13.9 C
Belluno
domenica, Settembre 20, 2020
Home Arte, Cultura, Spettacoli La Biblioteca civica secondo i propri utenti. I risultati di un'indagine di...

La Biblioteca civica secondo i propri utenti. I risultati di un’indagine di customer satisfaction: utenti soddisfatti ma vorrebbero di più

Maria Grazia Passuello assessore alla Cultura
Maria Grazia Passuello assessore alla Cultura

Per la seconda volta – la prima era stata nel 2004 – la Biblioteca civica di Belluno ha testato la soddisfazione dei propri utenti con un’indagine di customer satisfaction. A questo scopo è stato redatto un questionario, somministrato con la tecnica dell’intervista a 250 utenti, durante le vacanze natalizie del gennaio 2009 e nei mesi di febbraio e marzo 2009 (da parte della stagista Sara De Podestà Rengo). I 250 intervistati sono 152 maschi e 98 femmine di età compresa tra i 14 e gli 80 anni (di cui ben 117 nella fascia tra i 19 e i 39 ), si è considerato il titolo di studio (prevalgono scuola media superiore e laurea – rispettivamente 123 e 60), la professione (prevalgono gli studenti – 157); il domicilio (soprattutto bellunesi, anche se il 30% proviene da altri comuni della provincia). Rispetto al profilo di utilizzo, ben 68 utenti dei 250 intervistati risultano utenti fissi della biblioteca, con più di 4 volte al mese. E’ molto frequentata la sala di lettura per testi propri (120 utenti), anche se prevale l’uso del patrimonio librario della biblioteca (134 tra prestiti, ricerche, emeroteca e consultazioni varie); la fascia di orario preferita è quella pomeridiana (157 utenti). Passando alla batteria di domande sulla qualità percepita del servizio, risultano apprezzati: il lavoro e la disponibilità del personale (su una scala da 1 a 4, si attestano tra 3 e 4, 207 utenti) la ricchezza delle raccolte (140), la varietà e l’organizzazione dei servizi (159). Sintetizzando l’analisi di varie domande (soddisfazione e percezione dell’importanza rispetto ai servizi, commenti liberi nell’ultima domanda aperta, emergono tuttavia attese e criticità: di primaria importanza sono gli spazi, molte lamentele per il sovraffollamento e per la carenza di posti a sedere e la convivenza di più utenti con esigenze diverse; si chiedono più spazi per la consultazione, per lo studio, per l’emeroteca, per la biblioteca dei ragazzi, spicca l’esigenza di rendere più accessibili le raccolte, di nuovi servizi e di un numero maggiore di postazioni internet. Qualcuno lamenta la scarsa luminosità delle sale di lettura a causa del muro in sala di lettura e del cubo del cortile. L’orario è giudicato in prevalenza soddisfacente ma ben 118 utenti vorrebbero l’orario continuato dalle 9 alle 19 da lunedì a venerdì e il sabato mattina. Pesa anche la scarsa disponibilità di postazioni multimediali (dove ascoltare musica e vedere film) e la mancanza di servizi internet a libero accesso 103 utenti vorrebbero la biblioteca a scaffale aperto per la consultazione dei documenti moderni. I risultati dell’indagine sono stati attentamente vagliati dall’assessore alla Cultura, Maria Grazia Passuello: “Innanzitutto un plauso alla biblioteca per la trasparenza con cui si mette in gioco facendosi valutare di suoi utenti, dovrebbe essere pratica comune da parte di tutti i servizi, pubblici e privati, ma sono ancora pochi a voler rischiare. Detto questo, è incontestabile che la Biblioteca si conferma come un servizio apprezzato e utilizzato anche da utenti di fuori comune. E’ ormai da anni un punto di riferimento, soprattutto per i giovani alle cui esigenze si è saputa adeguare e che in qualche caso ha anticipato. Penso alla prenotazione on line, alle notizia via newsletter e SMS, all’emeroteca, alla trasposizione digitale dell’archivio documentale e fotografico. Certo, il margine di miglioramento è ancora vasto, in particolare relativamente agli spazi e all’uso libero di internet. Senza voler richiamare i pesanti limiti economici che affliggono gli enti pubblici e l’ovvia impossibilità di rimediare in tempi brevi alla richiesta di più spazio, cercheremo in ogni caso di tenere in considerazione questa indagine nella programmazione delle attività e nell’organizzazione del lavoro. Per i prossimi anni, in assenza di grandi eventi, ci concentreremo sulla valorizzazione e il miglioramento di questo servizio per renderlo sempre più vicino alle esigenze del pubblico e fare della Biblioteca un sicuro riferimento culturale per la città e tutto il territorio bellunese”.

Share
- Advertisment -



Popolari

Esercitazione dei vigili del fuoco ad Alleghe

Oltre 60 vigili del fuoco, tra permanenti e volontari, con 20 automezzi l’elicottero Drago 71 e personale del centro telecomunicazioni regionale, hanno preso parte...

Riapre la caccia, ma c’è ancora illegalità in Italia. Il caso del Veneto

Pubblicato l'annuale rapporto del CABS sui reati venatori. Lo studio prende in esame le comunicazioni istituzionali delle forze dell'ordine, stampa accreditata, interventi delle Guardie...

Elezioni 2020. Regionali, referendum sul taglio dei parlamentari, suppletive Senato, Comuni. Affluenza, exit poll e risultati

Urne aperte domenica 20 settembre dalle 7 alle 23, e domani lunedì dalle 7 alle 15 per il voto del referendum costituzionale sul taglio...

Interventi di soccorso domenica e sabato sera a Cortina

  Belluno, 20 - 09 - 20  Alle 14 circa l'elicottero del Suem di Pieve di Cadore è decollato in direzione del Passo Tre Croci,...
Share