13.9 C
Belluno
sabato, Gennaio 28, 2023
Home Sport, tempo libero L’autenticazione biometrica è la nuova frontiera a difesa dei cellulari

L’autenticazione biometrica è la nuova frontiera a difesa dei cellulari

I cellulari sono diventati i custodi dei nostri dati sensibili, una sorta di cassaforte di informazioni da portarsi sempre dietro. Questo li rende appetibili per i malintenzionati che tramite essi possono appropriarsi non solo dei codici per accedere al nostro conto in banca, ma anche della nostra identità digitale che possono poi utilizzare per i loro loschi traffici. La protezione garantita dai PIN molto spesso non si rivela sufficiente per impedire ad hacker e ladri di entrare in contatto con le nostre informazioni riservate. Servirebbe qualcosa di più difficile da bypassare, che metta veramente alla prova le loro capacità. Un aiuto in tal senso ci arriva dalla biometria che oggi viene sempre più spesso utilizzata per rendere i nostri smartphone davvero sicuri: l’autenticazione biometrica è la nuova frontiera a difesa dei cellulari.

Cosa si intende per biometria e autenticazione biometrica

Ogni individuo è unico. I tratti somatici, le impronte digitali, il colore dell’iride sono solo alcune delle caratteristiche fisiche che possono essere prese in considerazione per identificare una persona. Si chiama biometria la scienza che si occupa di studiare le grandezze biofisiche del soggetto e i suoi comportamenti, per metterli al suo servizio. L’autenticazione biometrica non fa altro che servirsi di tale disciplina per rilevare l’identità di un utente. Oggi trova una grande applicazione nel settore dei dispositivi mobili in quanto è molto più semplice e affidabile rispetto a un qualunque PIN: grazie ad essa, infatti, non è necessario avere una memoria da elefante per poter accedere al proprio cellulare e alle tante app in esso presenti.

La biometria a servizio dei dispositivi mobili

Principalmente si basano sull’identificazione visiva, vocale e delle impronte digitali. Affinché uno smartphone riesca a identificare il suo proprietario in base a determinati parametri, è necessario sia munito di sensori digitali avanzati, quali lettori di impronte digitali, microfoni, fotocamere e touch screen. Tutti, o quasi, i dispositivi in commercio oggi dispongono di tali strumenti; solo quelli più obsoleti, o creati apposta per soddisfare una determinata fascia di utenti che con la tecnologia non riesce proprio a confrontarsi, ne sono privi.

  • Autenticazione visiva

Forse non abbiamo mai pensato, osservando il volto di una persona, alla distanza che può esistere tra i suoi occhi, o tra la fronte e il mento. Eppure è questo che fa il nostro cellulare per identificarci: una volta scattata la nostra foto la trasforma in numeri.  Misurando le distanze suddette e altre, come la distanza pupillare, la larghezza della bocca, ecc., crea quindi la nostra firma facciale, unica e inconfondibile, la sola che sbloccherà app e dispositivo.

  • Autenticazione vocale

L’autenticazione vocale viene utilizzata soprattutto per garantire la sicurezza delle applicazioni. Una volta che la voce dell’utente viene registrata, viene memorizzata la sua impronta vocale, che sarà messa a confronto con quella che si sente al momento in cui viene richiesto l’accesso. Il vantaggio di questo sistema di riconoscimento è che può essere utilizzato anche se si hanno le mani occupate.

  • Autenticazione tramite impronta digitale

In questo caso non c’è molto da spiegare. Da sempre le impronte digitali vengono utilizzate per identificare i soggetti. Grazie ai sensori montati sotto il display del cellulare, permettono facilmente di sbloccarlo ogni volta che serve.

Conclusione

Oggi tutti gli smartphone sono dotati di tantissimi sistemi di sicurezza biometrici e non, per proteggere i tuoi dati. D’altra parte, visto che questi dispositivi diventano di mese in mese più potenti, versatili e multitasking, sempre più persone li stanno usando come strumenti principali di lavoro. Qui sono conservati dati riguardanti le professioni, dati bancari, dati sensibili e molto altro ancora. Acquistando uno smartphone potente e prestazionale, progettato per essere tanto utile nella vita privata quanto nel lavoro, potrai godere di tutte le garanzie della protezione biometrica. Uno dei modelli che ti consigliamo è l’honor 70 recensione e scheda tecnica ti faranno capire quanto sia funzionale.

 

 

 

 

 

Share
- Advertisment -

Popolari

Soccorso alpino e droni: attività e prospettive

Il passaggio al nuovo anno è il momento in cui si tirano le somme del passato e si pianifica il futuro. Il Soccorso alpino...

Moda: gli accessori più importanti per una donna

Per rendere meglio l'idea potremmo dire che gli accessori femminili stanno all'abbigliamento come l'illuminazione sta all'arredamento di una stanza. Se scelti bene, possono far...

Caso Miramonti. L’immobiliarista Corsini scrive a tutte le autorità elencando le criticità rilevate

C’è un nuovo intervento dell’immobiliarista romano Matteo Corsini che oggi ha inviato una comunicazione a tutte le autorità sul caso del Grand Hotel Miramonti...

Safilo Longarone. Segreterie regionali Filctem Cgil – Femca Cisl – Uiltec Uil: 472 lavoratori ritenuti non più strategici

Ieri, giovedì 26 gennaio presso la sede di Veneto Lavoro, si è tenuto alla presenza dell’Assessore Elena Donazzan l’incontro fra le OO.SS e l’Amministratore...
Share