13.9 C
Belluno
venerdì, Settembre 25, 2020
Home Cronaca/Politica L'asparago di Badoere diventa "Igp". Manzato :"un prodotto identitario della terra Veneta"...

L’asparago di Badoere diventa “Igp”. Manzato :”un prodotto identitario della terra Veneta”

Altri sei mesi d’attesa, poi anche l’asparago di Badoere verrà inserito ufficialmente nell’elenco dei prodotti a Indicazione Geografica Protetta tutelati dall’Unione Europea. La richiesta d’iscrizione, con il relativo disciplinare, è stata infatti pubblicata ieri 29 gennaio 2010, nella Gazzetta Ufficiale dell’UE: se non ci saranno osservazioni o opposizione da parte di qualche Paese della Comunità, anche questo caratteristico prodotto della pianura trevigiana giungerà al traguardo dell’IGP. “E’ un periodo particolarmente fecondo per i riconoscimenti di qualità delle produzioni venete – ha commentato il vicepresidente della Giunta regionale Franco Manzato -, con la pubblicazione di numerose richieste di iscrizione formulate dai produttori con lo scopo di esaltare la qualità del prodotto, tutelare i consumatori e valorizzare produzioni locali di altissimo livello che affondano la loro storia nell’identità del territorio d’origine. In particolare, l’Asparago di Badoere ha una lunghissima tradizione: l’origine sembra risalire alla conquista da parte dei Romani delle terre venete”.  Il Veneto, oggi, è la prima regione d’Italia per numero di prodotti di qualità certificata e a denominazione. La Marca trevigiana di recente ha salutato il riconoscimento dell’IGP Marrone di Combai e dell’IGP Marroni del Monfenera. Tra qualche mese all’IGP Asparago bianco di Cimadolmo potrebbe affiancarsi l’IGP “Asparago di Badoere”, dando lustro ad una produzione tipica che trova nelle acque tra Piave e Sile terreno fertile per la sua coltivazione.  L’Asparago di Badoere appartiene alla famiglia delle liliacee, genere Asparagus, specie Officinalis; due le tipologie riconosciute dal disciplinare: quella “bianca” (5 varietà) e quella “verde” (5 varietà). Quello bianco presenta un sapore dolce, non acido né salato, tenero e privo di fibrosità; quello verde ha invece sapore marcato, non acido né salato, con aroma fruttato ed erbaceo persistente. Viene prodotto nell’areale che include i comuni di Piombino Dese e Trebaseleghe (Padova), Casale sul Sile, Casier, Istrana, Mogliano, Morgano, Paese, Preganziol, Quinto, Resana, Treviso, Vedelago, Zero Branco (Treviso) e Scorzè (Venezia).

Share
- Advertisment -



Popolari

Elettrodotto. Vendramini: “Se il progetto iniziale verrà disatteso, siamo pronti a rivolgerci alla Procura”

Un report emerso dalla Provincia rimette in discussione il piano di "Razionalizzazione e sviluppo della RTN nella media valle del Piave".  E le amministrazioni...

Nevegal. Massaro: “Gli impianti potranno essere trasferiti al Comune solo se si troverà un gestore”

La società aggiudicataria, Paragon Business Advisors di Zola Predosa, ha presentato lo studio sul Nevegal che gli era stato commissionato dal Comune di Belluno,...

Identificato l’autore del danneggiamento della targa intitolata a Loris Tormen in via Sottocastello

E' un 19enne di Belluno, incensurato, il giovane che nella serata di sabato in via Sottocastello in centro città (nella foto), sotto l'effetto dell'alcol,...

Longarone Fiere riparte all’insegna della sicurezza. Successo per i due eventi di settembre, Reptiles Day e Fiera&Festival delle Foreste 

Un’attesa ripartenza per Longarone Fiere che si caratterizza per essere positiva, sia per gli ottimi risultati numerici che per l’efficienza delle misure di sicurezza...
Share