13.9 C
Belluno
mercoledì, Agosto 10, 2022
Home Cronaca/Politica Ponte nelle Alpi, rinnovato il Consiglio dei cacciatori

Ponte nelle Alpi, rinnovato il Consiglio dei cacciatori

Domenica 31 maggio, presso la sala della Cooperativa di Soccher si è svolta l’annuale raccolta in assemblea dei cacciatori della Riserva Alpina di caccia di Ponte nelle Alpi. Con l’anno 2009 finiva anche la carica del direttivo uscente, si è così colta l’occasione per delineare un bilancio dei cinque anni passati, rendicontando soprattutto tutte quelle opere che la riserva svolge in tutela del territorio. La carica di Presidente è stata rinnovata a Paolo De Vettor. Tutti gli obiettivi programmatici relativi al recupero ambientale, sono stati ottimamente raggiunti. Sabato 30 maggio, una gruppo di cacciatori della riserva, accompagnati dai rappresentanti degli organi preposti, hanno provveduto alla posa delle nuove tabelle di conterminazione del Parco delle Dolomiti Bellunesi, per l’area presente nel Comune di Ponte nelle Alpi. I nuovi confini, i cui punti erano già stati segnati in via provvisoria in autunno assieme ai tecnici preposti dal PNDB, si sono resi necessari per un più facile e sicuro lavoro di vigilanza da parte degli organi competenti e per ottimizzare l’esercizio venatorio. La riserva alpina di caccia di Ponte nelle Alpi si dimostra ancora una volta attenta alla gestione dell’area naturale ove svolge la propria attività, e ancora una volta si è distinta per l’attenzione a tutto campo sul territorio, per migliorare la sicurezza di chi frequenta la montagna non con il solo scopo di cacciare, ma come semplice svago. Oltre all’area del Serva, sono state compiute opere di ripristino ambientale anche nelle aree prative un tempo soggette al pascolo ed ora in abbandono. Il lavoro dei soci è stato sempre costante, in concordato con i proprietari dei terreni e con la comunità montana per i compensi relativi. Il gruppo di cacciatori di Ponte con il loro operato lungimirante, dimostrano che un esercizio venatorio così inteso è auspicabile per la gestione del territorio, in armonia con le istituzioni che lo governano e i cittadini che lo abitano.

Share
- Advertisment -

Popolari

Tre Cime. Dolomiti Bus si scusa con i viaggiatori: «Stiamo installando una nuova obliteratrice per diminuire i tempi di attesa»

Questa mattina si sono registrati alcuni ritardi nel servizio Dolomiti Bus relativo alle Tre Cime di Lavaredo. La biglietteria è rimasta inattiva per un'ora...

Auronzo Comelico, De Menech: “Sentenza storica del Tar”

Belluno, 9 agosto 2022   -   "Accogliamo con soddisfazione la sentenza del Tar grazie alla quale sono stati rigettati i nuovi vincoli paesaggistici su Auronzo...

Rigenerazione dell’ex caserma Fantuzzi, il consiglio provinciale vara l’atto di indirizzo preliminare alla permuta con l’Agenzia del Demanio

Approvato anche il Dup 2023-2025. Padrin: «Raggio dell'azione di governo ridotto per il crollo delle entrate» L'idea di riqualificare l'ex caserma Fantuzzi e realizzare una...

Vincoli Comelico-Auronzo, la Provincia tra i vincitori del ricorso. Il presidente: «La tutela della montagna non può prescindere dalla lotta allo spopolamento»

«Se c'è una pietra tombale sulla tutela della montagna e dei paesaggi dolomitici, è lo spopolamento, nient'altro. Lo ha compreso anche il Tar». È il...
Share