13.9 C
Belluno
giovedì, Maggio 13, 2021
Home Cronaca/Politica Occhialeria, Fistarol: "Passo avanti per la tutela del made in Italy"

Occhialeria, Fistarol: “Passo avanti per la tutela del made in Italy”

Maurizio Fistarol senatore Pd
Maurizio Fistarol senatore Pd

“Le notizie di questi giorni sulla  tempesta che avrebbe investito la sezione occhialeria di Confindustria Belluno Dolomiti con le dimissioni del consiglio direttivo di Sipao dimostrano quanto sia sentita dalle aziende una normativa che tuteli il Made in Italy. Una battaglia fondamentale per la sopravvivenza di un settore che in provincia di Belluno ha risentito pesantemente della crisi”. Così il senatore del Pd, Maurizio Fistarol, che è riuscito a far approvare un ordine del giorno per estendere le norme sull’etichettatura dei prodotti tessili e sul Made in Italy al settore dell’occhialeria. Nei giorni scorsi Fistarol aveva presentato al Senato ben 5 emendamenti al disegno di legge n. 1930 cosiddetto Reguzzoni-Versace a tutela del Made in Italy. “Ho cercato di far inserire anche il settore dell’occhialeria tra i beneficiari della legge – ha spiegato il senatore del Pd -, recependo le molte richieste formulate dal nostro territorio. Purtroppo il testo, approvato dalla Camera, è stato “blindato” ed è risultato quindi non modificabile. Insieme al senatore Sangalli, che mi ha affiancato in questo sforzo, ho quindi ritenuto opportuno trasformare gli emendamenti (che sarebbero stati respinti dalla maggioranza) in un ordine del giorno, poi votato all’unanimità, che impegna il Governo ad estendere le norme al settore dell’occhialeria. Il tutto è avvenuto nella decima Commissione Industria, Commercio e Turismo, dove il provvedimento è stato approvato, proprio in ragione degli accordi che erano intervenuti. Anche il Governo, in quella sede, ha assunto un impegno formale nei confronti dell’occhialeria”. “Lo scopo dell’ordine del giorno – ha spiegato ancora Fistarol – è di estendere, in tempi brevi, i benefici previsti per il tessile anche al settore dell’occhialeria italiana, con particolare riguardo ai prodotti del segmento lusso e moda, degli occhiali correttivi e protettivi e di prevedere che l’etichettatura Made in Italy sia riconosciuta esclusivamente ai prodotti per i quali la fase di lavorazione sia eseguita nel territorio nazionale e per le rimanenti fasi sia verificabile la tracciabilità, nel rispetto delle regole di origine comunitarie e internazionali della organizzazione mondiale del commercio”. “Vigilerò – ha concluso Fistarol – affinché gli impegni assunti siano mantenuti dal Governo”.

Share
- Advertisment -

Popolari

104mo Giro d’Italia. Il 19 maggio la diretta della presentazione della tappa dolomitica del 24 maggio

Il 19 maggio alle ore 11 avrà luogo nella Sala Consiliare del Comune di Cortina, in Corso Italia n. 33 la presentazione della tappa...

Divide et impera. Terna ci riprova trattando separatamente con i singoli Comuni

Terna pare aver fatto sua la strategia di Giulio Cesare, "Divide et impera" e riprende la trattativa separata con i singoli Comuni. Alcuni dei...

Sfregiati gli affreschi del rustico di Villa Patt a Sedico. Cibien: “Sporgeremo denuncia”

Brutta sorpresa per i tecnici della Provincia di Belluno. Nei giorni scorsi un sopralluogo a Villa Patt (a Sedico) ha fatto scoprire una serie...

DolomitiBus cerca autisti. Il supermercato Kanguro di Agordo cerca macellaio e la sede di Cortina addetto al reparto frutta, verdura, gastronomia

DolomitiBus cerca autista di autobus per il territorio Bellunese. Pronta disponibilità di mansione su Agordo. Oltre che della guida dei mezzi aziendali per il...
Share