13.9 C
Belluno
sabato, Febbraio 4, 2023
Home Cronaca/Politica Candidato Pdl, spende 99 mila euro in telefonate porno con cellulare pubblico

Candidato Pdl, spende 99 mila euro in telefonate porno con cellulare pubblico

Venti siti pornografici. Giampaolo Lavagetto li avrebbe visitati migliaia di volte, quando era assessore alle Politiche per la scuola, tramite un telefonino di servizio assegnato dal Comune di Parma. Per questo il pm Roberta Licci ha chiesto il rinvio a giudizio dell’ex amministratore, in corsa per il Pdl alle prossime elezioni regionali. L’accusa è di peculato. In totale – come ormai appurato – col suo cellulare wap Lavagetto totalizzò 91mila e 381 euro di connessioni internet. Impossibile, al momento, sapere se l’intera cifra sia ascrivibile alla ‘navigazione’ a luci rosse. In ogni caso, tramite una transazione concordata nei mesi scorsi tra Telecom e il Comune, la somma da sborsare venne ridotta a 408,93 euro. La società di telefonia accettò infatti di convertire la tariffazione ‘a consumo’ con una formula più economica, riducendo enormemente le proprie pretese economiche. I residui 408 euro, però, pesano ancora sulle casse pubbliche. Leggi l’articolo

Share
- Advertisment -

Popolari

Valanga sul Cristallo, una persona travolta

Cortina d'Ampezzo (BL), 03 - 02 - 23 - Sono gravi le condizioni di uno scialpinista francese, coinvolto da una valanga mentre con una...

L’analisi del primo bilancio delle liste di opposizione Insieme per Belluno Bene Comune

Belluno, 3 febbraio 2023 - Si è tenuta questa mattina al Centro Giovanni XXIII di Belluno la conferenza stampa indetta dalle liste “Insieme per...

Iceclimber si ferisce con i ramponi

Cortina d'Ampezzo (BL), 03 - 02 - 23  Alle 13.30 circa la Centrale del 118 è stata attivata dai compagni di un iceclimber tedesco,...

Diventare volontario Cucchini, al via il 15° corso di formazione. Nove incontri con esperti e medici dal 7 marzo al 4 aprile

Aiutare le persone ammalate e i loro famigliari non è un compito in cui ci si può improvvisare dall’oggi al domani. Per questo l’associazione...
Share