13.9 C
Belluno
domenica, Novembre 29, 2020
Home Prima Pagina Niente allenamenti di bob in Piemonte. Si potevano fare a Cortina se...

Niente allenamenti di bob in Piemonte. Si potevano fare a Cortina se il Cio mi avesse ascoltato

«In Italia si continua a pensare all’orticello invece di ampliare l’orizzonte e magari evitare figuracce a livello internazionale. Mi riferisco al caso della pista da bob di Cesana in Piemonte dove dovrebbero svolgersi gli allenamenti in vista delle Olimpiadi di Vancouver 2010. Ma tutto è saltato perché il percorso è inagibile per mancanza di ghiaccio. L’unico impianto rimasto in funzione, dei quattro installati per “Torino 2006”, non è sufficiente a ghiacciare l’intera pista. Con il grave inconveniente che le squadre provenienti da mezza Europa sono là ferme perché  nessuno le ha avvertite dell’inghippo». Oltre agli azzurri del bob e dello slittino, i Paesi che avevano prenotato gli allenamenti nella struttura piemontese sono Lituania, Inghilterra, Austria, Slovacchia, Romania, Monaco, Belgio e Olanda. Oscar De Bona è piuttosto indignato e sbotta: «Non mi piace dire “l’avevo detto”, ma è quello che è successo. Ero ancora presidente della provincia di Belluno e si stavano organizzando le Olimpiadi di Torino nelle quali vedevo un’occasione importante che avrebbe potuto salvare dalla chiusura la pista da bob di Cortina d’Ampezzo. Così avevo proposto al Coni e al Comitato olimpico italiano di mantenere attiva la nostra pista dolomitica destinandola, previe le necessarie migliorie, agli allenamenti degli atleti che al momento partecipavano alle Olimpiadi piemontesi e utilizzarla anche in seguito per questo tipo di preparazioni sportive. Cortina dal canto suo avrebbe dato garanzie sia sul piano dell’agibilità del percorso e sia su quello della ricettività alberghiera. E in cambio il capoluogo ampezzano avrebbe ricevuto un ulteriore impulso nel comparto economico. Invece il Comitato olimpico è andato per la sua strada senza pesare ai possibili risvolti positivi di una proposta di buon senso. Così oggi la gloriosa pista di Cortina è chiusa per mancanza di fondi per rinnovarla e quella nuova e costosa di Cesana è chiusa per mancanza di ghiaccio. Bisogna far valere il criterio del coinvolgimento delle strutture presenti su un raggio ampio di territorio utilizzando il più possibile quelle esistenti».

Share
- Advertisment -

Popolari

Centralizzazione delle concessioni idroelettriche. De Carlo: “Strategia contro il territorio che annulla ogni forma di rappresentanza”

“La proposta di centralizzazione delle concessioni idroelettriche avanzata dal Partito Democratico fa parte di una strategia contro il territorio che punta ad annullare ogni...

Idroelettrico. Bond (FI): «Il tentativo di romanizzare le grandi concessioni è scandaloso. Mi opporrò senza se e senza ma»

«Chi vuole riproporre la centralizzazione della gestione idroelettrica fa il male della montagna. Il tentativo di espropriare i territori delle loro ricchezze, in questo...

Centralizzazione delle concessioni idroelettriche. Bona: “Il governo punisce la montagna”

«Si è capito che questo governo ce l'ha con le regioni e con i territori periferici. Dopo il silenzio sull'autonomia, dopo i tentativi di...

Arrestato uno straniero di Sedico. Doveva scontare la pena di 2 anni e 10 mesi per rapina e lesioni

Nella serata di ieri, venerdì 27 novembre, i carabinieri di Pieve di Cadore con il Nucleo investigativo di Belluno, hanno arrestato Burlac Michail 19enne...
Share