13.9 C
Belluno
giovedì, Maggio 13, 2021
Home Cronaca/Politica L'assessore Larese Filon sollecita la Regione per l’aumento del fondo di rotazione...

L’assessore Larese Filon sollecita la Regione per l’aumento del fondo di rotazione

La mancata erogazione dei fondi previsti nel bilancio regionale 2009 per la legge 18 sulle aree di confine sta accentuando le difficoltà per le aziende bellunesi. 50 imprese che hanno già operato investimenti per un totale di 7 milioni di euro sono in attesa di ricevere i finanziamenti ai quali hanno diritto ma che non sono ancora stati erogati. «Un momento di crisi economica – afferma Daniela Larese Filon, assessore provinciale alle politiche del lavoro – necessita un cambiamento della struttura industriale. Le aziende bellunesi lo stanno facendo, ma hanno bisogno di aiuti. Finora hanno potuto contare sul fondo di rotazione previsto dalla legge regionale 18 sulle aree di confine, che si è rivelata un ottimo strumento per il sostegno dell’impresa grazie alla poca burocrazia necessaria per accedere ai finanziamenti, erogati con rapidità. Ma ora è necessario che la Regione deliberi l’ampliamento del fondo, come previsto nel bilancio 2009». Il presidente della Provincia Sergio Reolon e l’assessore provinciale alle politiche del lavoro, Daniela Larese Filon hanno scritto al riguardo una lettera all’assessore regionale per lo sviluppo economico, Vendemiano Sartor, nel quale sollecitano venga dato seguito alle assicurazioni sull’ampliamento del fondo di rotazione. In un incontro tenutosi a febbraio Sartor aveva prospettato come possibile soluzione uno stanziamento di 3 milioni di euro. A tutt’oggi però la delibera non è stata ancora fatta. La Provincia di Belluno, da sempre promotrice presso le aziende del territorio della legge sulle aree di confine, perché in grado di dare un aiuto concreto alle imprese, già a partire dal 2006 ha sollecitato la Regione a considerare un aumento dei fondi previsti, dato il pericolo di overbooking, con molte aziende che, certe di un pronto finanziamento, avrebbero investito per innovare, trovandosi poi in difficoltà nel ripianare i debiti contratti. «Dal 2006 ho avuto numerosi incontri con gli assessori regionali – spiega Larese Filon – nei quali ho sollecitato un ampliamento del fondo di rotazione, visto l’alto numero di richieste pervenute in Provincia. La Regione ha sempre promesso ma non ha mai mantenuto gli impegni». Nel 2008, dopo una serie di incontri e sollecitazioni la Regione ha accettato di inserire nel bilancio 2009 un aumento delle somme destinate al fondo di rotazione per le aree di confine. Ad oggi, però, i tempi tecnici non hanno ancora permesso di portare in giunta regionale la delibera. «Così 50 imprese bellunesi si trovano in difficoltà – chiude Larese Filon – in attesa di vedere rimborsati gli investimenti fatti, per un totale di oltre 7 milioni di euro. In un momento di crisi  non essere in grado di supportare le aziende significa danneggiare tutta la provincia di Belluno».

Share
- Advertisment -

Popolari

104mo Giro d’Italia. Il 19 maggio la diretta della presentazione della tappa dolomitica del 24 maggio

Il 19 maggio alle ore 11 avrà luogo nella Sala Consiliare del Comune di Cortina, in Corso Italia n. 33 la presentazione della tappa...

Divide et impera. Terna ci riprova trattando separatamente con i singoli Comuni

Terna pare aver fatto sua la strategia di Giulio Cesare, "Divide et impera" e riprende la trattativa separata con i singoli Comuni. Alcuni dei...

Sfregiati gli affreschi del rustico di Villa Patt a Sedico. Cibien: “Sporgeremo denuncia”

Brutta sorpresa per i tecnici della Provincia di Belluno. Nei giorni scorsi un sopralluogo a Villa Patt (a Sedico) ha fatto scoprire una serie...

DolomitiBus cerca autisti. Il supermercato Kanguro di Agordo cerca macellaio e la sede di Cortina addetto al reparto frutta, verdura, gastronomia

DolomitiBus cerca autista di autobus per il territorio Bellunese. Pronta disponibilità di mansione su Agordo. Oltre che della guida dei mezzi aziendali per il...
Share