13.9 C
Belluno
martedì, Gennaio 19, 2021
Home Arte, Cultura, Spettacoli Le Dolomiti di Dilio Marengon fino al 15 luglio ad Auronzo di...

Le Dolomiti di Dilio Marengon fino al 15 luglio ad Auronzo di Cadore

“Fotografando in Dolomiti”, la mostra fotografica di Dilio Marengon, inaugurata sabato 3 luglio, rimarrà aperta fino al 15 luglio nella Sala esposizioni del Municipio di Auronzo di Cadore con orario 10-12 16-19 tutti i giorni (ingresso libero).  Ad un anno dalla proclamazione delle Dolomiti a Patrimonio dell’Umanità
Auronzo di Cadore celebra queste vette spettacolari e maestose dedicando loro una mostra fotografica del fotografo cadorino Dilio Marengon. Ammirando le montagne della Val d’Ansiei, del Comelico e del Cadore è
possibile vivere emozioni uniche e a volte contrastanti, vastità e piccolezza, silenzio e fragore, infinità e limitatezza: un mondo magico, tutto da scoprire, le rocce millenarie che ogni giorno mutano e si trasformano in una sorta di percorso tra “genesi, evoluzione e dissoluzione”. Questo il tema proposto
dalla mostra fotografica “Fotografando in Dolomiti” di Dilio Marengon: una cinquantina immagini delle Dolomiti, immortalate nell’arco delle quattro stagioni, nelle più svariate condizioni ambientali racconteranno per tutto il mese di settembre un patrimonio naturale di incommensurabile valore e bellezza. “Con queste fotografie desidero trasmettere attraverso le mie esperienze, sensazioni ed emozioni, i momenti più belli e significativi della montagna”, queste le parole del fotografo Marengon. Il visitatore verrà assorbito da un
percorso fotografico che si svilupperà in tre sezioni ben distinte, genesi, evoluzione e dissoluzioni: tre momenti divisi ma indissolubilmente legati nella trama di un unico racconto.

GENESI: a rappresentare la forza naturale dei ghiacciai e delle acque che 5 milioni da anni fa a plasmato il paesaggio dolomitico unico al mondo che noi tutti oggi conosciamo.
EVOLUZIONE: le montagne immortalate nei momenti magici creati e dai contrasti di luci e ombre, l’alba, la luce intensa del giorno, l’atmosfera della notte, il tramonto, nel caleidoscopico gioco di colori offerto dalle quattro stagioni.
DISSOLUZIONE: immagini rigorosamente in bianco e nero a tratteggiare la fase distruttiva e più negativa del percorso, giunto ormai alla sua parabola conclusiva. I colori si dissolvono, l’ambiente si inasprisce, diventa
impervio, scabro e desolato. Le rocce crollano, la vegetazione scompare e lascia spazio a un ambiente brullo.

Share
- Advertisment -

Popolari

Ancora bloccato l’appalto della galleria Pala Rossa tra Primiero e il Feltrino

La Comunità di Primiero e i Comuni del territorio scrivono alla Regione Veneto, alla Provincia di Trento, alla Provincia di Belluno e agli Enti...

Campi fotovoltaici sulle discariche dismesse. L’idea green di Legambiente favorita anche dal Recovery Fund

Cosa si potrebbe fare sulle superfici, teoricamente inutilizzabili, delle discariche sature, come ad esempio quella di Belluno in località Cordele, in via del Boscon,...

Vaccino anti covid. Settimana riservata alle seconde dosi

La Pfizer ha comunicato che, per il potenziamento della produzione di vaccini anti covid, lo stabilimento di Puurs in Belgio non riesce a consegnare...

Covid. Il direttore generale Ulss scrive alla Provincia. Padrin: «Intravvediamo la luce in fondo al tunnel. Ma vietato abbassare la guardia»

Belluno, 18 gennaio 2021 - Questa mattina il presidente della Provincia, Roberto Padrin, ha ricevuto una lettera dal direttore generale dell'Ulss 1 Dolomiti Adriano...
Share