13.9 C
Belluno
lunedì, Marzo 1, 2021
Home Cronaca/Politica Elisoccorso, i presidenti della Conferenza dei Sindaci Ulss 1 e 2 scrivono...

Elisoccorso, i presidenti della Conferenza dei Sindaci Ulss 1 e 2 scrivono a Palazzo Balbi

I due presidenti delle Conferenze dei sindaci delle Ulss di Belluno e Feltre, Angelo Paganin e il senatore Gianvittore Vaccari (nella foto in prima pagina), hanno scritto all’assessore regionale delle Politiche sanitarie Sandro Sandri per mantenere il servizio di elisoccorso nelle 24 ore per le province di Belluno e Treviso. “Egregio Assessore – scrivono i presidenti Paganin e Vaccari – ci rivolgiamo a lei sulla base delle cortesi, documentate e condivisibili argomentazioni esposte dal Primario del SUEM dell’Ulss n°1, dott. Angelo Costola, a sostegno della prosecuzione del Servizio di Elisoccorso sulle 24h. per le Provincie di Belluno e Treviso. La documentazione attestante la validità dell’esperienza sperimentale di un anno Le è stata consegnata in occasione della visita dell’11 febbraio u.s.. Sono proseguite in provincia le attività di messa a norma delle elisuperfici, 8 già attive altre 4 in completamento. Anche gli Ospedali
riceventi stanno adeguando la ricettività alle esigenze di una moderna concezione di medicina che
necessita per particolari urgenze di un immediato trasporto ai centri di riferimento specializzati di
area regionale. Le chiediamo pertanto un cortese interessamento per giungere alla definitiva
istituzionalizzazione del Servizio di elisoccorso sulle 24h o almeno, in alternativa, qualora ciò fosse
in tempi brevi impossibile, alla prosecuzione biennale della sperimentazione.
Inoltre siamo del parere che la sede del servizio debba rimanere nella Provincia di Belluno
e non in altre, perché è nella nostra che vi è una maggiore necessità di questo servizio che diventa
fattore di pari opportunità e di ugualità per i nostri cittadini. Chiediamo altresì che la Regione Veneto si attivi per assicurare gli adeguati trasferimenti per sostenere il servizio che è indispensabile per garantire ai cittadini del Veneto che vivono in montagna le stesse opportunità di salute di quelli che vivono in pianura. Infine, auspichiamo che vengano attivati dei meccanismi di aggiudicazione del servizio di elisoccorso improntati sul miglior rapporto fra costi, benefici, qualità ed efficacia.
Confidando nella Sua consueta disponibilità cogliamo l’occasione per porgere cordiali
saluti”.

Share
- Advertisment -

Popolari

Conclusa l’Italia Polo Challenge Cortina 2021

Cortina d'Ampezzo, 28 febbraio 2021  -  Giocatori e cavalli protagonisti di Italia Polo Challenge Cortina 2021 lasciano la vallata ampezzana con la soddisfazione di aver...

Due interventi del Soccorso alpino

Belluno, 28 - 02 - 21   Attorno alle 12.40 l'elicottero del Suem di Pieve di Cadore è intervenuto nel comune di Tambre, per uno...

Grubissa (Federfarma) chiede un confronto al nuovo direttore generale della Ulss Dolomiti Maria Grazia Carraro

La distribuzione dei farmaci sul territorio, la collaborazione in occasione di campagne di prevenzione, le difficoltà di gestione della ricetta dematerializzata e l'erogazione dei...

L’assessore Lanzarin risponde sui 52 milioni destinati alle Ulss venete, esclusa Belluno

Dopo le varie proteste per i mancati stanziamenti della Regione Veneto all'Ulss 1 Dolomiti (nulla dei 52 milioni), nell'ordine, quella del sindaco di Belluno...
Share