13.9 C
Belluno
lunedì, Marzo 4, 2024
HomeArte, Cultura, SpettacoliBando per residenza creativa teatrale a Dolomiti Hub Edizione 2024

Bando per residenza creativa teatrale a Dolomiti Hub Edizione 2024

Al via la seconda edizione di residenza creativa teatrale al Dolomiti Hub. Il 2023 è stato un banco di prova per ‘ArtePrima’, una formula con cui coinvolgere artisti di varia estrazione e provenienza, ospitando nello scenario suggestivo delle Prealpi Bellunesi allo scopo di far crescere i propri progetti artistici, prendendo ispirazione anche dal contesto.

Per quanto riguarda il teatro, dopo l’esperienza con Cristina Gianni, Margherita Bertoli, Anna Cappellari, conclusa il 22 agosto 2023 con la messinscena del primo studio di Due di Una, Dolomiti Hub rilancia una call per una residenza artistica più strutturata, aperta fino al 2 aprile.
Dolomiti Hub è nato infatti dalla vocazione di attivare opportunità per il territorio e promuovere talenti di varia natura. Sin dall’inizio ha integrato l’arte tra gli ambiti di
proprio interesse, oltre all’educazione e alla formazione, agli spunti di sviluppo
economico e professionale, alle sollecitazioni verso forme di innovazione dei
processi, dei prodotti, del networking. In un contesto storico iperproduttivistico e
orientato a superare con urgenza e senza tregua i risultati acquisiti, gli spettacoli di
teatro, di cinema, di musica, che abbiamo ospitato, hanno permesso alla nostra
comunità di non dimenticare che la parte sensibile di ciascuno di noi chiede di
mantenere il proprio spazio, di avere occasioni di contatto con la bellezza, di spunti
per uno sguardo rinnovato su ciò che ci circonda, di riflessione introspettiva, di
esplorazione del proprio immaginario e delle proprie emozioni, infine di
aggregazione al di là di obiettivi utilitaristici. Consideriamo quindi l’arte in tutte le
sue manifestazioni uno strumento imprescindibile di crescita personale e collettiva,
spesso capace di illuminare zone d’ombra o di interpretare il reale da angolature
sghembe ed indicarci prospettive alternative. Pertanto non sono potuti mancare
attenzione ed investimenti per poterla sostenere e proporre nei nostri spazi.

Quest’anno Dolomiti Hub allarga l’orizzonte delle attività generative e aggiunge una
prospettiva in più al proprio ruolo di incubatore di progetti. Dopo alcune esperienze
sperimentali e feconde di sostegno ad artisti alla ricerca di un laboratorio per le
proprie idee, Dolomiti Hub ha istituito un bando per selezionare artisti singoli o
compagnie di teatro a cui poter offrire una residenza creativa.
In cosa consiste? Una struttura può mettere gratuitamente a disposizione i propri
spazi e le proprie attrezzature per consentire agli artisti selezionati di realizzare un
progetto soltanto ideato. Nello specifico, il teatro vive in una dimensione spaziale e
sensoriale complessa: se si fonda su un testo, non è in esso che si esaurisce, anzi; la
drammaturgia entra in dialogo con lo spazio, i corpi che lo abitano, i movimenti, le
luci, le musiche, la distanza o la prossimità con una platea, il coinvolgimento o meno
del pubblico. Tutti elementi che perlopiù vengono focalizzati attraverso la ricerca e
la sperimentazione in scena, non in fasi precedenti. Uno spettacolo teatrale,
pertanto, ha l’intima necessità di un palco per nascere. Ma quanti spazi sono
disponibili, soprattutto per autori emergenti, dove sviluppare un’idea di partenza?
Gli artisti coi quali in questi anni ci siamo confrontanti ne confermano una carenza
molto limitante, sia per quantità, che per costi e condizioni di accesso, precluso ai
soggetti non ancora affermati. Molti progetti promettenti, pertanto, non vengono
alla luce o non maturano il loro massimo potenziale.

“Abbiamo perciò pensato di contribuire a colmare questo vuoto e di offrire delle
chance, istituendo un bando rivolto ad artisti singoli o compagnie, orientati al
professionismo, operanti nell’ambito del teatro contemporaneo, sperimentale e/o
performativo. Per 10 giorni, tra il 13 e il 24 maggio, la Sala Visioni sarà disponibile
per i vincitori affinché sviluppino uno spettacolo da condividere il 25 maggio con la
nostra platea – ha affermato Silvia De March referente della sezione teatrale di
Dolomiti Hub. Nel corso delle prove sarà offerta anche la consulenza di esperti
teatrali per restituire indicazioni di sviluppo. Nello stesso periodo, inoltre, non sono
escluse occasioni di presentazione al pubblico del processo creativo in fieri.
La selezione sarà vagliata da un comitato scientifico di cui fanno parte, oltre a
membri di Dolomiti Hub, esponenti di solide realtà organizzative, produttive e
formative in ambito teatrale, con le quali da tempo Dolomiti Hub collabora e si
confronta: Carichi Sospesi (Padova), Officina delle Pezze (Imer, TN), Slowmachine
Dolomiti Lab S.r.l. Impresa Sociale (Belluno), Tib Teatro (Belluno). L’adesione di queste realtà conferisce una garanzia di accuratezza nella scelta. Esse stesse hanno aderito con entusiasmo, riconoscendo in questa un’occasione per intercettare progetti ed artisti meritevoli, da tenere in considerazione anche al di là delle finalità del bando stesso. Un aspetto che sigla una volta in più la natura di Dolomiti Hub, quale snodo in cui convergono i giusti fili per creare reti virtuose che a loro volta possono diventare generative di altre
opportunità.

I criteri di partecipazione sono molto flessibili e libero è il tema. “Ci aspettiamo
pertanto di raggiungere un bacino molto ampio e di concludere la raccolta delle
candidature confrontandoci con l’imbarazzo della scelta. La preferenza andrà a
proposte inedite che abbiano un’attinenza pregnante con l’interpretazione del nostro
presente e la ricerca in esso di senso; e, inoltre, che denotino una ricerca estetica
non limitata alla qualità del contenuto o dell’interpretazione ma che tenga conto
anche della complessità dei linguaggi scenici”, ha riferito Silvia De March.
Tutto questo è possibile grazie alla fiducia e alla partecipazione convinta di un
partner essenziale: Energia 365, una società di consulenza e servizi specializzata in
risparmio energetico e ottimizzazione delle risorse per aziende e privati. La
accomuna a Dolomiti Hub non solo la passione per il teatro, ma anche la struttura
organizzativa fondata sul networking e la convergenza di competenze. Nello spazio
coworking di Dolomiti Hub infatti è presente Marino Guerriero di Energia 365 che vi
svolge il suo lavoro e che condivide appieno lo spirito dell’impresa sociale. Alla
conferenza stampa ha invece presenziato l’amministatore unico Claudio Cevolani,
confermando la sua persuasione nell’opportunità di sostenere la cultura come
infrastruttura sociale essenziale.
Promuovere la cultura genera benessere.
Il bando integrale è visibile nel nostro sito
https://dolomitihub.it/dh_eventi/open-call-residenza-teatrale-2024/
Le domande dovranno essere presentate entro e non oltre il 2 aprile 2024 e inviate
a teatro@dolomitihub.it .

- Advertisment -

Popolari