13.9 C
Belluno
venerdì, Giugno 18, 2021
Home Arte, Cultura, Spettacoli Le Dolomiti di Dilio Marengon fino al 15 luglio ad Auronzo di...

Le Dolomiti di Dilio Marengon fino al 15 luglio ad Auronzo di Cadore

“Fotografando in Dolomiti”, la mostra fotografica di Dilio Marengon, inaugurata sabato 3 luglio, rimarrà aperta fino al 15 luglio nella Sala esposizioni del Municipio di Auronzo di Cadore con orario 10-12 16-19 tutti i giorni (ingresso libero).  Ad un anno dalla proclamazione delle Dolomiti a Patrimonio dell’Umanità
Auronzo di Cadore celebra queste vette spettacolari e maestose dedicando loro una mostra fotografica del fotografo cadorino Dilio Marengon. Ammirando le montagne della Val d’Ansiei, del Comelico e del Cadore è
possibile vivere emozioni uniche e a volte contrastanti, vastità e piccolezza, silenzio e fragore, infinità e limitatezza: un mondo magico, tutto da scoprire, le rocce millenarie che ogni giorno mutano e si trasformano in una sorta di percorso tra “genesi, evoluzione e dissoluzione”. Questo il tema proposto
dalla mostra fotografica “Fotografando in Dolomiti” di Dilio Marengon: una cinquantina immagini delle Dolomiti, immortalate nell’arco delle quattro stagioni, nelle più svariate condizioni ambientali racconteranno per tutto il mese di settembre un patrimonio naturale di incommensurabile valore e bellezza. “Con queste fotografie desidero trasmettere attraverso le mie esperienze, sensazioni ed emozioni, i momenti più belli e significativi della montagna”, queste le parole del fotografo Marengon. Il visitatore verrà assorbito da un
percorso fotografico che si svilupperà in tre sezioni ben distinte, genesi, evoluzione e dissoluzioni: tre momenti divisi ma indissolubilmente legati nella trama di un unico racconto.

GENESI: a rappresentare la forza naturale dei ghiacciai e delle acque che 5 milioni da anni fa a plasmato il paesaggio dolomitico unico al mondo che noi tutti oggi conosciamo.
EVOLUZIONE: le montagne immortalate nei momenti magici creati e dai contrasti di luci e ombre, l’alba, la luce intensa del giorno, l’atmosfera della notte, il tramonto, nel caleidoscopico gioco di colori offerto dalle quattro stagioni.
DISSOLUZIONE: immagini rigorosamente in bianco e nero a tratteggiare la fase distruttiva e più negativa del percorso, giunto ormai alla sua parabola conclusiva. I colori si dissolvono, l’ambiente si inasprisce, diventa
impervio, scabro e desolato. Le rocce crollano, la vegetazione scompare e lascia spazio a un ambiente brullo.

Share
- Advertisment -

Popolari

Il robot di Kratter sabato alla Galleria Rizet ad Arsié di Ponte nelle Alpi

Un uomo-macchina, con uno scheletro di acciaio e legno, rivestito di alluminio e ricoperto di cuoio. Il robot di Roberto Kratter, il giovane artista...

Acc. D’Incà: “Firmato il decreto attuativo dal Mise, ultimo passaggio al Mef. Poi le risorse per lo stabilimento di Mel”

"Il decreto per dare attuazione all'articolo 37 del Decreto sostegni è stato firmato dal Mise. Ora manca il passaggio finale al Mef e poi...

Contributi per 500mila euro dalla Provincia per gli impianti di risalita

Nelle prossime settimane saranno erogati i contributi economici agli impianti di risalita. Una manovra da 500mila euro varata dalla Provincia nel dicembre scorso e...

Antonio Bortoli eletto presidente dell’Associazione Arianna Il Filo della Solidarietà di Feltre

Antonio Bortoli è stato eletto alla presidenza dell'Associazione Arianna Il Filo della Solidarietà di Feltre. Sarà coadiuvato da Luca Pioggia Todoerto come vicepresidente, dal...
Share