13.9 C
Belluno
sabato, Dicembre 5, 2020
Home Cronaca/Politica Il Pd chiede le dimissioni del presidente di Gsp Franco Roccon per...

Il Pd chiede le dimissioni del presidente di Gsp Franco Roccon per il buco di 50 milioni dell’ente. Visalli: “Prade casca dalle Nuvole? Dov’era quando si assumevano decisioni?”

Irma Visalli

«E’ un po’ incredibile che il primo cittadino del capoluogo, che rappresenta 36mila abitanti nell’Ato  (oltre che essere  compagno di partito di chi gestisce tutto il Bim), possa semplicemente dire “ mi leggerò le carte”. Ma dov’era Prade quanto si assumevano decisioni, c’è mai andato all’Ato? Non ha mai ricevuto qualche letterina da parte di cittadini già allarmati?» Sono gli interrogativi di Irma Visalli, segretario Unione comunale del Partito democratico di Belluno. «Non basta dichiararsi a favore dell’acqua pubblica – prosegue Visalli –  (speriamo che nessuno del PDL si muova al contrario)  quando poi  con i fatti, si dà dimostrazione di essere incapaci di gestire il “controllo” del bene acqua  e delle risorse collettive.  Inutile che Prade faccia la parte del “bel addormentato” nel bosco: lui non può essere estraneo alla vicenda e fare anche quello che spera non si facciano processi di piazza.  Come se la politica fosse fuori da quanto è accaduto. Perché, oltre il danno più lampante e concreto  (la bolletta più che dovrebbero pagare i cittadini)  il problema  politico esiste eccome.  E’ la questione, più volte sollevata, della sovrapposizione di ruoli  (controllori e controllati, presidenti del BIM nelle sue società, appartenenti all’ATO e  amministratori  comunali e provinciali di PDL e LEGA)  facendo della “squadra” BIM una  costellazione  che gestisce potere e di cui si è perso completamente il controllo.  Si è perso soprattutto  di vista lo scopo e la trasparenza per ciò che torna utile  ai  cittadini: qualità del servizio, economia della spesa. Detto ciò – conclude Irma Visalli –  non si può non accennare al balletto  tra PDL e LEGA  che lascia anche nei non addetti ai lavori, sconcerto e perplessità. Ma se governano insieme, se addirittura assessori e capogruppo fanno parte della squadra Bim insieme a quelli che oggi li accusano,  come mai poi appaiono così “estranei , indignati e stupiti” l’un l’altro? .  Chi paga gli esiti di questi battibecchi? I cittadini, naturalmente, nonostante gli annunci enfatici di Prade sull’acqua bene comune:  Ora, chiedendo  a gran voce le dimissioni di Roccon e  compagni, sottolineiamo che il  Sindaco del capoluogo,  fa parte di quanti dovrebbero assumersi la responsabilità di aver dato ad altri carta bianca per gestire il bene di tutti noi. Senza controllo. Senza voce».

Share
- Advertisment -

Popolari

Maltempo. Ordinanza del prefetto: sabato scuole chiuse. Allarme codice rosso: evitare spostamenti se non strettamente necessari

Il territorio della provincia è interessato da precipitazioni estese e persistenti. Il Centro Funzionale Decentrato della Regione Veneto in data odierna ha emesso l’avviso di...

48 ore di maltempo, massima criticità da sabato pomeriggio a domenica. Quota neve 1200-1500 metri

Venezia, 4 dicembre 2020  -  Il Centro Funzionale Decentrato della Protezione Civile, alla luce delle previsioni meteo di ARPAV e dell’intensa ondata di maltempo in...

Il Tar del Veneto conferma la legittimità del calendario venatorio provinciale. De Bon: «Spiace che posizioni ideologiche abbiano fatto perdere tempo ai nostri uffici»

Con ordinanza n. 612/2020 pubblicata oggi (4 dicembre) la Sezione prima del Tar Veneto si è nuovamente pronunciata a favore delle decisioni della Provincia...

Nuovo Dpcm, attività turistiche in ginocchio. De Carlo: “Il Governo non vada in vacanza e programmi la ripartenza. L’area montana ha bisogno di sostegni...

"Non possiamo trovarci all'Epifania con albergatori e impiantisti che non sanno che fare l'indomani: il Governo non vada in vacanza, inizi ora a programmare...
Share