13.9 C
Belluno
martedì, Settembre 29, 2020
Home Lavoro, Economia, Turismo Lo Statuto delle piccole imprese: una rivoluzione culturale

Lo Statuto delle piccole imprese: una rivoluzione culturale

Luigi Curto
Luigi Curto

Grande soddisfazione dell’Unione Artigiani e Piccola Industria di Belluno per il disegno di legge sottoscritto da oltre 120 deputati. Meno ostacoli e più centralità per le micro e piccole e medie imprese. Quello che è stato depositato alla Camera è un disegno di legge davvero importante: a firmarlo oltre 120 deputati, sia di maggioranza (tra cui il bellunese Gidoni) che di opposizione, che dovrebbe seguire una corsia preferenziale per l’approvazione, considerato, tra l’altro, che è a costo zero.
“E’ la prima iniziativa che viene messa in campo per attuare anche in Italia lo Small Business Act – dice Luigi Curto, Presidente dell’Unione Artigiani e Piccola Industria – vale a dire di quel pacchetto di proposte che l’anno scorso la Commissione Europea ha approvato, stabilendo un principio fondamentale: “innanzitutto pensare in piccolo”. La proposta di legge che speriamo sia approvata al più presto dal Parlamento italiano accoglie questo principio e lo traduce in alcuni importanti misure.”
Nei 23 articoli in cui è articolata la proposta di legge sono contenuti alcuni principi importanti per le micro e piccole e medie imprese, tra cui l’obbligo per tutte le istituzioni, sia nazionali che locali, di valutare preventivamente l’impatto delle norme sulle piccole aziende. “Ma c’è molto di più – sottolinea il presidente dell’UAPI. C’è, per esempio, l’obbligo per le Amministrazioni Pubbliche di pagare al massimo entro 90 giorni. C’è la riserva del 30% a favore delle piccole imprese negli appalti pubblici. E poi diventano strutturali le agevolazioni fiscali a favore delle nuove imprese giovanili e femminili. Dal punto di vista fiscale, poi, ci sono tre principi importanti: la differenziazione della tassazione degli utili, un maggior vantaggio a persone fisiche o giuridiche che investono capitali di rischio nelle piccole e medie imprese, il divieto per lo Stato di pretendere versamenti da un’impresa se è debitore della stessa.”Insomma un pacchetto legislativo di grande respiro, a “costo zero”, ma dai contenuti così innovativi da poter fare all’economia un salto di qualità. “Si passa dalla politica del sospetto a quella della fiducia – conclude Curto. Dalla politica che doveva andar bene a tutti ciò che andava bene alla grande impresa a una politica molto più responsabile, che pone giustamente la piccola dimensione al centro dell’attenzione. Se sarà approvato, come auspichiamo, questa proposta di legge instaurerà un nuovo principio: solo quello che va bene alla piccola impresa, va bene a tutte le imprese!”.

Share
- Advertisment -



Popolari

Marchon Italia: accordo sindacale sullo smart working

Diritto alla disconnessione, tre giornate massime di smart working alla settimana, flessibilità della prestazione lavorativa. Sono alcuni degli elementi che caratterizzano l'accordo sullo smart...

Caffè pedagogico. Appuntamento on line il 5 e 9 ottobre per genitori con bambini da 0 a 6 anni

Il “Caffè Pedagogico” è un’Associazione culturale costituita nel 2017 da un gruppo di professionisti amanti del mondo dell’infanzia, convinti del valore pedagogico in educazione...

Fondo solidarietà bilaterale artigianato bloccato. Scarzanella: imprenditori senza assegno da maggio

«Il lockdown e la pandemia continuano a mettere in ginocchio il mondo dell'artigianato. La situazione comincia a farsi insostenibile». È quanto afferma la presidente...

Ulss 1 Dolomiti. Riapre la scuola elementare di Quartier Cadore dopo la quarantena

Ecco la situazione dell'emergenza covid alla Ulss 1 Dolomiti aggiornata ad oggi 29 settembre. Nelle ultime 24 ore sono emerse 3 nuove positività: un uomo di...
Share