13.9 C
Belluno
martedì, Settembre 29, 2020
Home Cronaca/Politica Ancora fuoco contro Bottacin mercoledì alla presentazione della lista di centro Udc-Pab...

Ancora fuoco contro Bottacin mercoledì alla presentazione della lista di centro Udc-Pab con Pierluigi De Cesero candidato presidente della Provincia

«Bottacin inizialmente dà la sua disponibilità. Poi la ritira. Poi obbedisce all’ordine e diventa il candidato del centrodestra. Salvo dichiarare in questi giorni alla stampa che avrebbe fatto volentieri a meno». La bordata al leghista Bottacin oggi arriva da Pierluigi De Cesero, candidato presidente della Provincia per la coalizione di centro Udc-Patto per Belluno con Celeste Balcon, che mercoledì 6 maggio è stata presentata ufficialmente, al Centro Giovanni 23mo. Più vellutato Da Rin Zanco, nella scomodissima posizione di assessore in Comune di Belluno nell’alleanza di centrodestra che definisce quindi il «nostro alleato». L’affondo al centrosinistra arriva da Celeste Balcon, che legge in fretta gli appunti e dice «così com’è, la Provincia è un ente inutile! E se vincerà ancora il centrosinistra con Sergio Reolon, assisteremo a un film già visto, fatto di una politica vecchia». Poi però aggiunge «quello che non ci è piaciuto del centrodestra sono le lotte sotterranee in prossimità delle elezioni» riferendosi al Comune di Belluno. Il candidato De Cesero tocca alcuni temi classici della politica locale. Parla di quei comuni che volevano passare al Trentino, «una circostanza che andava gestita meglio». Poi passa al mondo del lavoro e invoca «una progettualità per diversificare l’economia nel nostro territorio. Le imprese hanno interrotto l’emigrazione – aggiunge – ma ora bisogna proteggere l’economia da aggressioni esterne». Accenna al sociale, ai poli sanitari e conclude dicendo che «la provincia può essere mantenuta solo se si limita al coordinamento, senza sovrapposizioni con i Comuni». E del resto, sarebbe stato grottesco che un candidato a presidente della Provincia avesse proclamato l’inutilità della stessa…

Share
- Advertisment -



Popolari

Marchon Italia: accordo sindacale sullo smart working

Diritto alla disconnessione, tre giornate massime di smart working alla settimana, flessibilità della prestazione lavorativa. Sono alcuni degli elementi che caratterizzano l'accordo sullo smart...

Caffè pedagogico. Appuntamento on line il 5 e 9 ottobre per genitori con bambini da 0 a 6 anni

Il “Caffè Pedagogico” è un’Associazione culturale costituita nel 2017 da un gruppo di professionisti amanti del mondo dell’infanzia, convinti del valore pedagogico in educazione...

Fondo solidarietà bilaterale artigianato bloccato. Scarzanella: imprenditori senza assegno da maggio

«Il lockdown e la pandemia continuano a mettere in ginocchio il mondo dell'artigianato. La situazione comincia a farsi insostenibile». È quanto afferma la presidente...

Ulss 1 Dolomiti. Riapre la scuola elementare di Quartier Cadore dopo la quarantena

Ecco la situazione dell'emergenza covid alla Ulss 1 Dolomiti aggiornata ad oggi 29 settembre. Nelle ultime 24 ore sono emerse 3 nuove positività: un uomo di...
Share