13.9 C
Belluno
sabato, Marzo 2, 2024
HomeLavoro, Economia, TurismoUn passo avanti verso la trasparenza delle etichette per il Miele, Confetture...

Un passo avanti verso la trasparenza delle etichette per il Miele, Confetture e zafferano bellunese

Chiara Bortolas

Storico sì della Commissione ambiente del Parlamento Europeo all’obbligo di indicare la provenienza per il miele e della frutta utilizzata in succhi e marmellate. Per il Miele vengono rese ancora più trasparenti le etichette con l’indicazione delle percentuali dei mieli provenienti dai diversi Paesi nelle miscele. Lo rende noto con soddisfazione Coldiretti- Belluno in riferimento all’adozione del progetto di relazione in Commissione ambiente del Parlamento Europeo sulla cosiddetta Direttiva “Breakfast”.,

“Un passo importante fortemente sollecitato dalla Coldiretti – dice la Presidente Provinciale Chiara Bortolas- impegnata da danni nel percorso di trasparenza dell’informazione ai consumatori sull’origine degli alimenti portati a tavola, a tutela della libertà di scelta” nel sottolineare che si tratta di “un risultato reso possibile dalla sensibilità dimostrata dagli Eurodeputati che ora dovrà essere mantenuta nel Parlamento in plenaria e poi difesa al trilogo tra Commissione, Parlamento e Consiglio”.

Le importazioni di prodotti low cost da destinare alla trasformazione industriale dove spesso non vengono rispettati gli stessi criteri in termini di rispetto dell’ambiente, del lavoro e della sicurezza alimentare, secondo il principio di reciprocità a discapito delle nostre produzioni a volte fortemente limitate dai fattori climatici e meteo.

La svolta in atto sul miele e sulla frutta completa un percorso iniziato nel 2000 con l’obbligo di indicare la provenienza della carne bovina consumata che si è esteso grazie alla battaglia della Coldiretti in Europa e in Italia, dal latte alla passata di pomodoro, dai formaggi ai salumi, dal riso e pasta fino a decorrere dal 1 gennaio 2025 alla frutta e verdura in busta, noci, mandorle, nocciole ed altri frutti sgusciati, agrumi secchi, fichi secchi e uva secca, funghi non coltivati e zafferano

- Advertisment -

Popolari