13.9 C
Belluno
mercoledì, Settembre 30, 2020
Home Cronaca/Politica "Sono una normale donna del Veneto. Sono una partita Iva che non...

“Sono una normale donna del Veneto. Sono una partita Iva che non vive di politica” Rosanna Filippin candidata della Mozione Bersani stamattina a Belluno

Rosanna Filippin
Rosanna Filippin

“Il mio sogno? Costruire un Partito Democratico veneto per davvero, garante delle autonomie e capace di incidere nel futuro della nostra regione”. Rosanna Filippin, candidata della mozione Bersani alla segreteria regionale del Partito Democratico si è presentata così, oggi, a Belluno, in una conferenza stampa a cui hanno preso parte anche Valerio Tabacchi, referente provinciale della mozione Bersani, Guido Trento, consigliere regionale, Claudia Bettiol, ex vice presidente della Provincia e Marco Perale, esponente bellunese dell’area Bindi. “Sono una normale donna del Veneto. Sono una partita Iva, che non vive di politica. Ho svolto il ruolo di segretario provinciale del Pd, a Vicenza, e so cosa significa stare in trincea: in 20 mesi ho percorso 50 mila chilometri. So anche in che modo il Pd può costruire delle esperienze vincenti: come ha fatto a Vicenza un anno fa e a Bassano del Grappa nelle ultime amministrative. Occorre ripartire da quei modelli, aprendo il Partito Democratico al rapporto con le civiche e con l’Udc”. Sulle polemiche recenti della Lega, la Filippin ha dichiarato: “Più che del dialetto e degli inni regionali, credo che i veneti si preoccupino in questi giorni del futuro del loro lavoro, delle loro fabbriche, dei loro redditi. Alla Lega queste cose evidentemente non interessano”. E riguardo al dibattito sulle alleanze, la Filippin ha aggiunto: “Credo che le strategie per le prossime regionali non possano essere decise a Roma. Sono i veneti che devono scegliere. E lo stesso – avverte – dovrà valere in futuro anche per le candidature. Basta con i nomi dell’apparato paracadutati dalla capitale”. Valerio Tabacchi ha riassunto le ragioni della scelta a favore della mozione Bersani. “Vogliamo un partito strutturato, radicato e popolare che sia capace di raccogliere le istanze dei territori riducendo la distanza della politica dalle persone”. Guido Trento, invece, ha annunciato i contenuti del documento che sarà sottoposto a Pierluigi Bersani in collaborazione con i sostenitori dell’ex Ministro delle provincie di Verbania e Sondrio. Una proposta sulle politiche per la montagna: “Dobbiamo favorire la residenzialità, garantendo i servizi essenziali, trasporti, ospedali e scusole incluse, incentivando i giovani che recuperano abitazioni di montagna e tagliando in misura consistente l’Irpef per i nuclei familiari con meno di 40 mila euro di reddito annuo. Dobbiamo sostenere le imprese, riducendo l’Irap ed eliminando l’Iva per i comuni montani. Infine dobbiamo elaborare progetti seri di sviluppo, non come ha fatto la Giunta Galan che si è disinteressata della montagna ignorando le potenzialità della nostra provincia per quanto concerne la green economy ed il turismo”.

Share
- Advertisment -



Popolari

Sicurezza, frazioni, scuole: Ponte nelle Alpi guarda al futuro con il Dup

Il Comune di Ponte nelle Alpi pianifica il futuro. E lo fa attraverso il Dup, Documento Unico di Programmazione 2021-2023, che proprio oggi viene...

Super Ecobonus e lotta all’inquinamento: riapre lo Sportello PubblichEnergie a Ponte nelle Alpi

Il tema del risparmio energetico è diventato centrale nella quotidianità di un gran numero di persone. Anche a Ponte nelle Alpi. E così, dopo...

Targhe estere. Rimosso il blocco per i lavoratori transfrontalieri. De Menech: “Continuiamo il lavoro per rimuovere gli ostacoli posti da Salvini e le Lega”

Roma, 30 settembre 2020   Il Parlamento ha parzialmente risolto oggi uno tra i tanti problemi creati dai Decreti Salvini, il blocco della circolazione in...

Progetto “Alps 2030”. Ultimi giorni per le candidature

Ultimi giorni per presentare la propria candidatura per il progetto “Alps 2030”, promosso da CIPRA, e che vedrà protagonisti anche tre giovani bellunesi: scadono...
Share