13.9 C
Belluno
lunedì, Settembre 21, 2020
Home Cronaca/Politica L'assessore Larese Filon sollecita la Regione per l’aumento del fondo di rotazione...

L’assessore Larese Filon sollecita la Regione per l’aumento del fondo di rotazione

La mancata erogazione dei fondi previsti nel bilancio regionale 2009 per la legge 18 sulle aree di confine sta accentuando le difficoltà per le aziende bellunesi. 50 imprese che hanno già operato investimenti per un totale di 7 milioni di euro sono in attesa di ricevere i finanziamenti ai quali hanno diritto ma che non sono ancora stati erogati. «Un momento di crisi economica – afferma Daniela Larese Filon, assessore provinciale alle politiche del lavoro – necessita un cambiamento della struttura industriale. Le aziende bellunesi lo stanno facendo, ma hanno bisogno di aiuti. Finora hanno potuto contare sul fondo di rotazione previsto dalla legge regionale 18 sulle aree di confine, che si è rivelata un ottimo strumento per il sostegno dell’impresa grazie alla poca burocrazia necessaria per accedere ai finanziamenti, erogati con rapidità. Ma ora è necessario che la Regione deliberi l’ampliamento del fondo, come previsto nel bilancio 2009». Il presidente della Provincia Sergio Reolon e l’assessore provinciale alle politiche del lavoro, Daniela Larese Filon hanno scritto al riguardo una lettera all’assessore regionale per lo sviluppo economico, Vendemiano Sartor, nel quale sollecitano venga dato seguito alle assicurazioni sull’ampliamento del fondo di rotazione. In un incontro tenutosi a febbraio Sartor aveva prospettato come possibile soluzione uno stanziamento di 3 milioni di euro. A tutt’oggi però la delibera non è stata ancora fatta. La Provincia di Belluno, da sempre promotrice presso le aziende del territorio della legge sulle aree di confine, perché in grado di dare un aiuto concreto alle imprese, già a partire dal 2006 ha sollecitato la Regione a considerare un aumento dei fondi previsti, dato il pericolo di overbooking, con molte aziende che, certe di un pronto finanziamento, avrebbero investito per innovare, trovandosi poi in difficoltà nel ripianare i debiti contratti. «Dal 2006 ho avuto numerosi incontri con gli assessori regionali – spiega Larese Filon – nei quali ho sollecitato un ampliamento del fondo di rotazione, visto l’alto numero di richieste pervenute in Provincia. La Regione ha sempre promesso ma non ha mai mantenuto gli impegni». Nel 2008, dopo una serie di incontri e sollecitazioni la Regione ha accettato di inserire nel bilancio 2009 un aumento delle somme destinate al fondo di rotazione per le aree di confine. Ad oggi, però, i tempi tecnici non hanno ancora permesso di portare in giunta regionale la delibera. «Così 50 imprese bellunesi si trovano in difficoltà – chiude Larese Filon – in attesa di vedere rimborsati gli investimenti fatti, per un totale di oltre 7 milioni di euro. In un momento di crisi  non essere in grado di supportare le aziende significa danneggiare tutta la provincia di Belluno».

Share
- Advertisment -



Popolari

Verona, elezioni suppletive al Senato. Trionfo di De Carlo che ricorda Bertacco: “Il centrodestra unito è inarrestabile; questo esecutivo non risponde più alla nazione”

Luca De Carlo è stato eletto senatore. E' il primo nella storia a ricoprire il ruolo di deputato e senatore nel corso della stessa...

Accesso ai servizi Inps. Collaborazione con la Provincia, Comuni e Unioni montane

E' stata presentata questa mattina a Palazzo Piloni, sede della Provincia, l'accordo di collaborazione tra Inps, Amministrazioni comunali locali del territorio e Unioni montane....

Vince il sì, vince il popolo sovrano. Il futuro Parlamento avrà 600 membri, 345 in meno dell’attuale

I dati non sono ancora noti, ma le proiezioni non lasciano dubbi. Davvero qualcuno poteva credere che il popolo sovrano si precipitasse in massa...

Regionali Veneto 2020: di quanto Zaia supererà se stesso?

Questa sera, lunedì 21 settembre, sapremo di quanto Zaia ha superato sé stesso accingendosi per la terza volta a fare il presidente di Regione....
Share