13.9 C
Belluno
mercoledì, Dicembre 2, 2020
Home Pausa Caffè Savio alla Alpifind Pallavolo Belluno

Savio alla Alpifind Pallavolo Belluno

 Federico Savio, 1,90 di altezza, classe 1980, fisico asciutto di chi ha sempre praticato sport, è il nuovo centrale della Alpifind Pallavolo Belluno. «L’unico momento in cui non ho ricoperto quel ruolo è stato agli esordi, nelle giovanili, ma per pochissimo tempo» rivela l’atleta. Che ha un passato da globe trotter, come amano ricordare i vari biografi. Ha iniziato nella palestra di Sospirolo ed ha proseguito in quella di Sedico come ricorda con un po’ di nostalgia. «A quei tempi io e mio fratello, a bordo del “cinquantino” ingombrati dai borsoni e con qualsiasi condizione meteorologica, effettuavamo il percorso Sospirolo – Sedico e ritorno per allenamenti e partite – racconta Savio – Ora, chi mai spingerebbe un nostro ragazzino a tali peripezie quando il calcio può assicurare un campetto e una società sotto casa, se non addirittura un servizio di trasporto dedicato? I costi per una prima categoria di calcio sono paragonabili a quelli sostenuti da società di volley di B2 ma nonostante questo gli sponsor prediligono ancora i campi da gioco in erba trascinandosi appresso un congruo numero di praticanti». Sospirolo, Sedico, Santa Giustina, sono le prime ribalte del giovane Federico fino alla fortuna, e bravura, di essere notato a soli 16 anni e lanciato nella pallavolo che conta prima come rincalzo ma, dopo poco, già come titolare. Come mai ora a Belluno? «Da qualche tempo le mie scelte sportive le ho subordinate a quelle lavorative. Questo è avvenuto a Fiemme, a Parabiago e ora qui in provincia dove sono impiegato presso un istituto di credito. In passato non ho disdegnato delle sfacchinate in auto per raggiungere la sede degli allenamenti ma col tempo le priorità cambiano. Inoltre i progetti del presidente Bez mi sono parsi più concreti rispetto a quelli di altre formazioni che mi hanno contattato». Cosa pensa dell’utilizzo del vivaio per una squadra che ambisce ad una serie maggiore? «Ho un po’ perso di vista il settore giovanile provinciale maschile, ma so che le società impegnate in questo settore sono ormai pochissime. Quindi il livello dei campionati di categoria e di divisione non può essere esaltante. Per mirare al salto in B2 è prioritario ricorrere ad innesti esterni con un occhio al budget ma contemporaneamente è necessario selezionare dei solidi rincalzi dal vivaio anche mandando i più talentuosi a fare esperienza fuori provincia». Il suo impegno con la Alpifind Pallavolo Belluno è limitato ad un anno? «Dal punto di vista sportivo sono “ padrone di me stesso” e a questa posizione privilegiata non voglio rinunciare. L’impegno limitato ad una sola stagione, quindi, è solo una questione tecnica non legata a ipotesi di nuovi progetti sul lungo periodo. Se potrò essere utile alla società trovando anche degli stimoli per divertirmi non vedo ostacoli per il futuro, lavoro permettendo». Vero che una rondine non fa primavera ma “kikko” Savio è una di quelle rondini che in B2 ci ha fatto spesso il nido. Basta dare un’occhiata al suo curriculum sportivo 

1993-1995      Sospirolo                                            U14-16

1995-1996      Sedico                                                U18

1996-1997      Sedico                                                D-B1

1997-1999      Santa Giustina                                     B2

1999-2000      Sedico                                                 C

2001-2002      Dolomiti Volley                                    D

2002-2003      Dolomiti Volley                                   C

2003-2004      San Donà                                            B2

2004-2005      Valdobbiadene                                     B2

2005-2007      Trenta Volley (Fiemme Fassa)             B2

2007-2008      Parabiago (MI)                                    B2

2008-2009      Iveco Marmi Motta                              C

2009-2010      Alpifind Pallavolo Belluno                    C

 

Share
- Advertisment -

Popolari

Fondo Comuni Confinanti. De Menech: «Anticipati ai comuni 16,5 milioni di cui oltre 8 milioni e mezzo per Belluno»

Belluno, 2 dicembre 2020  -  Interventi per il potenziamento della didattica a distanza, della telemedicina e il rafforzamento del trasporto pubblico locale. Si muove...

Contributi per studiare all’estero dall’Inps. Fino a 15mila € per i figli di dipendenti e pensionati pubblici che vogliono frequentare una scuola superiore in...

Dal 10 dicembre 2020 all'11 gennaio 2021 sarà possibile partecipare al "Programma Itaca", bando – erogato dall'INPS – che assegna una borsa di studio a figli di...

Canè, Triches, Baorche. Avviati a Limana i lavori post-Vaia

Limana, 01 dicembre 2020  -  Non si fermano a Limana i lavori per ridurre il rischio idrogeologico ed idraulico in diverse località del Comune. Dopo...

Via libera all’assestamento di bilancio: il Comune di Ponte nelle Alpi investe nelle opere pubbliche

Semaforo verde alle variazioni al bilancio, dopo l'ultima seduta del consiglio comunale di Ponte nelle Alpi. Nella prima variazione, un occhio di riguardo è stato...
Share