13.9 C
Belluno
lunedì, Novembre 30, 2020
Home Cronaca/Politica Rincari di materie prime, carburanti e accise: allarme dell’UAPI di Belluno. Il...

Rincari di materie prime, carburanti e accise: allarme dell’UAPI di Belluno. Il costo di trasporto in un anno variato a Belluno del 5,5%

Luigi Curto

Sulle speranze di ripresa economica dei piccoli imprenditori incombe il rialzo dei prezzi delle materie prime. “Non si tratta  di quisquiglie – precisa il presidente dell’Unione Artigiani e Piccola Industria di Belluno, Luigi Curto – ma di cifre che fanno allarmano e ne sono interessati tanto i beni non alimentari quanto quelli alimentari”. Dati dell’Ufficio studi di Confartigianato calcolano un rincaro medio in Italia del 33% nel periodo gennaio 2010-gennaio 2011. Tra i beni non alimentari, quelli a registrare il maggior aumento sono:  il cotone (+147 %), la gomma (+91,3) e lo stagno (+65,5). “Si tratta dunque di un’impennata – denuncia il presidente Curto – che può provocare un effetto dirompente sui costi sopportati dalle imprese manifatturiere italiane per l’acquisto di beni necessari alla produzione”. A livello nazionale la stima dell’impatto supera i 155 miliardi di euro in un anno. Le regione in cui risulta maggiore tale ripercussione sulle imprese è la Lombardia (+14,1% di maggior spesa per materie prime sul Pil della regione), ma il Veneto è a ridosso (+ 12,8%). Quanto ai settori, il crescendo vorticoso dei prezzi tocca principalmente la metallurgia e l’alimentare, con rincari medi delle materie prime rispettivamente del 37,1% e del 39,3%. “La fiammata dei prezzi sta mettendo a dura prova gli imprenditori artigiani – afferma Luigi Curto – costretti a comprimere i margini di guadagno, se non ad annullarli o, nel peggiore dei casi, costringendo a lavorare in perdita a seguito dei continui rincari che si susseguono tra il momento dell’acquisizione delle commesse e la consegna del prodotto finito”. A questo quadro già critico sono venute ad aggiungersi nelle ultime settimane, a seguito delle turbolenze dei Paesi nord africani del bacino del Mediterraneo, le tensioni sui mercati energetici, che hanno provocato pressioni rilevanti sui prezzi al consumo dei beni energetici. “Principalmente interessate a questa situazione sono le aziende dell’autotrasporto  – denuncia il presidente di UAPI –I numeri parlano da soli: tra gennaio 2009 e gennaio 2011 il gasolio per autotrazione è aumentato del 51,5%”.  E a Belluno il caro trasporti a Belluno si fa sentire davvero parecchio: Belluno è 13^ nella speciale classifica, che misura i prezzi dei trasporti sul territorio italiano nazionale, con una variazione tra gennaio 2011e gennaio 2010 pari a +5,5%. In testa alla stessa classifica si trova Verbania con un + 9,2%; meno cara di tutti: Palermo con un +1,1%.
Ora si parla anche di 1 centesimo di accisa per litro in più da destinare al Fondo per lo spettacolo. “Senz’altro anche le professioni intellettuali devono avere spazio e gli Enti dello spettacolo devono avere dignità di azione – conclude il presidente Curto – ma certo quest’ultima mossa del Governo e del ministro Tremonti sembra più una manovra per creare conflitti tra cittadini e imprese piuttosto che testimoniare la convinzione di un effettivo sostegno al mondo dello spettacolo”. C’è , infine, una valutazione tecnica da tener presente sul costo del carburante. “I committenti, infatti, devono garantire all’autotrasportatore almeno la copertura dei costi minimi – spiega il presidente degli Autotrasportatori, Franco Zampieri – se anche le tariffe di trasporto non aumentano, il meccanismo previsto dalla legge impone che sia il committente ad accollarsi la differenza fra il corrispettivo pattuito e il costo minimo. Se già oggi viaggiamo al limite, è evidente che questi incrementi dovranno riversarsi sui committenti, con un ulteriore dannosa spinta inflazionistica.”

Share
- Advertisment -

Popolari

Auto investe animale selvatico sul Boscon e viene a sua volta tamponata da altri due veicoli

Belluno, 30 novembre 2020 - Alle ore 05:55  di questa mattina, una Fiat Uno bianca condotta da T.A. 53enne bellunese, in transito da Belluno...

Controlli anticovid. In troppi all’MP Marchet di Belluno. Chiusura per 5 giorni. Nessuna irregolarità sui sentieri delle Tre Cime

E' stato sanzionato con la chiusura provvisoria di 5 giorni l'esercizio commerciale M.P. Marchet di via Tiziano Vecellio, 71/1 gestito da cittadini cinesi. Al...

Ruzzola per 200 metri e perde la vita

Pieve di Cadore (BL), 29 - 11 - 20   Alle 15.40 circa l'elicottero del Suem di Pieve di Cadore è decollato in direzione di...

Screening ad Auronzo: adesione al 33%, positività inferiori all’1%. Probabile avvio verso la fase conclusiva della fiammata epidemica

Si è svolto questa mattina, in località Taiarezze, ad Auronzo, lo screening per la ricerca del Sars-Cov-2 tra le classi di età più colpite...
Share