13.9 C
Belluno
venerdì, Gennaio 22, 2021
Home Cronaca/Politica Incidente mortale a Mel: imputato rinviato a giudizio. Di nuovo in aula...

Incidente mortale a Mel: imputato rinviato a giudizio. Di nuovo in aula a febbraio il kosovaro che causò la morte di Nicola De Bon

Si è tenuta oggi al Tribunale di Belluno l’udienza preliminare per il procedimento penale che ha visto A.R. imputato del reato di omicidio colposo per l’incidente stradale in cui il 12 settembre 2008 perse la vita Nicola De Bon, giovane 29enne di Sedico. Il proprietario dell’autocarro Chrysler che ha invaso la corsia opposta scontrandosi frontalmente con l’Opel guidata da De Bon a Mel sulla SP 1, è stato rinviato a giudizio e dovrà ripresentarsi in aula il 2 febbraio 2010 per l’udienza dibattimentale. La famiglia della vittima è seguita dallo studio Giesse Gestione Sinistri di Belluno per la trattativa di risarcimento con l’assicurazione. Erano circa le 6.30 del mattino del 12 settembre 2008 e Nicola De Bon a bordo della sua Opel Meriva stava recandosi al lavoro percorrendo la Provinciale 1 in direzione Belluno – Feltre quando all’altezza del bivio di Farra si scontrava tragicamente con il Daimler Chrysler che, arrivando dall’altra direzione, invadeva la corsia opposta. Nulla da fare per Nicola, ragazzo molto conosciuto e ben voluto dalla comunità di Sedico per il suo impegno nel volontariato. L’autista dell’autocarro e i due trasportati, tutti e tre operai edili residenti a Trichiana ma di origine kosovara, ricevevano i primi soccorsi dal 118 e mentre A.R. veniva elitrasportato d’urgenza all’Ospedale Ca’ Foncello di Treviso, gli altri venivano seguiti dall’Ospedale Civile di Belluno. Sul luogo intervenivano i Carabinieri di Mel per i rilievi di rito e per condurre le indagini preliminari veniva incaricato il P.M. dott. Leghissa Luigi. I famigliari di Nicola De Bon si sono affidati allo studio di Belluno di Giesse Gestione Sinistri* per la tutela dei loro diritti e procedere con la richiesta di risarcimento nei confronti della compagnia di assicurazione del responsabile. Davanti al Giudice dell’ Udienza Preliminare, dott. Aldo Giancotti, A.R. era difeso dagli avv.ti Giulio Tulimiero del Foro di Avellino e Danilo Laurino del Foro di Salerno.

Share
- Advertisment -

Popolari

Rete elettrica. Incontro Provincia-Terna-ministro D’Incà. Padrin: «Chiediamo a Terna di conoscere i piani relativi all’intero Bellunese»

La Provincia di Belluno ha incontrato oggi i vertici di Terna, per continuare a ragionare dei miglioramenti infrastrutturali che riguardano le reti elettriche del...

Grandi opere. Padrin: «Belluno assente ma lavoriamo affinché le Olimpiadi risolvano i nostri gap». Bond: «Ennesima dimenticanza del Bellunese»

«Non posso dire di non essere sorpreso. Ma sicuramente le strategie relative alle Olimpiadi, pur non rientrando espressamente nella lista grandi opere per il...

Belluno, record di cassa integrazione. Paglini (Cisl): “A un passo dal baratro, serve un piano territoriale per l’occupazione e il rilancio”

"Eravamo preoccupati prima di leggere i dati, ma i numeri sono numeri e non lasciano spazio a interpretazioni: Belluno è la provincia veneta che...

Recovery Fund e Piano di Ripresa. 210 miliardi della UE da spendere e rendicontare entro il 2026. L’Italia sarà in grado? Probabilmente no

Il 2020 anno nefasto causa pandemia. Risalire si può, con le risorse UE (Recovery Fund e Piano di Ripresa e Resilienza Next Generation EU),...
Share