqua. Sono previste penalità in caso di spostamento della botte o di ostacolo agli avversari. Al termine delle prove sarà decretata la squadra vincitrice del Palio. Ma in realtà sarà festa per tutti i partecipanti, mai numerosi come quest’anno: “Il 2011 segna il record di squadre iscritte al nostro Palio – ricorda Aldo Buosi, presidente della Pro Loco Vittorio Veneto – nel 2009 registrammo dieci iscrizioni, l’anno scorso sei. Avremo ospiti in città squadre molto agguerrite, in particolare modo Corropoli che da tre anni surclassa Vittorio Veneto nelle finali del Palio nazionale”. La squadra vittoriese può comunque consolarsi con la certezza di partecipare alla finale 2011 grazie alla vittoria ottenuta a Buttrio. Ma, oltre al divertimento e a un po’ di sano agonismo, obiettivo del Palio è anche fare conoscere le bellezze naturali e architettoniche delle città che ne ospitano le tappe. “Crediamo che sia importante fare conoscere Vittorio Veneto soprattutto a chi arriva da regioni lontane – sottolinea Buosi – il Palio delle Botti può diventare per la città che lo organizzano un’occasione per farsi conoscere dalle squadre ospiti. Da parte nostra registriamo con soddisfazione l’arrivo in città, oltre alla nostra, di ben dieci formazioni da sei concorrenti l’una oltre agli accompagnatori, che soggiorneranno per un weekend nelle strutture vittoriesi”.

Share
- Advertisment -


Popolari

Nasce Gusto in Scena, il periodico di Lucia e Marcello

Dove tutto è alta qualità, sono le idee e i valori storico-culturali delle scelte a creare la differenza. Nasce su queste basi "Gusto in...

Artigiani preoccupati dallo spettro di un nuovo lockdown. Scarzanella: «Garantiamo la prosecuzione delle attività alle imprese che rispettano le regole»

«Gli artigiani, a questo punto, tremano. Abbiamo paura di un nuovo lockdown e siamo in balia dell'incertezza che ne deriverà. Più di qualcuno potrebbe...

Sovracanoni idrici. De Menech: “Belluno rischia di perdere milioni di euro a causa di una proposta di legge di Forza Italia a favore dei...

Roma, 31 ottobre 2020   «Un danno enorme per le amministrazioni locali. La Provincia di Belluno rischia di perdere milioni di euro». Il deputato bellunese...

Incidente mortale a Trichiana

Borgo Valbelluna, 31 ottobre 2020 - Non ce l'ha fatta David Bernard, 48enne di Pialdier di Trichiana che stamattina intorno alle 9 in sella...
Share