13.9 C
Belluno
sabato, Novembre 28, 2020
Home Cronaca/Politica Il Pd chiede le dimissioni del presidente di Gsp Franco Roccon per...

Il Pd chiede le dimissioni del presidente di Gsp Franco Roccon per il buco di 50 milioni dell’ente. Visalli: “Prade casca dalle Nuvole? Dov’era quando si assumevano decisioni?”

Irma Visalli

«E’ un po’ incredibile che il primo cittadino del capoluogo, che rappresenta 36mila abitanti nell’Ato  (oltre che essere  compagno di partito di chi gestisce tutto il Bim), possa semplicemente dire “ mi leggerò le carte”. Ma dov’era Prade quanto si assumevano decisioni, c’è mai andato all’Ato? Non ha mai ricevuto qualche letterina da parte di cittadini già allarmati?» Sono gli interrogativi di Irma Visalli, segretario Unione comunale del Partito democratico di Belluno. «Non basta dichiararsi a favore dell’acqua pubblica – prosegue Visalli –  (speriamo che nessuno del PDL si muova al contrario)  quando poi  con i fatti, si dà dimostrazione di essere incapaci di gestire il “controllo” del bene acqua  e delle risorse collettive.  Inutile che Prade faccia la parte del “bel addormentato” nel bosco: lui non può essere estraneo alla vicenda e fare anche quello che spera non si facciano processi di piazza.  Come se la politica fosse fuori da quanto è accaduto. Perché, oltre il danno più lampante e concreto  (la bolletta più che dovrebbero pagare i cittadini)  il problema  politico esiste eccome.  E’ la questione, più volte sollevata, della sovrapposizione di ruoli  (controllori e controllati, presidenti del BIM nelle sue società, appartenenti all’ATO e  amministratori  comunali e provinciali di PDL e LEGA)  facendo della “squadra” BIM una  costellazione  che gestisce potere e di cui si è perso completamente il controllo.  Si è perso soprattutto  di vista lo scopo e la trasparenza per ciò che torna utile  ai  cittadini: qualità del servizio, economia della spesa. Detto ciò – conclude Irma Visalli –  non si può non accennare al balletto  tra PDL e LEGA  che lascia anche nei non addetti ai lavori, sconcerto e perplessità. Ma se governano insieme, se addirittura assessori e capogruppo fanno parte della squadra Bim insieme a quelli che oggi li accusano,  come mai poi appaiono così “estranei , indignati e stupiti” l’un l’altro? .  Chi paga gli esiti di questi battibecchi? I cittadini, naturalmente, nonostante gli annunci enfatici di Prade sull’acqua bene comune:  Ora, chiedendo  a gran voce le dimissioni di Roccon e  compagni, sottolineiamo che il  Sindaco del capoluogo,  fa parte di quanti dovrebbero assumersi la responsabilità di aver dato ad altri carta bianca per gestire il bene di tutti noi. Senza controllo. Senza voce».

Share
- Advertisment -

Popolari

L’inutile proroga * di Michela Marrone

I commercialisti bellunesi si sono uniti in questi giorni alle richieste del Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili al fine di...

Dissesto idrogeologico. Importanti lavori conclusi in collaborazione tra il Comune di Borgo Valbelluna e l’Unione montana Val Belluna

Anche quest'anno, nonostante l'emergenza COVID-19, nel comune di Borgo Valbelluna i cantieri relativi alla difesa del suolo dai problemi legati al dissesto idrogeologico non...

Pallavolo Belluno. Diego Poletto: «Non abbiamo mai staccato, ora alziamo la qualità»

La Pallavolo Belluno non si ferma. Anche se non esiste ancora una data precisa per l'esordio nella B maschile, la Da Rold Logistics non...

Webinar per genitori e insegnanti: primo appuntamento il 30 novembre

Tre incontri per genitori e insegnanti sull’impatto emotivo da covid su bambini e ragazzi organizzati dalla Psicologia Ospedaliera dell’Ulss Dolomiti. La pandemia, soprattutto in questa...
Share