13.9 C
Belluno
lunedì, Settembre 21, 2020
Home Cronaca/Politica I Giovani Democratici incontrano i candidati Reolon e Vendramini in vista delle...

I Giovani Democratici incontrano i candidati Reolon e Vendramini in vista delle elezioni regionali

I Giovani Democratici di Belluno hanno incontrato ieri i due candidati del PD provinciale alle prossime elezioni regionali, Paolo Vendramini e Sergio Reolon, per un confronto sui temi legati ai giovani e alle problematiche del vivere in montagna. Un incontro informale, che si è svolto alla Brasserie in via Mezzaterra, e che ha visto la partecipazione di alcuni dei giovani impegnati nel sostegno al candidato presidente Bortolussi che sfida il leghista Zaia nell’imminenete tornata elettorale. Montagna svanita, dimenticata perfino dai tg meteo regionali (BL è l’unica sigla provinciale mancante del Veneto). I politici che si svenavano in pubblico per l’autonomia e la specificità montane, e che litigavano ferocemente per la sua paternità, ora che sono al potere preferiscono parlare di aree svantaggiate, come la Brussa di Caorle o il delta del Po. Guai insomma parlare di montagna, che a Venezia si irritano. Reolon e Vendramini ripartono da qui e suonano la sveglia ai bellunesi, ricordando le cose messe in campo fino all’anno scorso, come i canoni del demanio idrico alla Provincia, le agevolazioni per gli studenti, la banda larga e l’apertura verso il mondo con le Dolomiti nell’Unesco, a cui fino a ieri aveva sparato contro chi ora se ne fa un vanto e va in giro a stringere mani e a ritirare premi. Anche l’Università di Feltre rientra nel quadro fosco della montagna bellunese, con la Regione che è entrata in campo facendo fuori lo Iulm, ma non ha proposto alcuna alternativa, svuotandola così di ogni senso. L’appello è proprio a quei giovani che sono le prime vittime di questa negazione della diversità montana da parte del centralismo politico veneziano. Mobilità, istruzione, comunicazioni, spopolamento e occupazione. La montagna soffre l’abbandono, ma con soli 200.000 abitanti e un numero basso di elettori rispetto alle aree di pianura, non può aspettarsi nulla da quei politici che invece fanno i conti solo con il numero di voti che possono intascare. Un problema che i due candidati del Pd non si nascondono e da cui non sarà facile uscire. Se si vuole però che la montagna non continui a essere sfruttata nelle sue risorse e schiava di Venezia non c’è altra alternativa che fare appello ai bellunesi di buona volontà.

Share
- Advertisment -



Popolari

Esercitazione dei vigili del fuoco ad Alleghe

Oltre 60 vigili del fuoco, tra permanenti e volontari, con 20 automezzi l’elicottero Drago 71 e personale del centro telecomunicazioni regionale, hanno preso parte...

Riapre la caccia, ma c’è ancora illegalità in Italia. Il caso del Veneto

Pubblicato l'annuale rapporto del CABS sui reati venatori. Lo studio prende in esame le comunicazioni istituzionali delle forze dell'ordine, stampa accreditata, interventi delle Guardie...

Elezioni 2020. Regionali, referendum sul taglio dei parlamentari, suppletive Senato, Comuni. Affluenza, exit poll e risultati

Urne aperte domenica 20 settembre dalle 7 alle 23, e domani lunedì dalle 7 alle 15 per il voto del referendum costituzionale sul taglio...

Interventi di soccorso domenica e sabato sera a Cortina

Rocca Pietore (BL), 20 - 09 - 20 Alle 17.15 circa la Centrale del 118 è stata allertata da due alpinisti in difficoltà sulla...
Share